Barra video

Loading...

sabato 1 luglio 2017

Corleone, il comune prende possesso dell'immobile confiscato a Lo Bue e si costituisce parte civile nel processo "Grande Passo 4"

IL COMUNE SI COSTITUISCE PARTE CIVILE NEL PROCESSO "GRANDE PASSO 4", LICENZIA IL DIPENDENTE ARRESTATO PER MAFIA ANTONINO DI MARCO E PRENDE POSSESSO DELL'IMMOBILE CONFISCATO AL BOSS ROSARIO LO BUE
Con atto deliberativo n. 127, la Commissione straordinaria ha dato mandato, senza oneri a carico del bilancio comunale, al Centro Studi Pio La Torre per la costituzione di parte civile del Comune di Corleone nell’ambito del procedimento penale n. 3330/14 Operazione  Grande Passo 4” a carico di Gariffo Carmelo  ed altri, per i reati dagli stessi commessi nel Comune ed a danno dell’immagine del territorio, tra cui anche quelli compiuti dal dipendente comunale Di Marco Antonino, destinatario di un provvedimento di licenziamento con preavviso definito dall’Amministrazione Comunale a seguito di attivazione dei relativi procedimenti disciplinari.


Nella stessa giornata, inoltre, ha proceduto, alla presenza del Segretario Generale, dott. Lucio Guarino, dell’Ing. Giuseppe Gennaro, del Comandante della Polizia Municipale Cortimiglia, dell’Economo Comunale Nicolò Petralia e gli operai comunali, ad effettuare il sopralluogo presso l’abitazione confiscata al boss Rosario Lo Bue, di recente oggetto di sgombero disposto dal Prefetto di Palermo, per l’immissione in possesso nell’immobile facente parte del patrimonio indisponibile del Comune di Corleone con affissione della relativa targa .

Nessun commento: