Barra video

Loading...

giovedì 10 agosto 2017

Un anno fa lo scioglimento per mafia. Ma è iniziata la ricostruzione...

DINO PATERNOSTRO
Ripropongo il commento "a caldo" che ho fatto un anno fa, dopo lo scioglimento per mafia degli organi istituzionali del comune di Corleone, perché ancora attualissimo. Ad un anno di distanza possiamo dire che il lavoro di ricostruzione è iniziato, grazie alla presenza di tre commissarie straordinarie davvero "straordinarie", supportate adeguatamente dal segretario generale. L'Estate Corleonese ne è una dimostrazione. Una dimostrazione (magari meno visibile, ma più importante) è anche l'approvazione del bilancio comunale 2017. Significa che (pur in mezzo a mille difficoltà) si ricomincia a respirare "normalità" democratica. Aiutiamo (con i suggerimenti, ma anche con le critiche, se necessario) le commissarie in questo difficile lavoro (dp).
Ecco il mio commento dell'anno scorso: "È accaduto l'inevitabile, ma io non sono contento. Per colpa di amministratori incapaci di resistere alle collusioni con la mafia, la città di Corleone è stata ricacciata indietro di trent'anni". Così il responsabile legalità della Cgil di Palermo ed ex segretario della Camera del lavoro di Corleone, Dino Paternostro, commenta lo scioglimento per mafia del comune di Corleone. "Questo è un momento doloroso per i tanti cittadini onesti di Corleone, che non hanno nulla da spartire con la mafia e i mafiosi - aggiunge - Ma serve comunque a fare chiarezza. Chi ha sbagliato deve pagare duramente. Da parte nostra ci impegneremo per ricostruire a Corleone un fronte degli onesti, che lavori per una ripartenza della nostra città, fondata sui valori di legalità e giustizia sociale".

Nessun commento: