martedì 12 settembre 2017

Regionali Sicilia, Regionarie 5 stelle: il Tribunale sospende la votazione che ha incoronato Cancelleri

Giancarlo Cancelleri
Le regionarie dei 5 stelle al momento sono sospese dal Tribunale di Palermo che ha accolto in via cautelare il ricorso presentato da Mauro Giulivi, escluso dalla selezione. I giudici entreranno nel merito più avanti ma adesso c'è da capire gli effetti che avrà questa decisione sulla votazione che ha incoronato Giancarlo Cancelleri. Giulivi nell'esposto lamentava di essere stato escluso con un espediente e senza reale motivazione, per non aver firmato il codice etico.  Scrive la giudice Claudia Spiga nell'ordinanza di sospensione: "Il mancato avvio del procedimento disciplinare comporta l'insussistenza della causa di esclusione della candidatura di Mauro Giulivi indicata nel provvedimento impugnato. Sussiste quindi il fumus della richiesta di sospenzione in ragione dell'evidente capacità lesiva di detta delibera del diritto di elettorato passivo dell'istante e rispetto al quale la candidatura alle primarie costituisce atto prodromico". Per questo il giudice "dispone la sospensione dell'esecuzione delle determine di individuazione dei "candidati più votati" alle "regionarie" siciliane pubblicate sul sito interne del Movimento in data 4 e 9 luglio".
Un caso analogo era accaduto a Genova. Comunque una grana in piena campagna elettorale per i 5 stelle siciliani. Cancelleri va avanti: "Continueremo a parlare con la gente e a incontrare i territori. Possiamo cambiare tutto con il voto della gente". Concetto ribadito anche da Luigi Di Maio: "La campagna elettorale per Giancarlo Cancelleri presidente va avanti. Noi ce la metteremo tutta. Stateci vicini, perchè sarà molto importante che anche tutte le persone di buona volontà di questa regione ce la mettano tutta per provare a cambiare". Poi arriva una nota sul blog di Grillo dai torni più morbidi: "ll Movimento 5 Stelle in Sicilia ci sarà, non c'è nessun rischio caos. Il tribunale ha semplicemente accolto il ricorso di un iscritto che vuole essere in lista e, come misura cautelare, ha sospeso le regionarie. Ciò non toglie che il Movimento 5 Stelle parteciperà alle elezioni, come previsto, e lo farà seguendo le decisioni che verranno prese dal tribunale. Il tour in Sicilia continua oggi con il candidato presidente Cancelleri e Luigi Di Maio in visita nel messinese dove incontreranno allevatori e pescatori. Vogliamo raccontare a tutti il nostro programma per fare della Sicilia la prima regione a 5 Stelle".

Il candidato del centrosinistra Fabrizio Micari critica i 5 stelle: "Mi auguro che tutto venga chiarito e che Giancarlo Cancelleri possa proseguire regolarmente la sua campagna elettorale: intendiamo vincere sul campo, non certo grazie alla decisione di un Tribunale. Resta il fatto che questa notizia deve far riflettere su quanto avviene all'interno del Movimento 5 Stelle: dalla vicenda delle 'firme false' a Palermo ai pasticci amministrativi del sindaco Raggi a Roma, al 'caos' delle comunarie a Genova, gli esempi di approssimazione e superficialità dei grillini sono davvero troppi".

Giulivi commenta: "A prescindere dalla decisione presa dal giudice, tengo a precisare e ribadire che la mia è una battaglia di trasparenza e rispetto delle regole, valori fondanti del Movimento che seguo e sostengo ormai da diversi anni e che prima di arrivare a questo stadio, proprio in virtù del rispetto per il Movimento e per ciò che rappresenta, per settimane ho cercato il dialogo e la mediazione, ma niente da fare, ho ricevuto solo picche e porte in faccia". E chiede a gran voce: "Si ripetano le votazioni. E' una questione di rispetto delle regole e di democrazia".

Giulivi, l'attivista del M5s che ha presentato il ricorso, è compagno della parlamentare nazionale Chiara Di Benedetto, vicina all'ala dei cosiddetti "monaci" guidata da Riccardo Nuti, l'ex leader palermitano del M5s sospeso in seguito all'inchiesta sulle firme false per le elezioni amministrative del 2012. Il legale che assiste Giulivi, l'avvocato Lorenzo Borrè e Riccardo Gentile, è lo stesso che ha intentato cause in passato contro il M5s, l'ultima in ordine di tempo per la candidata genovese Marika Cassimantis. Giulivi, che cinque anni
fa si era candidato nella lista del M5S all'Assemblea Regionale Siciliana, risulta dopo l'ex senatore del M5S Francesco Campanella (primo dei non eletti) oggi esponente di Mdp - Art 1, il più votato nel collegio di Palermo. Dopo le dimissioni del deputato regionale Giorgio Ciaccio, anche lui rinviato a giudizio per l'affaire firme false, dovrebbe subentrare al suo posto. Le dimissioni di Ciaccio sono state bocciate dall'Aula anche con il voto di alcuni deputati 5 stelle.

La Repubblica, 12 settembre 2017

Nessun commento: