martedì 28 febbraio 2017

Roma, presidio per chiedere al Parlamento una rapida approvazione del Codice Antimafia


Misilmeri, dove l’obeso è “disabile”

DALL'INVIATO DE LA REPUBBLICA
EMANUELE LAURIA
Viaggio nella capitale siciliana degli assistiti per handicap “gravissimi”, veri o fasulli. Sono 110, più di tutto il Piemonte Il Comune ha inserito pure chi ha un deficit della memoria. In un anno 564mila euro di aiuti, andati a 34 cooperative
IL CASO MISILMERI. Nella capitale dei disabili c’è l’assistito con «deficit della memoria», quello obeso e l’altro ancora con «turbe del comportamento». C’è un campionario vasto e insondabile di patologie che vale, per ciascuna famiglia, un assegno da poco più di quattromila euro l’anno. Misilmeri si trova, suo malgrado, al centro di uno scandalo, almeno presunto, che ha 110 facce. Quante sono le facce dei portatori di handicap catalogati come «gravissimi». Questo distretto, che comprende altri comuni del comprensorio, è diventato un caso nel caso: è uno dei luoghi della Sicilia in cui si è registrato il boom più significativo di disabili dal 2013 al 2015: da 65 a 110, appunto. E nell’anno di mezzo, il 2014, la cifra era salita addirittura a 132. Ci sono più disabili «gravissimi» nel distretto di Misilmeri che in quello di Palermo. O nell’intero Piemonte, come ha rilevato l’ex dirigente generale delle Politiche sociali Antonella Bullara.

sabato 25 febbraio 2017

Bagheria, ricordato il dirigente della Cgil Agostino Aiello. La figlia: "Nessuna rapina, quella sera mio padre è stato ucciso dalla mafia"

Un momento  della manifestazione di ieri a Bagheria
E' stata ricordata ieri a palazzo Cutó la figura di Agostino Aiello, dirigente della Camera del Lavoro di Bagheria tra gli anni Quaranta e gli anni Sessanta, ucciso la sera del 24 dicembre di 40 anni fa. L'iniziativa è stata organizzata dalla Cgil di Palermo e dalla Cgil di Bagheria. Aiello, sindacalista e politico, era una persona metodica, ferma, inflessibile, molto amata, di grande rigore morale. Resta il mistero di questa morte violenta. Ai funerali popolari parteciparono circa 10 mila persone"Nessuna rapina. Mio padre è stato ucciso dalla mafia", ha detto ieri Maria Concetta Balistreri, in una video-intervista con l'Associazione "Memoria e Futuro", rompendo il silenzio, durato quarant'anni, sulla morte del padre Agostino Aiello, segretario della Camera del Lavoro di Bagheria, ucciso il 24 dicembre 1976. Indagini lampo, nessun processo, nessun colpevole. La morte di Aiello rimane un mistero. L'assassinio sarebbe stato causato da una rapina finita male. Una versione inaccettabile per la figlia che spera di far riaprire le indagini per avere giustizia. La Cgil è impegnata a sostenere questa ricerca di verità e giustizia.
GUARDA IL VIDEO
GUARDA L'INTERVISTA DELLA FIGLIA CONCETTA BALISTRERI

Giovanni Ruffino, fondatore della scuola palermitana di linguistica italiana, nominato accademico ordinario della Crusca

Il prof. Giovanni Ruffino
Giovanni Ruffino, fondatore della scuola palermitana di linguistica italiana, ex preside della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Palermo, è stato nominato martedì scorso Accademico ordinario della Crusca. Un altro importante riconoscimento al più grande dialettologo italiano vivente! Complimenti al carissimo amico prof. Ruffino.
L’Accademia della Crusca nomina 9 nuovi accademici
Lunedì 20 febbraio 2017 il Collegio degli Accademici della Crusca, riunito in seduta straordinaria, ha nominato 9 nuovi accademici.Sono stati nominati Accademici ordinari: Giancarlo Breschi, Giovanna Frosini, Giuseppe Patota, Giovanni Ruffino, Mirko Tavoni. Sono stati nominati Accademici corrispondenti italiani: Federigo Bambi e Claudio Ciociola. Sono stati nominati Accademici corrispondenti esteri: Jean-Jacques Marchand e Brian Richardson. Le nuove nomine si aggiungono a quelle del novembre scorso di cinque Accademici corrispondenti esteri: Matthias Heinz, John Kinder, Ottavio Lurati, Bruno Moretti e Darío Villanueva Prieto.
Il corpo accademico risulta ora composto da 80 accademici suddivisi in 3 classi: gli Accademici ordinari (38) e gli Accademici corrispondenti a loro volta suddivisi in italiani (16) e esteri (26).

Corleone in corsa il 12 marzo con il 1° Trofeo Mongiovì

Lo sport è di casa a Corleone e il 12 marzo prossimo la cittadina in provincia di Palermo, ospiterà il primo trofeo podistico Mongiovì, gara di circa 10 km che attraverserà le vie e gli angoli più suggestivi della cittadina, “toccando” le Cascate delle due Rocche che regaleranno uno scorcio di ineguagliabile bellezza. La manifestazione sarà il secondo appuntamento del Circuito Grand Prix provinciale che ha preso il via domenica scorsa da Cefalù. La gara di Corleone è sostenuta dalla Farmacia Mongiovì, con gulottacube srl, agenzia di comunicazione, organizzatrice dell’evento e responsabile del marketing.  Testimonial della manifestazione sarà Matteo Giammona, volto noto nel panorama dell’atletica siciliana e originario di Corleone.  Una carriera lunga e costellata da grandi soddisfazioni quella di Giammona: pluricampione italiano di Maratonina, è arrivato quarto ai campionati del Mondo di Triathlon e per ben due volte si è classificato tra i primi cento assoluti alla Maratona di New York.  L’evento oltre a vedere protagonisti atleti di diverse società siciliane, coinvolgerà anche alcune società sportive locali corleonesi. Tra queste l’ASD Atletico Corleone, la Civitas Animosa, la Corleone Marathon e la Asd Nag Corleone bike. Spazio anche alle categorie giovanili linfa vitale e insostituibile per tutto il movimento. Saranno i più piccoli, ad aprire la kermesse agonistica, ognuno con le sue distanze in base all’età.

venerdì 24 febbraio 2017

Carabinieri operazione “Horus”, sequestrati beni al capo della piazza di spaccio della Zisa

Vincenzo Bagnasco
Nella giornata di ieri i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Palermo San Lorenzo, hanno proceduto al sequestro ai fini della confisca di beni immobili e conti correnti la cui proprietà era riconducibile a Vincenzo BAGNASCO, 34enne palermitano, ritenuto uno dei finanziatori e promotori dell’associazione dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti operante nella zona di via Cipressi. Il provvedimento, emesso dal Tribunale di Palermo, scaturisce dalla proposta di misura di prevenzione patrimoniale avanzata dal Nucleo Operativo di San Lorenzo a conclusione dell’attività d’indagine, chiamata “Horus”, grazie alla quale nel 2014 sono state eseguite 29 ordinanze di misure cautelari, che hanno portato alla disarticolazione di un intero gruppo criminale, dedito al traffico di sostanze stupefacenti. 

Pranzo solidale al comando legione carabinieri sicilia

PALERMO: Ieri, l'arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice si è recato presso la Caserma “Carlo Alberto Dalla Chiesa”, sede del Comando Legione Carabinieri Sicilia dove è stato accolto dal Comandante, Generale di Brigata Riccardo Galletta e dal cappellano militare, Don Salvatore Falzone. L’incontro è avvenuto presso la sala di rappresentanza del Comando Legione dove è stato organizzato un pranzo solidale a cui hanno partecipato, a fianco di monsignor Lorefice, del generale Galletta e del comandante provinciale colonnello Antonio Di Stasio,  alcuni ospiti, circa una sessantina, della “Missione di Speranza e Carità” diretta da Biagio Conte anche lui presente insieme ai volontari. Allo stesso vi ha partecipato il direttore della Caritas Diocesana di Palermo Don Sergio Mattaliano. Un pranzo ricco non solo di deliziose portate ma carico dei migliori sentimenti. Con l’incontro odierno si vuole testimoniare che anche con la semplice condivisione di un pasto si può contrastare il disagio sociale accogliendo ed ascoltando i meno fortunati.


Palermo. “Parla il lavoro”. Iniziativa il 28 al Santa Cecilia per il referendum promosso dalla Cgil

Palermo 24 febbraio 2017 – Lunedì 27 alle ore 10,30, al Teatro Santa Cecilia, la Cgil Palermo terrà una conferenza stampa per presentare, assieme al cartello di associazioni che sostiene il referendum della Cgil, l'iniziativa “Parla il Lavoro” che si terrà martedì 28, alle 9.30, al Teatro Santa Cecilia. Una grande convention pubblica per lanciare la campagna sui Referendum della Cgil alla città, alle associazioni, al mondo dell'arte, della cultura, dello spettacolo, dell'informazione, ai politici. E per mettere a fuoco, attraverso la testimonianza di una decina di lavoratori con le loro storie emblematiche, attraverso il racconto delle diseguaglianze, della povertà diffusa, del lavoro precario, della legalizzazione del lavoro nero con i voucher, dei cambi d'appalto, il tema del lavoro, della dignità del lavoro, importante per la vita delle persone. Il dialogo sarà alternato da parentesi musicali e narrative. Interverranno anche gli esponenti delle associazioni e dei movimenti.
L'iniziativa del 28 è promossa da Auser, Udu, Federconsumatori, Reds, Centro Pio La Torre, Arci, Anpi, Comitato 12 luglio, Centro arcobaleno 3P, libera, Legambiente, Addiopizzo, Cgil.

giovedì 23 febbraio 2017

Lascari, demolita la stazione ferroviaria di "Nuovo Cinema Paradiso"

Era stata costruita nel 1887 e dal 1988 tutti la conoscevano come la mitica stazione di Giancaldo, simbolo della partenza di Totò nel film di Tornatore “Nuovo Cinema Paradiso”. Ieri sera le ruspe hanno abbattuto l’antica stazione Lascari-Gratteri per lasciare posto al progetto del raddoppio ferroviario del primo lotto della linea ferroviaria tra Fiumetorto e Castelbuono. “Il progetto di Italferr è stato approvato nel 2003 in occasione della conferenza dei servizi a cui hanno partecipato tutti i rappresentanti degli enti locali e della Regione e purtroppo il tracciato impattava esattamente con la stazione”, dice il sindaco di Lascari Giuseppe Abate. “La nostra amministrazione, che si è insediata nel 2010, non ha quindi potuto fare nulla per impedire una decisione già presa - prosegue Abbate – resta però il rammarico di aver perduto un sito che appartiene al nostro patrimonio storico che ogni anno veniva visitato da diversi gruppi di turisti giapponesi che cercano il luoghi del film di Tornatore”. La stazione era comunque ferma dallo scorso 18 dicembre, quando è stata inaugurata la nuova fermata di Lascari che si trova ad appena 300 metri. 
(di Tullio Filippone Foto Lascariweb)
22 febbraio 2017

Sanità. Apprendi: “morti sospette” all’ospedale Ingrassia, presentata interrogazione all’Ars

L'Ospedale "Ingrassia" di Palermo
“Il governo regionale disponga un’inchiesta per accertare l’esatto accadimento dei fatti denunciati  dall’associazione ANIO sui sospetti casi di malasanità avvenuti nell’ospedale ‘Ingrassia’ di Palermo, e per verificare eventuali responsabilità”. Lo dice il parlamentare regionale del PD Pino Apprendi, che ha presentato una interrogazione all’Ars rivolta al presidente della Regione ed all’assessore regionale alla Salute. Apprendi fa riferimento a sei “morti sospette”, decessi avvenuti a seguito di interventi di chirurgia ortopedica eseguiti all’interno dell’Ingrassi, finiti in questi giorni sulle cronache di stampa. “In base alle segnalazioni dell’ANIO – scrive Apprendi nell’interrogazione - in alcuni dei casi di ‘morti sospette’ si sarebbe dovuto intervenire con maggiore tempestività in relazione all’età dei pazienti ed al quadro clinico che gli stessi presentavano. Invece operazioni da effettuare entro 48 ore dal ricovero sono state rinviate fino ad una settimana”.

Magneti Cowork e Spazio Cultura Libreria Macaione insieme per la "sharing cultures"

Magneti Cowork all'interno dei suoi locali di via Emerico Amari 148, grazie alla collaborazione con Spazio Cultura Libreria Macaione, ha installato uno spazio destinato alla lettura e al relax con testi di editoria indipendente forniti appunto dalla storica libreria di via Marchese di Villabianca 102. Nell'ottica della “sharing cultures”, le due imprese palermitane, a partire da oggi, si uniscono in un percorso condiviso, che apre una finestra sul mondo dell'editoria indipendente all'interno del Magneti Cowork e viceversa sul mondo dei coworker presso i locali di Spazio Cultura. Questa infatti, sarà soltanto la prima pagina di una storia, che condurrà le due aziende a collaborare su iniziative e strategie d' investimento culturale condivise. Sono già 25 i testi disponibili, tutti editi dalla casa editrice Spazio Cultura, che potranno essere letti, gratuitamente, presso la caffetteria del Magneti Cowork.

Pio La Torre: appello per un monumento in suo ricordo

Pio La Torrett
di ELOISA ZERILLI
Per il trentacinquesimo anniversario dall'eccidio di Pio La Torre e Rosario di Salvo sarà installato un monumento in via Sauro: l'appello per una sottoscrizione nazionale
Un progetto per rendere omaggio a Pio La Torre: un uomo, ancor prima che un politico e un sindacalista. È attiva una sottoscrizione nazionale per dare vita ad un monumento che possa ricordare lui e Rosario di Salvo: dopo essere stata realizzata, l'opera sarà collocata in via Nazario Sauro. L'idea è quella di realizzare l'opera grazie al contributo di tutti: per questo è partita una sottoscrizione nazionale di donazioni da parte di privati, che coinvolti insieme alla figlia di Rosario Di Salvo, Tiziana, il deputato regionale Pd all'Ars Pino Apprendi, intervenuto a nome dell'associazione Antigone e Sergio Infuso. Le offerte per realizzare il monumento sono libere e possono essere effettuate con un versamento presso Unicredit – agenzia Palermo Emanuele Orlando attraverso l'IBAN: IT 68 R 02008 04692 000104580958 con la causale "Un Monumento per Pio La Torre e Rosario Di Salvo".

Sciascia e Parigi. Lo scrittore nella città, a cura di Giorgio Longo

Leonardo Sciascia
di Gaetanina Sicari Ruffo
Il volume pubblicato di recente da Passim Editore (2016) raccoglie gli Atti della Giornata di Studi “Sciascia e Parigi” tenutasi il 9 novembre 2009 presso l’Istituto Italiano di Cultura di Parigi, firmati da amici ed estimatori. Un testo ricercato, gradevole e propositivo nel suo genere che chiarisce in modo ragionato ed attento i rapporti privilegiati che legarono lo scrittore siciliano Sciascia alla città di Parigi in cui si recava spesso e di cui era innamorato.
Leonardo Sciascia è lo scrittore dalla “coscienza propositiva e lucida” che ha cercato di penetrare il male di vivere della sua Sicilia, e quindi dell’Italia tutta, per svelarne il potere nascosto della politica e del suo ambiguo giogo di falsità e corruttela. Come tale è lo scrittore della modernità più in auge, perché sulla pista giusta per accostarsi all’attualità e denunziare i guasti del sistema che mina le basi stesse della coesistenza pacifica. LEGGI TUTTO

Visto da "AltriItaliani": la surreale scissione del PD.

Matteo Renzi
dNICOLA GUARINO
Ancora una volta a sinistra, ammesso che la classificazione abbia un senso, ci si divide. Non si divide sui contenuti, all’apparenza si dividerebbe sulle procedure congressuali, qualcosa che difficilmente potrebbe essere compreso dai sostenitori del PD. Cosa c’è, allora dietro? Mentre sono ore cruciali per i destini del primo partito italiano, cerchiamo di capire i reali motivi di questa lunga guerra tra maggioranza e minoranza.Ci risiamo come successo troppe volte nella sua storia anche questa volta ci troviamo alla vigilia di una più che probabile scissione. L’ex segretario Bersani ha rivolto un caldo appello all’attuale maggioranza del partito, che si riconosce nella linea Renzi, affinché prevalga l’interesse nazionale e si eviti questo ennesimo e doloroso strappo al partito e alla sinistra. Per la verità l’appello ha dell’incredibile, visto che è proprio Bersani che insieme a D’Alema ed una buona parte dell’attuale minoranza PD che ha minacciato di lasciare il partito. LEGGI TUTTO

COSA/CHI COSTITUISCE UNA FAMIGLIA?

"Cosa/chi costituisce una famiglia?" Bellissimo momento di riflessione, lo scorso 17 febbraio, guidato dall'interessante intervento del professor Giuseppe Savagnone, nell'ambito del "Caffè Teologico", svoltosi nel complesso monumentale Sant'Agostino di Corleone. È emerso che il dono di sé è sicuramente la base per costruire una relazione, anche familiare. Grazie anche a Francesco e Luca che hanno dato testimonianza del loro tipo di unione "non tradizionale", aiutandoci a riflettere. A seguito della loro autorizzazione, proprio il loro intervento vogliamo pubblicare. Grazie a Mario Alfieri per la collaborazione (d.p.)
 ***
FAMIGLIA SIAMO ANCHE NOI 
LUCA e FRANCESCO 
Salve a tutti, ci spiace molto non essere presenti fisicamente, ma abbiamo comunque voluto affidare ad un foglio di carta la nostra testimonianza. Siamo Luca e Francesco, e siamo una famiglia. Noi stiamo insieme da 7 anni, il nostro legame è forte, la sintonia alta e abbiamo da sempre percepito che la nostra storia sarebbe stata di quelle “per sempre”. Ci teniamo a precisare che noi non abbiamo mai fatto attivismo politico per i diritti lgtb, non amiamo le ostentazioni e contestiamo alcune delle modalità in cui il mondo lgtb manifesta nei “gay pride”; al contrario abbiamo sempre fatto della sobrietà il modo di manifestare al mondo il nostro diritto di essere una coppia.
Che cosa e chi costituisce una famiglia?

Asp di Palermo: la direzione strategica denuncia per procurato allarme l'associazione nazionale per le infezioni osteo-articolari

Palermo 22 febbraio 2013 - la direzione strategica dell' asp di palermo ha provveduto a denunciare per "procurato allarme" l'associazione nazionale per le infezioni osteo-articolari (a.n.i.o.)  che, in un comunicato stampa, evidenziava presunti recenti casi di malasanità all'ospedale ingrassia di palermo. "la gravità e la falsità delle affermazioni scritte nel comunicato - si legge in una nota dell'azienda sanitaria provinciale - impongono una risposta ferma e decisa. Tuteleremo l'onorabilità dell'ospedale e la professionalità degli operatori in tutte le sedi competenti".

martedì 21 febbraio 2017

Bagheria ricorda Agostino Aiello, dirigente Cgil e del movimento democratico e popolare

AGOSTINO AIELLO, LA SUA FIGURA DI SINDACALISTA E UOMO POLITICO AL CENTRO DI UN DIBATTITO. IL 24 FEBBRAIO INIZIATIVA A PALAZZO CUTO'
Palermo 22 febbraio 2017 – Agostino Aiello per 18 anni è stato il segretario della Camera del Lavoro di Bagheria, e per tre volte consigliere comunale del Pci nonché dirigente della Lega delle cooperative. Fu ucciso la sera di Natale del 1976 mentre rientrava a casa. La Cgil, dopo averne ricordato la figura il 24 dicembre scorso, ha deciso di organizzare assieme al Comune di Bagheria per il 24 febbraio, alle ore 16,30, a palazzo Cutò, a Bagheria, un pomeriggio di riflessione attorno alla sua figura. Ci sarà anche una mostra fotografica e sarà proiettato un video. Interverranno all'iniziativa, dal titolo “Agostino Aiello, dirigente Cgil e del movimento democratico e popolare di Bagheria, costruttore di sviluppo nella legalità” Orazio Amenta, segretario del Pd di Bagheria, Adele Cinà, segretario della Cgil Bagheria, Dino Paternostro, resp. dipartimento legalità Cgil Palermo, il sindaco di Bagheria Patrizio Cinque, il professore Maurizio Padovano, Pietro Pagano, della cooperativa La Sicilia, Peppino Saitta, ex presidente della cooperativa la Sicilia. Conclude l'iniziativa il segretario generale Cgil Palermo Enzo Campo.

Verso Portella della Ginestra. Ogni giovedì su Radioarticolo 1 una puntata de "I giusti del lavoro"

I racconti di sindacalisti, familiari di vittime di mafia, superstiti della strage, storici, magistrati, presidenti della commissione antimafia

Palermo 21 febbraio 2017 - Storie di lavoratori e sindacalisti uccisi dalle mafie, uomini e donne che facendo il loro lavoro per difendere i diritti e la libertà di tutti sono stati uccisi dalle mafie. I Giusti del lavoro è il titolo di una trasmissione di RadioArticolo 1, in onda ogni giovedì mattina, condotto da Roberta Lisi e Altero Frigerio, che ci accompagnerà fino al 1 maggio. Le storie dei Giusti del lavoro. Un viaggio in nome del lavoro, della legalità e della democrazie. Attraverso le storie di chi non ce più, di chi fa camminare sulle proprie gamba gli stessi ideali. GUARDA L'ALBUM FOTOGRAFICO DEL VIAGGIO DELLA CGIL

Piazza, foto e mostre: Sant’Agata di Militello riscopre così il “suo” Consolo

Leonardo Sciascia e Vincenzo Consolo
CONCETTO PRESTIFILIPPO
Le origini. Il paese natale del grande scrittore rende omaggio alla sua memoria. La donazione ospitata a castello Gallego
Il re dei Savoia cede il passo all’autore dell’Antigattopardo. Sarà dedicata allo scrittore Vincenzo Consolo la piazza principale di Sant’Agata di Militello. L’amministrazione comunale della città natale dell’autore di “Retablo”, ha deciso di rinominare la piazza sulla quale si affaccia il castello dei principi Gallego. Non più dunque piazza Vittorio Emanuele ma piazza Vincenzo Consolo. La cerimonia di intitolazione si inquadra nel novero di una serie di manifestazioni. Nel quinto anniversario della scomparsa dello scrittore siciliano si terrà a Tunisi un convegno internazionale a lui dedicato. Il convegno è stato organizzato dall’Istituto italiano di Cultura a Tunisi, dal dipartimento di Italianistica dell’università di La Manouba e dal Center for italian studies dell’Università della Pennsylvania di Philadelphia. «Rendiamo omaggio a un artista di levatura internazionale – sottolinea uno degli organizzatori della manifestazione, Vito Lo Monaco, presidente del centro studi “Pio La Torre” – Consolo era legato da un profondo rapporto di stima con il Centro studi dedicato a Pio La Torre. Tanto da voler destinare a noi il suo ultimo scritto. Un testo teatrale che, ogni anno, rappresentiamo con gli studenti coinvolti nel nostro progetto di educazione alla Legalità».

Sit-in all'Ospedale Ingrassia. Pochi infermieri, locali obsoleti, turni eccessivi, degrado e precarietà. I sindacati in attesa di risposte dall'azienda

Il sit-in davanti l'Ospedale Ingrassia
Palermo 21 febbraio 2017 – Sit-in questa mattina davanti all’ospedale Ingrassia. Cgil, Cisl e Uil hanno organizzato la mobilitazione per dare voce e sostegno agli operatori del presidio ospedaliero, che nei giorni scorsi hanno lanciato un grido d’allarme per denunciando le condizioni di continua emergenza in cui sono costretti a lavorare. All'Ingrassia mancano infermieri, operatori sociosanitari, ausiliari, amministrativi. I turni di diversi reparti molto spesso sono garantiti con la presenza di un solo infermiere o comunque con un numero di operatori insufficienti per il fabbisogno minimo. In tali condizioni, anche le fisiologiche assenze per ferie o malattia, rischiano di pregiudicare quotidianamente i turni di lavoro e il normale andamento dell’attività. “Denunciamo carichi di lavoro eccessivo, ritmi molto stressanti, condizioni inammissibili da tutti i punti di vista. In alcuni reparti – dicono Mario Scialabba, Giuseppe Mazzola e Gaetano Amato, responsabili del comparto per Cgil, Cisl e Uil Palermo – si è arrivati a contenere ventiquattro, trenta ammalati, di cui parecchi con gravi problemi respiratori, che richiedono assistenza intensiva, con un rapporto operatore/ammalato ben maggiore di quello previsto nella dotazione organica”.

Palermo. Si parla di mare e devozione popolare nell’ambito della Mostra Mirabilia Maris

Nell’ambito degli eventi organizzati all’interno della Mostra “Mirabilia Maris” si terrà, Martedì 21 Febbraio 2017 alle ore 16,00, presso il Palazzetto Mirto in Via Lungarini, 9 a Palermo, la conferenza di Maria Emanuela Palmisano, Dirigente Beni Culturali Polo regionale Museale di Palermo A. Salinas, sul tema “Per grazia ricevuta. Il mare e la devozione popolare”. L’iniziativa, promossa dalla Soprintendenza del Mare - U.O. II, in collaborazione con SiciliAntica, Associazione Guide Turistiche, A.T.C. l’Associazione che viaggia, Amici della Soprintendenza del Mare, Guide Turistiche Associate Palermo, è coordinata da Sebastiano Tusa,  Alessandra De Caro e Alfonso Lo Cascio. Domenica 26 Febbraio è prevista, a cura di SiciliAntica, la visita guidata alla più grande collezione di ex voto a Trecastagni e alle Tavolette dipinte nella chiesa del Carmine di Catania.La visita sarà guidata dalla dott.ssa Maria Teresa Di Blasi, etnoantropologa. Il ricco calendario predisposto dalla Soprintendenza del Mare vuole raccontare uomini e storie legate al Mediterraneo, nella consapevolezza che le vicende della Sicilia non possono prescindere dalla conoscenza e dal rapporto con l’ambiente marino. Dai viaggi dell’uomo della Preistoria alle grandi battaglie, dalle difese costiere dell’isola tra Medioevo e  Età moderna agli ex voto, che hanno caratterizzato l’esistenza di tanti uomini, dalla storia della subacquea alla produzione del cantiere navale di Palermo, l’universo legato al  mare resta qualcosa di unico e irripetibile. L’ingresso a tutti gli eventi è libero. Ai partecipanti agli incontri verrà rilasciato un attestato di partecipazione. Per informazioni: sopmare.uo2@regione.sicilia.it - sopmare.uff.stampa@email.it. Tel. 335.7957310.

Palermo, "Il giardino della memoria: i 779 giorni del sequestro Di Matteo"


Messina Denaro, i boss hanno paura delle microspie. Summit dentro una cella frigorifero

Boss in frigo...















di SALVO PALAZZOLO
"Operazione Freezer". Blitz di polizia e Dia ad Alcamo, scattano sei arresti. Il capomandamento è un medico già condannato per mafia, diceva: "Io mezza provincia di Trapani comando" “Operazione Freezer”, l’hanno ribattezzata. Ovvero, quando la realtà supera la più fervida fantasia degli sceneggiatori delle fiction antimafia. I fedelissimi del superlatitante Matteo Messina Denaro si riunivano nella cella frigorifero di un fruttivendolo di Alcamo per discutere delle questioni più delicate. Summit veloci, naturalmente. Sette, dieci minuti al massimo. Con tanto di giacche e cappotti anche in primavera. Al fresco pensavano di essere al sicuro da microspie e telecamere. E, invece, no. I poliziotti della squadra mobile di Trapani, diretti da Fabrizio Mustaro, sono riusciti a trasformare la cella frigorifero dei summit nel “confessionale” del Grande fratello. E un altro blitz è scattato, coordinato dalla procuratrice aggiunta di Palermo Teresa Principato e dai sostituti Carlo Marzella e Gianluca De Leo.

lunedì 20 febbraio 2017

Appalti, indagato il manager dell'Asp di Palermo

L'ospedale di Palazzo Adriano
Antonio Candela è accusato di falso in atto pubblico nell'ambito dell'inchiesta sui lavori all'ospedale di Palazzo Adriano. Avviso per altre sei persone, tra cui l'ex dirigente generale Cirignotta
Il manager dell'Azienda sanitaria provinciale di Palermo, Antonio Candela è indagato con l'accusa di falso in atto pubblico assieme ad altre sei persone, fra cui il suo predecessore, Salvatore Cirignotta, e un gruppo di dirigenti della stessa Asp. L'inchiesta della Procura di Palermo, coordinata dal pm Claudia Bevilacqua, riguarda l'approvazione di una perizia di variante e suppletiva relativa all'appalto per la riconversione dell'ospedale di Palazzo Adriano in residenza sanitaria assistita e in presidio territoriale di emergenza. Secondo il nucleo regionale di polizia tributaria della Guardia di Finanza, Candela e altri quattro degli indagati, per far passare la variante, avrebbero affermato, nella delibera 1102 del 28 dicembre 2011, che i presupposti di legge erano stati rispettati. Cosa che non sarebbe invece avvenuta. La Procura ha già fatto notificare l'avviso di conclusione delle indagini preliminari.

Cade il tabù della mafia: il padrino autorizza il triangolo amoroso

SALVO PALAZZOLO
Un'intercettazione rivela come Cosa Nostra abbia cambiato il concetto di onore: a San Giuseppe Jato l'amante era un boss più importante del marito quindi la relazione venne approvata
SAN GIUSEPPE JATO (PALERMO) - Cade anche l'ultimo tabù di Cosa nostra, non c'è più onore mafioso che tenga. Un boss della provincia di Palermo ha autorizzato il triangolo amoroso che era ormai diventato pietra di scandalo. Perché i protagonisti della storia, il marito e l'amante della moglie, sono entrambi mafiosi di un influente clan, uno di quelli che si vanta ancora di custodire l'ortodossia dei vecchi padrini. Nella piazza del paese non si parlava ormai d'altro; in chiesa gli sguardi correvano, al bar si ridacchiava. "Non c'è più la mafia di un tempo". Qualche tempo fa, il pettegolezzo era diventato un caso d'onore per il marito, ma anche per l'amante, accusato dagli anziani dell'organizzazione di violare le regole di Cosa nostra. Perché "non si guardano le mogli degli amici nostri", recita il secondo punto del decalogo sequestrato a uno dei superlatitanti di Palermo, Salvatore Lo Piccolo.

Il cammino di Peppino Impastato prosegue con la nascita a Palermo del “Circolo Musica e cultura 100 passi”

Peppino Impastato
Il 24 febbraio un altro passo per non dimenticare la sua storia ed il suo impegno. Dalle 9,30 la presentazione del il Circolo Musica e cultura e di Radio 100 passi ragazzi. L’evento con ingresso libero sarà trasmesso in diretta su Radio 100 passi, 100 passi tv. Il progetto, che nasce grazie alla collaborazione tra il Liceo scientifico Galileo Galilei di Palermo e Rete 100 passi vedrà in futuro la partecipazione di altre scuole siciliane. A dare il via all’inizio delle attività: il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, Filomena Albano Autorità Garante nazionale per l’infanzia e l’adolescenza, il Senatore Stefano Vaccari in rappresentanza della Commissione Nazionale Antimafia, Rosa Rizzo Dirigente scolastico del liceo scientifico Galilei, Giovanni Impastato fratello di Peppino, Danilo Sulis presidente di Rete 100 passi. Presenti anche i rappresentanti degli organi istituzionali: il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando e Maria Luisa Altomonte Direttore Usr Sicilia che ha promosso il progetto che vede al piano superiore anche la nascita dell’osservatorio regionale contro il bullismo.

domenica 19 febbraio 2017

Calcio, la vittoria col Lercara arriva all'ultimo minuto: 1-0

CORLEONE - LERCARA 1-0
CORLEONE: Zabbia, Lipari, Marino, Tessitore (1 ST Sciarrino Ca.), Orlando, Pagano, Sclafani E., Cardella, Sclafani I. (15 ST Fetto), Cane, Sciarrino Cl.
A disp.: Foderà, Calì, Mondello, Madonia.
All. Streva.
LERCARA:  Ministero, Valenza, Peri,Vicari, Scirè, Polacco, Graffagnino, Nuccio A., Facella, Lo Bue, Rizzo (20 ST Nuccio E.).
A disp.: Forte.
All. Campanella. 
CORLEONE - Dopo due battute d'arresto, i giallorossi tornano alla vittoria: 1-0 il risultato finale, troppo sofferto, se si pensa alle 4-5 palle gol sciupate malamente nel primo tempo. E, alla fine, risultato quasi insperato per come arrivato, infatti i giallorossi devono ringraziare un'ottima giocata Lipari-Cane-Lipari al 91º, con quest'ultimo che ha messo dentro il gol-vittoria. Ma grande merito per la vittoria va sicuramente ad un super Zabbia, inoperoso per quasi tutta la gara per la pochezza degli ospiti, che non lo hanno mai impegnato, ma davvero super all’86º, quando, su tiro di Graffagnino dai 25metri, vola per togliere la palla dall'incrocio dei pali. (GUARDA IL VIDEO)
La gara

Corleone, dal prossimo anno tra scuola media e scuola elementare un unico polo scolastico con 1.240 alunni

A sx: il plesso S. Maria della Scuola Elementare; a dx: i locali
della Scuola Media Statale "Giuseppe Vasi"
MARIO MIDULLA
CORLEONE - Nascerà un nuovo e unico Istituto Comprensivo di Scuola dell’Infanzia, Scuola Primaria e Scuola Secondaria di Primo grado - che sarà frequentato da circa 1240 alunni - dopo la soppressione della Direzione didattica “Finocchiaro Aprile” e della scuola media “Giuseppe Vasi”. Con il Decreto n. 921 del 15 febbraio 2017, l’Assessore Regionale dell’Istruzione e della Formazione professionale ha infatti approvato il piano di dimensionamento della rete scolastica della Sicilia, a decorrere dall’anno scolastico 2017/18, comprendente anche le scuole corleonesi che verranno unificate. L’esigenza di trasformazione è scaturita dal fatto che per il prossimo anno era stata prevista al “Vasi” la frequenza di 360 alunni, con conseguente perdita dell’autonomia dell’Istituzione scolastica dovuta al sottodimensionamento.

Al 1° Rally Cefalù Corse, che i disputerà a Cefalù l’undici e dodici marzo, non saranno presenti le storiche

Una decisione amara quella degli organizzatori presa per non penalizzare i possibili partecipanti.
Una decisione che lascia tanto amaro in bocca, quella presa dagli organizzatori del 1° Rally Cefalù Corse che si disputerà l’undici e dodici marzo prossimi. Purtroppo la lentezza burocratica della federazione ha costretto i ragazzi della Cefalù Corse ad annullare la partecipazione alla gara delle autostoriche.  Dopo aver ripetutamente cercato risposta in sede federale, per poter soddisfare le innumerevoli richieste di partecipazione dei piloti del settore delle autostoriche, non essendo, a pochi giorni dall’effettuazione della manifestazione, pervenuto il nulla osta che avrebbe consentito di avere le storiche al via, inserendo una nuova gara denominata 1° Rally Storico Cefalù Corse, gli organizzatori hanno amaramente deciso di gettare la spugna e proseguire soltanto con l’allestimento della gara riservata alle vetture moderne che si disputerà a Cefalù in versione Rally Day nelle date precedentemente indicate.

venerdì 17 febbraio 2017

GIANNI PARISI. "Dal comunismo a Facebook la mia vita di etica e passioni"

Gianni Parisi in primo piano. Sullo sfondo Nino Mannino
TANO GULLO
Ho seguito l'evoluzione del Pci, in Pds e Ds. Adesso voto per il Pd, ma non mi sono iscritto al partito: ho visto molte facce democristiane con le quali non avrei nulla da spartire. È vero: siamo pieni di scandali e corruzione, ma io continuo a credere nella politica e nel fatto che gli uomini politici siano mossi dalla passione e non dalla ricerca del denaro: fare di tutta l'erba un fascio è sempre sbagliato. Io, del resto, sono stato educato dalla lettura di Gramsci all'ottimismo della volontà. Quando ero piccolo ospitammo a casa nostra Girolamo Li Causi minacciato dalla banda Giuliano. Mi insegnò che il carattere e la forza dell'uomo si vedono nelle sconfitte: questo mi ha aiutato anche a superare le tragedie della mia vita, la perdita di una figlia e un'indagine per mafia. Bufalini mi mandò a studiare a Mosca: lì mi sposai e nacque il mio primogenito. Avevo creduto a Crocetta e alla sua lotta contro le cosche. Ora sono deluso: meglio tornare a votare.

Corleone, innovativa sentenza del giudice di pace "frena" le ganasce fiscali

L'avv. Mario Di Lorenzo
Nuova sentenza del Giudice di Pace di Corleone, dott.ssa avv. Giovanna Cannizzaro in materia di diritti del consumatore, la 16/2017 depositata il 19 gennaio scorso, con la quale è stata annullata una cartella di pagamento emessa da Riscossione Sicilia Spa, che aveva richiesto il versamento di somme riconducibili all’erogazione di servizi idrici. Il Giudice di Pace di Corleone ha dichiarato illegittime le somme iscritte a ruolo da un Comune del corleonese, essendo possibile - per tali crediti - azionare esclusivamente sentenze e decreti. Una implicazione della sentenza - non di poco conto - è quella di costituire un freno all’utilizzo indiscriminato di ganasce fiscali. Ci riferiamo all’odioso fermo amministrativo dei veicoli impugnabile senza limiti di tempo. Dalla sentenza si desume pure il contrasto con quanto stabilito dalla legge e per altro, già riconosciuto dalla Corte di Cassazione e l’inesatta pratica di alcune pubbliche amministrazioni di utilizzare strumenti fiscali creati per assicurare il cosiddetto gettito e adoperati, invece, per recuperare somme diverse con più facilità. Non possiamo, infine, non notare come il Giudice di Pace di Corleone, che ricordiamo a noi stessi è una sede a rischio di chiusura, abbia reso possibile attuare ancora una volta, la migliore tutela dei diritti dell’utente nel suo territorio e come sia indispensabile mantenere questi essenziali presidii di giustizia sempre vicini al cittadino.
Avv. Dr. Mario Di Lorenzo

Presidente Ass. Legali Italiani - Sez. per la Sicilia

giovedì 16 febbraio 2017

Corleone, il dott. Vincenzo Oliveri eletto presidente del Cidma

Da sx: Marcello Barbaro, Giovanna Termini,
Vincenzo Oliveri, Rosanna Mallemi
Nel pomeriggio del 15 febbraio scorso, si è formalmente insediato il Consiglio Direttivo del CIDMA, eletto dall’Assemblea dei soci nella seduta del 14 dicembre 2016. Presidente del Consiglio Direttivo, su proposta della Commissione Straordinaria del Comune di Corleone, è stato nominato il dr. Vincenzo Oliveri, Sindaco di Villabate e già Presidente della Corte d’Appello di Palermo, in considerazione dello spessore della personalità per le conoscenze e le esperienze maturate nel corso dell’attività professionale. Vice Presidente del citato organo di amministrazione è stata nominata la dr.ssa Giovanna Termini, in rappresentanza del Comune di Corleone.

Corleone, stasera niente raccolta rifiuti. Riprenderà domani


CONTESSA ENTELLINA: DETENEVA UN FUCILE ARTIGIANALE, ARRESTATO DAI CARABINIERI

CONTESSA ENTELLINA: Continuano i controlli dei Carabinieri su tutto il territorio della provincia volti a regolare e disciplinare la corretta custodia delle armi legalmente detenute. Nell’ambito di essi, svolti ai sensi dell’art. 38 del T.U.L.P.S,  i Carabinieri hanno arrestato C.a., pensionato del posto, ultraottantenne, per il reato di detenzione abusiva di arma e munizioni.
All’atto del controllo è stato accertato che oltre a detenere una rivoltella e munizioni legalmente denunciate, era in possesso anche  di un fucile artigianale, costruito da se’ utilizzando una canna di altro fucile, perfettamente funzionante. Il tribunale di Termini Imerese, dopo la convalida dell’arresto, ha disposto l’immediata liberazione in attesa del processo.





[160217]

Missione Pisapia: Allarghiamo i confini della sinistra, mai più con la destra

Il "campo progessista"...
ALESSIA GALLIONE
L’ex sindaco di Milano lancia la formazione Campo progressista. “Allarghiamo i confini della sinistra” Boldrini schierata con lui: “Abbiamo perso la bussola, grave errore togliere a tutti la tassa sulla casa”
MILANO. La parola d’ordine è quella: «Discontinuità ». Una svolta rispetto al passato, agli ultimi anni. «Perché, dice Giuliano Pisapia, «non voglio più vedere una parte del centrosinistra che governa con la destra». È per questo che l’ex sindaco di Milano lancia Campo progressista. Un progetto «alternativo», ma che ha un obiettivo. Anche adesso, soprattutto adesso, che sul Pd soffiano venti di scissione. Pisapia non vuole entrare «nel merito» di quello che sta succedendo nel partito. Ma «guarda con attenzione » e dice: «Io lavoro per una buona politica, per una comunità unita, molto ampia, molto di sinistra e centrosinistra, aperta al civismo».

IL PD E LA TALPA DELL’ULTRADESTRA

EZIO MAURO
DRAMMATICAMENTE, il mondo sta cambiando e la sinistra non riesce a leggere la metamorfosi. Non soltanto perde: questo capita periodicamente e capita a tutti, nell’alternarsi dei cicli politici, e in qualche caso è persino salutare. No, questa volta finisce fuori dal campo, perché sono rapidamente cambiate le regole del gioco e la sinistra non se n’è accorta. All’improvviso, sente mancare politicamente l’aria intorno a sé, e non capisce che dipende dal restringimento del pensiero occidentale e della democrazia liberale, la doppia cornice dentro la quale ha potuto declinare la sua teoria e la sua pratica nell’Europa degli ultimi decenni, riconoscendosi in un patto di civiltà comune con la cultura politica cristiana, con i moderati continentali, con i conservatori della tradizione e della ragione. Un paesaggio democratico che credevamo conquistato per sempre, a garanzia di noi stessi e degli altri. Ma ecco che il sovranismo cambia la geografia emotiva e riduce l’orizzonte internazionalista in cui si muoveva la sinistra.

mercoledì 15 febbraio 2017

Corleone, l'assunzione della figlia del boss e l'esternalizzazione dei servizio riscossione: contestati i reati di falso e abuso d'ufficio ad ex caposettore


Potenziamento dell'ospedale di Corleone: l'Asp di Palermo ha investito 3 milioni di euro

La consegna della nuova ambulanza
Da questa mattina una nuova ambulanza a disposizione dell'utenza. Farmacia e cardiologia trasferiti nei nuovi locali del “corpo A”
CORLEONE 15 FEBBRAIO 2017 - Farmacia e Cardiologia nei nuovi locali ristrutturati nel piano rialzato del “Corpo A” ed una nuova ambulanza che si aggiunge a quella acquistata, già, due anni fa. Prosegue a ritmo serrato il programma di potenziamento dell'Ospedale “Dei Bianchi” di Corleone il cui modello organizzativo è stato completamente “rivisitato” per fornire una risposta sempre più qualificata alla domanda di salute degli utenti di un vasto comprensorio. “Dopo avere attivato negli ultimi 4 mesi due nuove Sale Parto, una nuova Area di Radiodiagnostica, il Laboratorio d'Analisi e la nuova Area di Emergenza – ha sottolineato il Direttore generale dell'Asp di Palermo, Antonio Candela – abbiamo dotato il Presidio di una nuova ambulanza costata 84.180 euro. Il nuovissimo mezzo appena immatricolato e già da questa mattina a disposizione dell'utenza, si aggiunge all'ambulanza medicalizzata consegnata due anni fa. L'investimento fatto per la nuova ambulanza si aggiunge ai 2,5 milioni di euro, già, spesi per riqualificare l'Ospedale”.

Nebrodi: Lumia (Pd), mafia dei terreni subisce altro duro colpo

Giuseppe Lumia
Roma, 15 febbraio 2017 – “La mafia dei terreni ricca, potente e collusiva subisce un altro duro colpo che raggiunge i vertici di Cosa nostra presenti a Bronte, con l’arresto del boss Catania, e Cesarò, con l’arresto di Giovanni Pruiti che, all’indomani dell’attentato a Giuseppe Antoci, avevo denunciato apertamente proprio in quel Comune e con diverse interrogazioni parlamentari”. Lo dichiara il senatore del Pd Giuseppe Lumia, componente della Commissione parlamentare antimafia, commentando l’operazione eseguita dai Carabinieri della compagnia di Santo Stefano di Camastra e quelli del Ros di Catania. 

Antonella Monastra: “Il mio percorso politico con Fabrizio Ferrandelli.si chiude qui”

Antonella Monastra
La consigliera comunale Pd di Palermo: "Sono una donna di sinistra e con forza rivendico le mie due appartenenze, quella di genere e quella politica"

Devo a me stessa, alla mia famiglia e alle persone che mi hanno sostenuto, alla città che amo e anche ai nemici-amici di battaglie politiche leali e appassionanti una dichiarazione di libertà: la mia. Non libertà da legami, ma da patti, patti a cui non sono mai scesa e a cui mai scenderò. In tanti anni di impegno civile e politico, ho "abitato" e attraversato percorsi e gruppi, condividendo idee e valori, non sottraendomi mai al confronto e alla critica, anche feroce. Stare in un gruppo e perseguire il bene comune sottende il dialogo e anche la rinuncia a posizioni non condivise, quando non addirittura autoreferenziali. Tuttavia, appartenere ad un gruppo non può comportare l'abdicare alla libertà di pensiero, di parola, di espressione, di etica e coerenza. Questo sarebbe il prezzo, se decidessi di restare in un gruppo in cui non mi riconosco più, di cui non riesco neanche ad individuare valori e obiettivi comuni. Sono una donna di sinistra e con forza rivendico le mie due appartenenze, quella di genere e quella politica.

Domani Carlotta Sami (UNHCR) a Palermo per presentare progetto sui bambini rifugiati

Palermo, 15 febbraio 2017 – “Si terrà domani a Palermo alla presenza della portavoce dell’UNHCR, Carlotta Sami, il convegno di presentazione del progetto “Educate a Child. Con l'istruzione un bambino rifugiato ricomincia a scrivere la sua vita”, in programma alle 17.30 presso l’Aula Falcone (ex Collegio S. Rocco) del Dipartimento di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali dell’Università di Palermo. Il progetto è sostenuto dalla presidenza del Consiglio comunale, che ha deciso di devolvere parte del ricavato ottenuto dalla vendita dei biglietti del Concerto di Capodanno 2017 tenutosi al Teatro Massimo.All’iniziativa parteciperanno, inoltre, il presidente del Consiglio comunale, Salvatore Orlando, l’assessore alla Cittadinanza sociale, Agnese Ciulla, il direttore del Dipartimento, Alessandro Bellavista, il presidente del Corso di Laurea in Relazioni internazionali, Antonello Miranda, il docente di Storia moderna, Giovanni Fiume, il docente di Storia contemporanea, Antonio Blando, il docente di Scienza politica, Carla Monteleone.

OSPEDALE GIGLIO. EMERGENZA AL REPARTO DI NEONATOLOGIA

I PEDIATRI SONO IN NUMERO INFERIORE E RINUNCIANO AL RIPOSO. LA FP CHIEDE LA COPERTURA DEI POSTI VACANTI CON UN BANDO PER UN INCARICO CHE DURI PIU’ DI UN ANNO
Palermo 15 febbraio 2017 – Solo 4 pediatri in servizio presso l’area neonatale pediatrica della Fondazione Istituto G. Giglio di Cefalù, a seguito della riduzione di una unità di personale medico. La Fp Cgil Palermo manifesta grande preoccupazione per la situazione che si è venuta a creare in reparto e chiede alla direzione dell’ospedale di bandire una selezione per la copertura di posti per più di un anno.

Messina e la sfiducia al sindaco: Perché credere nella ragione

Frate Giovanni Calcara
di Giovanni CALCARA
frate domenicano
Il card. Carlo Maria Martini, uomo che ha saputo dire all’uomo di oggi parole di grande significato, sapendo dialogare con chiunque al di là della fede, affermava “Non mi importa se l’uomo crede, ma che ragioni!”. Pensando alla nostra Città, alla Messina che soffre i morsi della fame e la mancanza di lavoro; subisce l’illegalità come sistema di cui non solo non riconosce l’immoralità ma di cui alle volte, tutti ci facciamo complici; la “scelta preferenziale” per il silenzio e l’omertà che, amava affermare il card. Salvatore Pappalardo “non sono attitudini del cristiano”; la delega della propria responsabilità di “osservare, giudicare e agire” (Paolo VI) per il bene di tutti e non quello personale. Come sappiamo tutto ciò non è stato causato da un terremoto, da una congiunzione astrale, da una macchinazione della malavita, della massoneria o dei poteri forti. E’ il risultato.. del peccato in “pensieri, parole, opere e omissioni” come diciamo in chiesa.. non solo della classe politica (locale, regionale, nazionale…), ma di ogni cittadino che hanno permesso (nel silenzio e nell’angoscia del bisogno primario del cibo o dietro promessa di un posto di lavoro) che “Messina, fosse spremuta come un limone.. e adesso che è finito il succo… viene gettata via” (padre Felice Scalia, s.j). Potremmo aggiungere anche le statistiche e le cifre che periodicamente i mass media ci forniscono e che relegano la nostra Città in fondo alle classifiche nazionali.

martedì 14 febbraio 2017

Asp, al via le prime iniziative di protesta. Venerdi’ sit-in presso l’ospedale di Partinico. Il 21 all’Ingrassia

L'Ospedale civico di Partinico
Palermo 14 febbraio 2017 – Dopo la proclamazione dello stato di agitazione la settimana scorsa, il personale della Asp di Palermo avvia le prime iniziative di mobilitazione. Ne danno notizia le segreterie di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl di Palermo. Venerdì 17 febbraio alle ore 11,30 si terrà un’assemblea/sit-in presso l’ospedale Civico di Partinico, per evitare la chiusura del reparto di diagnosi e cura di Psichiatria. Uguale iniziativa si terrà martedì 21 febbraio alle ore 11,30 presso l’ospedale Ingrassia, sui tanti problemi che affliggono il nosocomio, a partire dalle criticità registrate nell’assistenza infermieristica nei reparti di medicina, pronto soccorso, geriatria e non solo.

Le lettere. I boss di ’ndrangheta scrivono al giudice: “Toglici i nostri figli, forse saranno salvi”

I mafiosi si rivolgono al Tribunale dei minori perché allontani i ragazzi dalla Calabria
FRANCESCO VIVIANO
REGGIO CALABRIA. Giuseppe ha 42 anni, è un boss della ’ndrangheta, da oltre 10 anni è in carcere sottoposto al regime del 41 bis: sta scontando una pena a 18 anni per associazione mafiosa ed è anche condannato in primo grado all’ergastolo, per omicidio. Forse non uscirà mai più di galera e non potrà mai più riabbracciare suo figlio che adesso ha 12 anni. Qualche settimana fa ha scritto al presidente del Tribunale dei minori di Reggio Calabria, Roberto Di Bella, 53 anni, il giudice che gli ’ndranghetisti temono e minacciano perché quattro anni fa si è messo in testa, come prevede la legge, di togliere loro i figli per sottrarli al contesto mafioso in cui sono destinati a crescere.