Barra video

Loading...

domenica 16 luglio 2017

CORLEONE, RIFLESSIONE DOPO LA CORREZIONE DELL'ORDINANZA SUGLI ALCOLICI

Vietare ai bar e ai pub la vendita di bevande con un tasso alcolico superiore al 5% nelle serate dell'Estate Corleonese - come aveva fatto la Commissione straordinaria del Comune - non era stata per niente una "bella pensata". E giustamente era esplosa la protesta dei titolari di bar e pub e di tanti ragazzi. Sembrava (era) un atteggiamento proibizionistico incredibile e inspiegabile. Ragionevole appariva la sola misura di evitare la vendita di bibite in bottiglie di vetro o in lattine, come forma di prevenzione. L'integrazione dell'ordinanza, pubblicata qualche ora fa, ci sembra che chiarisca abbastanza bene la questione. Cade il limite della percentuale di tasso alcolico, e si chiarisce che il divieto di vendere bottiglie o lattine non vale all'interno dei locali. I titolari di bar e pub sono giustamente soddisfatti. Certo, sarebbe stato meglio non si fosse creato l'equivoco, evitando così infinite ed inutili polemiche. Qualcuno mi ha detto: ma i giovani non possono fare feste senza alcool? Io non bevo alcolici, ma capisco per tanti altri non è così. Fare gli ultimi dei proibizionisti a che serve? A chi serve? Ad aizzare l'opinione pubblica contro i commissari prefettizi, che stanno portando avanti un difficile lavoro di risanamento (economico, finanziario, etico e sociale)? Più che di "incendi", in questa rovente estate, abbiamo bisogno di "acqua"... (dp)


Nessun commento: