Barra video

Loading...

domenica 18 giugno 2017

La figlia di Riina chiede il bonus bebè. Ma il Comune risponde con un "no"

SALVO PALAZZOLO
La figlia minore del boss e il marito hanno dichiarato di essere nullatenenti
Adesso, i Riina sostengono di essere nullatenenti. E chiedono aiuto allo Stato, non era mai accaduto prima. La figlia più piccola del capo di Cosa nostra, Lucia, vorrebbe il bonus bebè dal Comune di Corleone. E ha sollecitato direttamente il pagamento dell’assegno, perché – così sostiene – ne ha diritto. Il marito, Vincenzo Bellomo, ha ribadito l’istanza. Ma dal Comune è arrivato un secco «no», firmato dai commissari che reggono l’amministrazione cittadina dopo lo scioglimento per infiltrazioni mafiosa. Ufficialmente, hanno pesato motivi formali: la domanda della giovane madre non è stata ritenuta completa, quella del padre è arrivata fuori termine. Anche l’Inps ha ribadito che la figlia di Riina non ha diritto all’assegno mensile previsto per i genitori con un reddito minimo. Nessuno crede che la famiglia del capo di Cosa nostra sia nullatenente. Nelle ultime intercettazioni in carcere Totò Riina si vanta: «Perché se recupero pure un terzo di quello che ho sono sempre ricco»,
questo diceva al compagno dell’ora d’aria, il boss della Sacra Corona Unita Alberto Lo Russo. Parole di tre anni fa. «Io ho delle proprietà, queste proprietà metà sono divise ogni mese, ogni mese ci vanno... perché? Perché sanno che è mio nipote... sanno che è mio nipote... queste proprietà sono mie e di mio nipote, metà mia e metà di mio nipote». Ma è rimasto il giallo sulle proprietà. E sul nipote.

Intanto, Lucia Riina continua a vivere a Corleone, così come la madre Ninetta. Lucia è una pittrice, i dipinti li pubblicizza su un sito Internet, dove racconta la sua storia: «Nel ‘93 quando sono arrivata a Corleone, avevo 12 anni, mi sono trovata catapultata in un mondo ed una realtà per me del tutto nuova; la scuola, la società, il paese, tutto nuovo». E rivendica la sua vita “normale” col marito: «Siamo riusciti a dare forma e concretezza al mio sogno di bambina che era disegnare ed al nostro sogno di adulti, cioè creare un lavoro onesto, dignitoso, positivo ed espressivo- creativo».
L’altra figlia di Riina, Maria Concetta, si è invece trasferita con il marito in Puglia. Ci sono poi i figli maschi: Giovanni sta scontando l’ergastolo, Salvo ha l’obbligo di soggiorno a Padova e intanto promuove il suo libro appena tradotto in Romania e Spagna: “Riina family life”, s’intitola, il ritratto di una famiglia più che normale, a tratti descritta come vittima della giustizia. Il giovane Riina è attivissimo su Facebook. Uno dei suoi post recita: «Sui cadaveri dei leoni festeggiano i cani, credendo di aver raggiunto la vittoria. Ma i leoni rimangono leoni, i cani rimangono cani». Un riferimento alla situazione del padre in carcere. Il post è piaciuto davvero tanto: ha racimolato 140 like e 66 condivisioni.
Per Corleone, è un momento davvero particolare dopo lo scioglimento per mafia. Un gran lavoro per i commissari: Giovanna Termini, Rosanna Mallemi e Maria Cacciola. Il nuovo segretario generale del Comune è adesso Lucio Guarino, il direttore del Consorzio Sviluppo e legalità.

La Repubblica Palermo, 18 giugno 2017

Nessun commento: