venerdì 25 maggio 2018

Nel giorno dell’anniversario della strage di Capaci il Sindaco di Palermo consegna Palazzo Gulì al Centro Impastato per "No Mafia Memorial"

Inaugurazione del "No Mafia Memorial" - ph. M. Vera Genchi

Proprio nel giorno del 26° anniversario della strage di Capaci, No mafia Memorial, il progetto del Centro siciliano di documentazione Giuseppe Impastato per la realizzazione di un Memoriale-laboratorio della lotta alla mafia, ha compiuto un nuovo decisivo passo. Il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando e l’Assessore alla rigenerazione urbanistica e urbana Emilio Arcuri hanno consegnato al Centro Impastato i locali di Palazzo Gulì, sull’antico Cassaro, via principale della Palermo storica. "A quarant’anni dalla morte di Peppino Impastato e nell'anno in cui Palermo è Capitale della Cultura - ha dichiarato il Sindaco Leoluca Orlando - l'avvio di questa nuova avventura è un momento importante. Quello straordinario patrimonio di conoscenza, memoria e cultura rappresentato dal Centro Siciliano di Documentazione, diviene il seme su cui far nascere conoscenza, memoria e cultura collettiva. Il Comune ha sposato il progetto fin dalle prime battute, cercando e trovando strumenti e soluzioni perché potesse concretizzarsi nel modo migliore. Il No mafia Memorial, nel cuore del percorso Arabo-Normanno, diverrà certamente uno dei luoghi più conosciuti e visitati di Palermo, perché ancora una volta sia chiaro come Palermo è capace di legare la propria storia, per quanto dolorosa possa essere, alla costruzione del proprio futuro."

No mafia Memorial è una nuova istituzione culturale che racconta il forte impatto che la mafia ha avuto sulla società, ricostruisce la storia dell’associazione mafiosa e delle lotte contro di essa attraverso la rappresentazione di un processo che ha assunto il significato di una lotta di liberazione. Un Memoriale-laboratorio generatore di esperienze originali educative e multiformi che utilizza nuovi linguaggi e soluzioni tecnologiche capaci di attrarre, emozionarecoinvolgere i visitatori. Dove dare voce alle diverse narrazioni oltre i luoghi comuni, proporre riflessioni e chiavi interpretative ai palermitani e al pubblico italiano e internazionale che visita la Città, uno spazio dove far nascere nuove idee e nuove pratiche per contribuire a formare una nuova identità e a costruire di cambiamento sociale.
Palazzo Gulì da oggi è il “cantiere aperto” che porterà alla realizzazione compiuta di No mafia Memorial. A breve partirà la prima campagna di comunicazione, curata dall’agenzia Yes I am di Roma, finalizzata a un ancora più ampio coinvolgimento dei cittadini.
No mafia Memorial voluto e ideato dal Centro Impastato – afferma il Presidente Umberto Santino - e condiviso dal Comune di Palermo, ha coinvolto due importanti partner a livello nazionale come RAI e Banca Etica, soggetti rappresentativi del Terzo settore, Addiopizzo, Casa Memoria Felicia e Peppino Impastato e oltre 150 familiari di vittime, studiosi, docenti, magistrati, giornalisti, rappresentanti di associazioni, fondazioni. Da oggi, a Palazzo Gulì, i promotori, i partner e tutti coloro che vogliono collaborare, sono impegnati in una campagna di raccolta dei fondi necessari per la realizzazione di un progetto che vuole essere condiviso e collettivo”.


Nessun commento: