giovedì 12 ottobre 2017

L’ANALISI. Verso le elezioni di novembre tra impresentabili e cento passi

Umberto Santino
UMBERTO SANTINO
Ora che sono state depositate le liste per le elezioni regionali del 5 novembre, possiamo essere certi che andiamo speditamente verso un destino che abbiamo sempre sognato.
Ci sono novità ma pure scelte nel segno di una lodevole continuità. Ritroviamo per esempio vecchie conoscenze, candidati che possono vantare relazioni proficue, anche se non sempre edificanti. Qualcuno ha una sorta di record: ben 22 imputazioni, e la Commissione antimafia avrebbe sotto osservazione una ventina di nomi, ma si scusa di avere poco tempo e più in là non può andare. E poi ci sono piccioni viaggiatori, navigatori sperimentati, pronti a solcare tutti i cieli e tutti i mari. Debbo riconoscere che la metafora delle porte girevoli, a cui accennavo qualche tempo fa, è inadeguata.

Una lista raccoglie il meglio che l’Italia abbia prodotto negli ultimi decenni: fascisti, più o meno ripuliti; devoti del Carroccio che, archiviata la secessione della Padania, muovono alla conquista del Sud; berlusconiani che sembravano scomparsi e invece sono al centro della scena, sospinti da una politica che li scimmiotta e li reintegra. Stretti a coorte con i fratelli d’Italia, i manipoli di patrioti, con l’elmo di Scipio in testa, attendono che la vittoria porga la chioma. Altri mirano a declinare in siciliano il verbo grillino, passato dai vaffa a “onestà e onestà”; con la Casaleggio & associati (il titolare è asceso al cielo ma si è incarnato nel figlio) hanno inventato la parodia virtuale della democrazia diretta, si sono tagliati lo stipendio, vogliono abolire vitalizi e congiuntivi, hanno avuto qualche infortunio con le firme, strizzano l’occhio agli abusivi per necessità e programmano il trionfo alle elezioni regionali come trampolino di lancio per l’ingresso a palazzo Chigi. Hanno già allestito il figurino del prossimo capo del governo.
Negli accampamenti di centro, ma aperti alle correnti della storia, silenziato il megafono di Crocetta, è ricomparso il fantasma del Ponte. Se ne sentiva il bisogno. Con una Sicilia che rischia di scomparire, tra frane, smottamenti, alluvioni, cemento impoverito, discariche permanenti, il Ponte, sognato sin dalla creazione del mondo, potrebbe essere la settima meraviglia del terzo millennio. Dovrebbe servire a unire l’isola al continente, ma già la stessa rievocazione dell’ectoplasma del Ponte pare che più che unificare divida uno schieramento più votato al conflitto che alla pacificazione. Quel che rimane delle sinistre ha deciso di ripercorrere i famosi cento passi. Peppino Impastato nel 1976 si candidò alle elezioni regionali in una lista che raggruppava Avanguardia operaia, il Manifesto e Lotta continua, predicatori di rivoluzioni all’insegna degli obsoleti falce e martello, ed ebbe soltanto 350 voti. Ma ora le cose sono cambiate, gli estremisti sono scomparsi, la mafia “non spara più” e chi percorre il tragitto da palazzo dei Normanni a palazzo d’Orleans, canticchiando il ritornello “uno due tre, quattro, cinque eccetera”, non può fare a meno di chiedersi che fine abbia fatto la montagna di merda.

La Repubblica Palermo, 12 ottobre 2017

Nessun commento: