Barra video

Loading...

mercoledì 7 giugno 2017

Corleone, la Commissione straordinaria ha incontrato la chiesa e la società civile

Corleone, la piazza del municipio
Nella mattinata di oggi la Commissione Straordinaria del comune di Corleone ha incontrato in municipio una rappresentanza di diverse categorie di lavoratori accompagnata dal Decano, don Vincenzo Pizzitola e dal Parroco della Chiesa di San Leoluca, Don Luca Leone. La richiesta dell’incontro era stata sostenuta anche dall’Arcivescovo di Monreale, Mons. Michele Pennisi, sulla base di quanto emerso in occasione della recente visita pastorale riguardo alle problematiche che investono il mondo del lavoro e alle possibili soluzioni. Sia da parte dei rappresentanti ecclesiastici che da parte delle rappresentanze della società civile è stata prospettata l’esigenza di stabilire una connessione con l’Amministrazione comunale allo scopo di individuare percorsi condivisi che consentano di venire incontro alle esigenze del mondo del lavoro anche attraverso l’utilizzo delle strutture comunali,
nel rispetto della vocazione del territorio e nell’ottica di una valorizzazione delle sue potenzialità sotto il profilo sia della produzione agricola e zootecnica sia del patrimonio naturalistico e culturale anche a scopo turistico.

La Commissione ha prospettato le linee di attività attraverso le quali si propone di venire incontro alle prospettate esigenze, ipotizzando anche la possibilità di utilizzare le fonti di finanziamento che saranno messe a disposizione attraverso i bandi pubblici di prossima pubblicazione.

Il confronto è stato concordemente ritenuto utile e proficuo, tanto che la riunione odierna è stata intesa come occasione per l’istituzione di un tavolo di confronto permanente, che vedrà l’Amministrazione comunale farsi parte attiva nel mettere a disposizione delle varie categorie di lavoratori ogni possibile soluzione organizzativa e logistica per consentire l’avvio di progettualità, che possano favorire percorsi di sviluppo economico e socio-culturale del territorio, anche attraverso il coinvolgimento di altre istituzioni di livello provinciale e regionale. 

Nessun commento: