martedì 4 settembre 2018

Se Salvini dimentica il generale Dalla Chiesa…


Carlo Alberto Dalla Chiesa
Emanuele Lauria
Nel profluvio social di Matteo Salvini, nella sua produzione letteraria fatta di migliaia di tweet e post su Facebook, un intervento è mancato ieri. Una parola, un semplice ricordo pubblico di qualche riga per il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa e la moglie Emanuela Setti Carraro. Nel giorno del ventiseiesimo anniversario della loro uccisione per mano mafiosa, il ministro dell’Interno poteva - se non essere presente - versare almeno una goccia di memoria nel mare dei social network. Un dovere civile che diversi suoi predecessori al Viminale avevano esercitato, direttamente in via Carini. Ora, è vero che nel luogo dell’agguato ieri c’era il sottosegretario Stefano Candiani, suo braccio destro, ma è vero pure che il leader della Lega non lesina solitamente sforzi per dare solidarietà alle vittime di atti di criminalità di migranti, siano essi clandestini o meno. Una dichiarazione pubblica, in qualsiasi forma, sarebbe almeno servita ad allontanare il sospetto che il governo non considera d’un tratto la mafia un’emergenza di serie B.
La Repubblica Palermo, 4 settembre 2018


Nessun commento: