sabato 21 ottobre 2017

Corleone, nasce un comitato cittadino informale per la difesa dell'immagine della città

Un gruppo di cittadini e alcuni avvocati di Corleone si sono incontrati stamattina per valutare le iniziative più idonee ed efficaci da portare avanti per difendere la città dalle gravi offese e dalla diffamazione contenute nello spot della rivista francese “Auto Moto Magazine”, che si concludeva con la visione di un uomo incaprettato nel portabagagli dell’auto pubblicizzata e col giornalista che pronunciava la frase: “In Sicilia si usa fare così”.
I presenti, in primo luogo, hanno preso atto della tempestiva azione intrapresa dalla Commissione Straordinaria che amministra il Comune di Corleone, che già ha scritto una lettera di protesta al Consolato Generale di Francia a Palermo ed ha inviato una nota al ministero degli esteri, per chiedere la tutela della nostra città da azioni diffamatorie così pesanti.
Hanno manifestato, quindi, la loro disponibilità ad accompagnare con gli strumenti che saranno individuati come i più utili le iniziative dell’Amministrazione Straordinaria, che già “ha avviato le procedure per promuovere azione nei confronti degli autori di tale gesto, fortemente lesivo dell’immagine di Corleone e dei Siciliani tutti”, come sottolineato nel comunicato dello scorso 20 ottobre.
Per avviare un confronto sulle azioni da intraprendere e concordare iniziative sinergiche a difesa dell'immagine della città e degli interessi legittimi dei corleonesi onesti, è stato concordato un incontro con la Commissione Straordinaria, aperto ai cittadini che vorranno partecipare, che si terrà il prossimo martedì. (d.p.)
Corleone, 21 ottobre 2017   

Nessun commento: