Barra video

Loading...

lunedì 7 agosto 2017

La Cgil di Palermo, insieme al comune di Caccamo, ha ricordato Filippo Intili

L'intervento introduttivo di Dino Paternostro
Oggi a Caccamo la Cgil ha continuato a sfogliare il calendario della memoria dei dirigenti sindacali assassinati dalla mafia perché chiedevano libertà, democrazia e lavoro. E per questi obiettivi lottavano a pugni nudi alla testa dei contadini. Abbiamo ricordato FILIPPO INTILI, assassinato il 7 agosto del 1952. Insieme a noi della Cgil di Palermo (con me Mario Ridulfo e Calogero Guzzetta, della segreteria provinciale) c'erano alcuni familiari di Filippo, il frate domenicano Giovanni Calcara, Carmelo e Francesca Rosella Musico, della Cgil di Caccamo, la presidente del consiglio comunale Rosa Maria Di Cola, e il sindaco di Caccamo Nicasio Di Cola. Abbiamo ricordato per la prima volta anche GIORGIO COMPARETTO, un altro contadino dirigente della Cgil, assassinato dalla mafia di Caccamo il 5 novembre 1945, mentre stava tornando a casa a cavallo il suo mulo insieme al figlioletto di 5 anni. Abbiamo deposto una corona di alloro davanti la tomba di Intili, poi per la prima volta siamo stati a far visita alla tomba di Comparetto, indicataci con grande disponibilità dal custode del cimitero. Anche questo un momento emozionante. Comparetto quando fu assassinato aveva appena 30 anni... (dp) GUARDA IL VIDEO

Nessun commento: