venerdì 8 settembre 2017

Omicidio al mercato del Capo, arrestato anche il secondo complice

Ha un volto e un nome l'uomo che sabato 26 agosto ha accompagnato, a bordo di una Smart nera, l'assassino del fruttivendolo del Capo Andrea Cusimano, Calogero Piero Lo Presti. Si tratta di Fabrizio Tre Re, 27 anni, pluripregiudicato e sorvegliato speciale, è lo zio materno di Lo Presti, che di anni ne ha 23. I carabinieri del nucleo Investigativo lo hanno fermato stanotte su disposizione della procura di Palermo. Concorso in omicidio è l'accusa. Ad incastrarlo ci sono alcune immagini delle telecamere in via Volturno. L'auto appartiene alla moglie di Tre Re, l'uomo era stato anche ascoltato come testimone il giorno del delitto, aveva fornito un alibi, che poi è crollato. Così è partita una richiesta di custodia cautelare firmata dal procuratore capo Francesco Lo Voi, dall'aggiunto Salvatore De Luca e dalle sostitute Amelia Luise e Caterina Malagoli. L'ordinanza è stata emessa dal giudice delle indagini preliminari Ermelinda Marfia. Il colonnello Antonio Di Stasio, comandante provinciale dell'Arma, commenta: "Un risultato arrivato in tempi brevissimi grazie alla grande sinergia tra i carabinieri e la procura. Un risultato che è il frutto di cuore e di impegno. Il cuore eroico dei due militari che dopo gli spari si sono lanciati sull'assassino per bloccarlo, l'impegno delle indagini che sono subito partite per raccogliere tutti gli elementi necessari all'inchiesta".
Le indagini proseguono, resta il giallo del movente che ha spinto il giovane rampollo di una famiglia di mafia a sparare. Alcune tracce portano a una lite in un pub della Vucciria, avvenuta la notte prima del delitto, una lite fra il padre dell'assassino e il fratello della vittima. Al mattino, poco dopo le sette, i due uomini stavano ancora discutendo animatamente, davanti l'ingresso del mercato; l'arrivo di una pattuglia dei carabinieri, dopo una telefonata al 112, ha temporaneamente placato gli animi. Alle 7,45, il raid di Lo Presti junior a bordo della Smart e quei colpi di pistola contro Andrea Cusimano. A poca distanza, c'erano due carabinieri del nucleo Investigativo, che hanno subito bloccato la fuga dell'assassino, già salito sulla Smart. Il numero di targa della vettura, partita in velocità, è rimasto immortalato nell'occhio di una telecamera di sorveglianza, in via Volturno. Tre giorni dopo, il ritrovamento della vettura, in via Belmonte Chiavelli. Si fa strada l'ipotesi che dietro la lite fra le due famiglie ci sia uno scontro per la gestione di affari illeciti, forse un traffico di droga.
La Repubblica Palermo, 8 settembre 2017

Nessun commento: