sabato 21 aprile 2018

Trattativa Stato mafia: ecco la sentenza dopo 5 anni di processo. Condannati Dell'Utri, Mario Mori e Ciancimino. Assolto Mancino

Da sx: Nicola Mancino, Nino Di Matteo, Mario Mori

La Corte d'assise di Palermo, presieduta da Alfredo Montalto, ha condannato i generali del Ros Mario Mori e Antonio Subranni, l'ex senatore di Forza Italia Marcello Dell'Utri e il boss Antonino Cinà a 12 anni di carcere. La Corte ha inoltre condannato il boss Leoluca Bagarella a 28 anni di carcere ed e' la pena piu' pesante. Otto anni al colonnello Giuseppe De Donno. Stessa pena per Massimo Ciancimino. Prescrizione per Giovanni Brusca. Assolto l'ex ministro Nicola Mancino, che era accusato di falsa testimionianza. Dopo 5 anni di processo ecco la sentenza Stato mafia che riscrive la storia della trattativa.

I capi di accusa
Gli ex vertici del Ros Mario Mori e Antonio Subranni sono stati condannati a 12 anni per minaccia a corpo politico dello Stato. A 12 anni, per lo stesso reato, e' stato condannato l'ex senatore di Forza Italia Marcello Dell'Utri, a 28 anni sempre per minaccia a corpo politico dello Stato, e' stato condannato il capo mafiaLeoluca Bagarella. Per lo stesso reato dovra' scontare 12 anni il bosso Antonino Cina'. L'ex ufficiale del RosGiuseppe De Donno, per le stesse imputazioni, ha avuto 8 anni. Massimo Ciancimino, accusato in concorso in associazione mafiosa e calunnia dell'ex capo della polizia De Gennaro, ha avuto 8 anni.
Stato-mafia: "trattativa ci fu" e Ros e Dell'Utri protagonisti 
La trattativa ci fu secondo i giudici della Corte d'assise di Palermo. Sono stati dichiarati infatti tutti colpevoli del reato per minaccia e violenza al corpo politico dello Stato. Per Marcello Dell'Utri sono punite le condotte commesse contro il governo Berlusconi e non contro gli altri governi. In sostanza i carabinieri del Ros sono condannati per i fatti commessi fino al 1993; Dell'Utri per i fatti del 1994: da una parte la trattativa sarebbe stata intavolta dai carabinieri, dall'altra da Dell'Utri. Assolto Nicola Mancino che rispondeva pero' solo di falsa testimonianza.
Stato-mafia: cronistoria di 5 anni di processo e polemiche
Tempo di verdetti. Quasi cinque anni di processo, circa 220 udienze e oltre 200 testimoni: oggi la sentenza, annunciata per le 16 nell'aula bunker del carcere Pagliarelli. Il presidente della Corte d'assise di Palermo Alfredo Montalto, al termine delle dichiarazioni spontanee di Nicola Mancino, lunedì scorso, intorno alle 10.30, aveva dichiarato chiuso il dibattimento, iniziato il 27 maggio 2013, ritirandosi con il collegio in camera di consiglio. Un procedimento poderoso. Boss, politici e carabinieri sono accusati di avere intavolato un dialogo scellerato tra la mafia e le istituzioni. Una trattativa finalizzata a fare cessare gli attentati e le stragi, avviati nel 1992 e proseguiti nel '93, per indurre lo Stato a piegarsi alle richieste dei padrini di Cosa nostra.
Affaritaliani.it, Venerdì, 20 aprile 2018

Nessun commento: