sabato 12 maggio 2018

Felicia Impastato: "Chistu unn'è me figghiu!"

Felicia Impastato accarezza la foto del figlio Peppino
La storia di Felicia Impastato è sicuramente un esempio di coraggio e forza. Con lei morta il 7 Dicembre del 2004 se n'è andato uno dei simboli più veri della lotta contro la mafia. La forza di una mamma che ha combattuto la mafia con l'arma della giustizia, senza mai cadere nella stupidità della vendetta mafiosa; una donna che ha messo al mondo dei figli eccezionali mostrando come la Sicilia non è solo "terra di mafia" ma anche la culla di persone fiere e oneste che danno la loro vita per la giustizia e la legalità. Pubblichiamo questa struggente e bella poesia in dialetto siciliano, scritta da Umberto Santino.
LA MATRI DI PIPPINU:
Chistu unn'è me figghiu.
Chisti unn' su li so manu.
Chista unn'è la so facci.

Sti quattro pizzudda di carni un li fici iu.
Me figghiu era la vuci chi grirava 'nta chiazza
era lu rasolu ammulatu di li so paroli
era la rabbia
era l'amuri
chi vulia nasciri
chi vulia crisciri.
Chistu era me figghiu quannu era vivu,
quannu luttava cu tutti:
mafiusi, fascisti, omini di panza
ca un vannu mancu un suordu
patri senza figghi
lupi senza pietà.
Parru cu iddu vivu
un sacciu parrari cu li morti.
L'aspettu iornu e notti,
ora si grapi la morta,
trasi, m'abbrazza,
lu chiamu, è nna so stanza chi sturia,
ora nesci, ora torna,
la facci niura comu la notti,
ma si riri è lu suli chi spunta pi la prima vota,
lu suli picciriddu.
Chistu unn'è me figghiu,
stu tabbutu chinu di pizzudda di carni
unn'è Pippinu.
Cca rintra ci sunnu tutti li figghi
chi un puottiru naciri di n'autra Sicilia.

Traduzione:
Questo non è mio figlio. Queste non sono le sue mani, questo non è il suo volto, questi brandelli di carne non li ho fatti io. Mio figlio era la voce che gridava nella piazza, era il rasoio affilato dalle sue parole, era la rabbia, era l'amore che voleva nascere, che voleva crescere. Questo era mio figlio quando era vivo, quando lottava contro tutti, mafiosi, fascisti, uomini d'onore, che non valgono neppure un soldo, padri senza figli, lupi senza pietà. Parlo con lui da vivo, non so parlare con i morti. L'aspetto giorno e notte, ora si apre la porta, entra, mi abbraccia, lo chiamo, è nella sua stanza a studiare, ora esce, ora torna, il viso nero come la notte, ma se ride è il sole che spunta per la prima volta, il sole bambino. Questo non è mio figlio, questa bara piena di brandelli di carne non è Peppino: qui dentro ci sono tutti i figli non nati di un'altra Sicilia.

Nessun commento: