mercoledì 31 maggio 2017

ASP DI PALERMO: DA DOMANI IN FUNZIONE IL “PIANO DI EMERGENZA CALDO”

PALERMO 31 MAGGIO 2017 – Entrerà in funzione domani (giovedì 1 giugno) il “Piano sull’Emergenza caldo” realizzato dall’Asp di Palermo. Sono previsti interventi rivolti, soprattutto, alle categorie maggiormente a rischio in occasioni delle  ondate di calore, e cioè i bambini fino a 4 anni di età e gli anziani che più degli altri posseggono un carente sistema di termoregolazione e una minore  capacità di manifestare e provvedere ai propri bisogni. L’Asp ha trasmesso (su supporto informatico) ai medici di medicina generale l’elenco elaborato dall’Assessorato regionale della Salute (Dasoe) dei soggetti fragili. Predisposto un  “servizio di allerta” per gli anziani già in Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) e per i pazienti “fragili” segnalati direttamente dai medici di medicina generale ad una ‘Centrale operativa’. In pratica, i medici di famiglia dopo avere visitato il paziente, potranno allertare direttamente la ‘Centrale operativa del servizio’ per richiedere, qualora ve ne fosse bisogno, l’impiego di infermieri professionali per terapie di reidratazione urgente a domicilio.

“ASP IN PIAZZA”: 319 LE PRESTAZIONI A VILLAFRATI

La foto di gruppo degli operatori col direttore generale e col sindaco
SARA' PRESTO RISTRUTTURATA E RIQUALIFICATA LA LOCALE GUARDIA MEDICA
VILLAFRATI 30 MAGGIO 2017 – Villafrati ha ospitato la 51^ tappa, seconda stagionale, di “Asp in Piazza”, manifestazione itinerante sulla prevenzione organizzata per il quarto anno consecutivo dall’Azienda sanitaria provinciale di Palermo. Piazza Umberto I per l’occasione si è trasformata in un “Villaggio della Salute” gremito da tantissimi utenti provenienti da tutto il comprensorio. Tantissimi quelli che si presentati all’ambulatorio di dermatologia per lo screening del melanoma, così come quelli per la prevenzione del tumore alla mammella, al colon-retto, al collo dell’utero e della tiroide.

Umberto Santino, "La mafia dimenticata"

In queste pagine si incontrano boss che raccontano guerre di mafia, donne e familiari di vittime che chiedono giustizia, politici e aristocratici che testimoniano a difesa dei mafiosi, dando un’immagine della genesi della mafia finora in larga parte inedita o non adeguatamente rappresentata.
Qui si pubblicano per la prima volta integralmente i rapporti redatti tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento dal questore di Palermo Ermanno Sangiorgi, che tracciò un profilo della mafia che somiglia molto a quello che sarebbe emerso novant’anni dopo con le rivelazioni dei collaboratori di giustizia: un’associazione strutturata, con capi, gregari e un vasto sistema di relazioni. Ne emerge un quadro completo della criminalità organizzata dall’Unità d’Italia ai primi del Novecento, del contesto in cui si svolgevano il lavoro investigativo e i processi e in cui maturavano le prime lotte sociali, tra l’accavallarsi dei delitti e l’intrecciarsi delle complicità, anche all’interno delle istituzioni. Eppure per decenni l’esistenza stessa della mafia in Sicilia venne negata e quei preziosi documenti furono dimenticati a lungo negli archivi di Stato.
Nel libro, oltre alle relazioni del questore Sangiorgi, con gli allegati, viene pubblicato un documento che si riteneva introvabile: la “bolla di componenda” con cui la Chiesa cattolica condonava i reati dietro versamento di una somma di denaro.

lunedì 29 maggio 2017

DOMANI “ASP IN PIAZZA” NEL COMUNE DI VILLAFRATI

Asp in piazza a Contessa Entellina
DALLE 9.30 ALLE 16.30 VISITE ED ESAMI GRATUITI A PIAZZA UMBERTO I
PALERMO 29 MAGGIO 2017 - Mammografia, Pap-test, Sof-test, screening del melanoma e del tumore alla tiroide. Sono le prestazioni che gratuitamente l’Azienda sanitaria provinciale di Palermo “offrirà” domani (martedì 30 maggio) a Villafrati in occasione della seconda tappa stagionale di “Asp in Piazza”, manifestazione itinerante sulla prevenzione giunta al quarto anno di vita. Sarà la centralissima Piazza Umberto I ad ospitare camper e gazebo del “villaggio della salute” dove, dalle ore 9.30 alle 16.30, lavoreranno 25 tra medici, infermieri ed operatori. “Dopo l’ottimo riscontro avuto a Contessa Entellina – ha spiegato il direttore generale dell’Asp di Palermo, Antonio Candela – proseguiamo nel ‘percorso’ della prevenzione andando incontro alla gente della provincia. A Villafrati riproporremo tutte le prestazioni di prevenzione oncologica che fanno parte del programma 2017 di ‘Asp in Piazza’. In poco più di un mese, i nostri camper, tra cui il nuovissimo ambulatorio mobile ginecologico, percorreranno 1.800 chilometri con l’obiettivo di portare la sanità, e soprattutto la prevenzione, nei luoghi di aggregazione quali sono le piazze”.

Palermo. A Palazzo Gulì NO MAFIA MEMORIAL, il memoriale-laboratorio della lotta alla mafia

Il logo del memoriale-laboratorio
che avrà la sua sede a palazzo Gulì
Nuova decisiva tappa per no mafia memorial, il Memoriale-laboratorio della lotta alla mafia. Il Comune di Palermo ha destinato stabilmente gli spazi di Palazzo Gulì al progetto del Centro Impastato che vede tra i partner RAI Radiotelevisione Italiana e Banca Popolare Etica.
“Finalmente si apre la fase operativa per la realizzazione del Memoriale – afferma il Presidente del Centro Impastato Umberto Santino – Avvieremo subito una campagna di informazione e sensibilizzazione che coinvolga istituzioni, associazioni, cittadini che vogliono dare il loro contributo alla creazione di un luogo che rispecchi la volontà della comunità di liberarsi da una tirannia che ha sconvolto la nostra vita. È un'impresa ambiziosa, una sfida culturale e civile, che richiede l'impegno di ciascuno, il reperimento di risorse adeguate, una progettazione corale. Il Centro Impastato, che ha promosso il progetto, ha creato un Gruppo di lavoro formato da soci e collaboratori, tutti professionalmente qualificati e tutti volontari, ma vuole anche stimolare tutte le altre energie disponibili per una impresa collettiva. Partner come la RAI e Banca Etica, le adesioni che abbiamo raccolto, le collaborazioni che ci hanno sostenuto in questi anni, ci fanno pensare che sia possibile portare a compimento il percorso avviato. Abbiamo già avanzato una richiesta di sostegno alla Fondazione con il Sud. Questa iniziativa è un dono che i cittadini fanno a se stessi e a tutti coloro che si riconoscono in un progetto di democrazia partecipata e di libertà come scelta e conquista quotidiana. Questo impegno discende direttamente dal sacrificio di chi ha dedicato la propria vita a combattere la mafia e ogni forma di violenza e di prepotere e a gettare le basi per una società profondamente rinnovata. È dentro questa storia che si costruisce il nostro futuro”.

domenica 28 maggio 2017

Buon piazzamento delle atlete di twirling della Asd For.Ma Sport di Corleone alle gare nazionali

Foto di gruppo di tutte le atlete della ASD dei campionati regionali 
Le atlete di twirling della ASD FOR.MA sport di Corleone, allenate dalla dottoressa Marianna Di Martino, hanno vinto le gare regionali, qualificandosi per le nazionali freestyle per le squadre di serie B e C. Solo quattro atlete del team (Aurora Rizzotto, Maria Rita Di Fulco, Valeria Spezia e Simona Di Vita, accompagnate dalla prof.ssa Lina Pocorobba, hanno partecipato alle gare nazionali, svoltesi a Torino il 20-21 maggio. Considerato l’alto livello della competizione, hanno ottenuto un ottimo piazzamento: seste nel duo junior si sono classificate Di Fulco-Rizzotto su 18 coppie in gara; quattordicesima Di Fulco, su 26 soliste freestyle; diciassettesime nel duo junior Di Vita-Spezia.

sabato 27 maggio 2017

Giuliana ha ricordato Peppino Marchese

Un momento del convegno per ricordare Peppino Marchese
Nello splendido scenario del castello di Federico II, la città di Giuliana ha ieri mattina ricordato uno dei suoi figli migliori: il prof. Antonino Giuseppe Marchese, medico ed erudito, scomparso nell'agosto dello scorso anno. L'iniziativa è stata organizzata dal comune in collaborazione con la Regione Siciliana, l'Assemblea regionale, l'Università di Palermo e il Rotary Club. Erano presenti il sindaco Maurizio Mario Musso, gli assessori e i consiglieri comunali, i familiari di Marchese, la prof.ssa Maria Concetta Di Natale, il prof. Ferdinando Maurici, il prof. Alberto Scuderi, la prof.ssa Rosalia Francesca Margiotta, il prof. Aldo Gerbino, il vice-presidente dell'Ars Giuseppe Lupo, il dott. Mario Lanza, il dott. Dino Paternostro, direttore di questo giornale. Intervenendo, Paternostro ha ricordato la lunga collaborazione e il solido rapporto di amicizia con Marchese, nato nei primi anni '70.

A Corleone lo Stato c'è. Nel nome di Giuseppe Letizia una festa di sport

I commissari Cacciola e Mallemi, il prefetto De Miro e il questore Cortese
in tribuna assistono agli incontri di calcio "Memorial G. Letizia"
Alla prima edizione del “Memorial Giuseppe Letizia”, accanto alla Commissione straordinaria del Comune di Corleone, che ha organizzato l’iniziativa, c’erano il prefetto di Palermo Antonella De Miro, il questore Renato Cortese e il comandante provinciale dei Carabinieri Antonio di Stasio. Erano presenti anche i vertici della Guardia di finanza. Lo Stato, in sostanza, ha voluto dimostrare che a Corleone c’è e intende impegnarsi per aiutare la comunità corleonese a rialzarsi e a riprendere un cammino capace di costruire lavoro e sviluppo nella legalità. Non sarà facile, ma con l’impegno di tutti (in particolare, con l’impegno e l’entusiasmo delle giovani generazioni) ce la possiamo fare. Quella di ieri mattina è stata comunque una giornata gioiosa, di festa dello sport. Il modo migliore per ricordare il giovane Letizia, la cui vita è stata stroncata prima che avesse il tempo di crescere, giocare e costruire la sua vita. La vita contro la morte. La voglia di giocare e di crescere nella lealtà contro la violenza e il sangue portato dalla mafia. Questo il messaggio che si è voluto lanciare, grazie agli alunni delle scuole che hanno giocato a calcio e agli interventi dei ragazzi del liceo.

venerdì 26 maggio 2017

Una svolta definita epocale: al Civico di Palermo, analisi genetica per combattere il carcinoma ovarico

Palermo, 26 maggio 2017. Dalla settimana prossima le donne siciliane potranno avvantaggiarsi dell’analisi genetica per la ricerca della mutazione dei geni BRCA1 e BRCA2 in caso di cancro all’ovaio, quei geni implicati nell’insorgenza di tumori aggressivi della mammella e dell’ovaio, anche in età giovane, con un danno umano e sociale di proporzioni enormi. Irrompono nella vita di donne in piena attività professionale e familiare, devastando progetti, vita, carriera.

CORLEONE "CAPITALE" DELL’ETERNIT ABBANDONATO!

Eternit abbandonato nelle campagne corleonesi
ORA NESSUNO POTRA' PIU' DIRE CHE NON SAPEVA!
E stato un lavoro lungo e meticoloso, aver scovato e individuato diversi siti di abbandono di eternit nelle campagne attorno a Corleone. Fermo restando che l’inciviltà di questi gesti si commenta da sé, rimane il fatto che a nessuno sta a cuore la salute pubblica. Posso capire l’ignoranza e la non conoscenza di persone che non sanno, o fanno finta di non sapere, del danno che questo materiale può fare una volta dismesso è abbandonato in aperta campagna. Con questa pubblica denuncia voglio portare all’attenzione di chi ora deve attivarsi per smaltire tale incuria, è ripeto non è normale che questo materiale e presente sul territorio da svariato tempo se non da più di 1 anno. E' comunque lo specchio dello stato di abbandono e di indifferenza in cui viviamo, come se a nessuno interessi il problema. Invece no, stiamo facendo un danno enorme al territorio e a noi stessi. Ma veramente non c’è cultura del bene comune? Ma che mondo stiamo lasciando ai nostri figli? Io mi vergogno di tutto ciò.Marcus Salemi
GUARDA L'ALBUM FOTOGRAFICO

Corleone, domani la prima edizione del "Memorial Giuseppe Letizia"

Si svolgerà nella mattinata di domani la prima edizione del Memorial "Giuseppe Letizia", che la Commissione straordinaria del comune di Corleone ha voluto dedicare al piccolo pastorello vittima innocente di mafia. Pubblichiamo una nota per spiegare chi era Giuseppe Letizia...
CHI ERA GIUSEPPE LETIZIA?
Il piccolo Giuseppe Letizia è ­morto alle ore 13.00 ­del 14 marzo 1948, ne­lla sua casa di via A­rena 36. Quattro giorni dopo l’assassinio di Placido Rizzotto. Spulciando i­ registri dello Stato­ civile del comune di Corleone, apprendiamo ­che il pastorello era­ nato a Corleone il 4­ novembre 1935, in pi­ena epoca fascista, d­a Giuseppe senior, co­ntadino, che allora a­veva 39 anni, e da An­na Carollo, nella ste­ssa casa in cui sareb­be morto di via Arena­ 36. All’epoca della ­morte, quindi, avvenu­ta il 14 marzo 1948, ­aveva appena compiuto­ 12 anni. A denunciar­e la morte del Letizi­a non furono i genito­ri, disperati per il dolore di aver perso il figlio­, ma Matteo D’Ippolito, un contadino di 22 anni, insieme­ a due testimoni: Sal­vatore Militello, con­tadino di 42 anni, e Leoluca ­Labruzzo, un ­altro contadino di 32­ anni. In quegli atti­, Letizia risulta ancora formalmente “scol­aro”. Invece sappiamo­ che a scuola non and­ava da tempo, perché ­aiutava il padre nei ­lavori di campagna. 

Convegno su “Archeologia, architettura e arte a Giuliana e nel territorio circostante”, ricordando Antonino G. Marchese

In memoria di Antonino G. Marchese, si terrà domani  27/05/2017, alle ore 9,30, presso il Castello di Federico II a Giuliana il Convegno “Archeologia Architettura e Arte a Giuliana e nel territorio circostante”. Sarà una giornata dedicata al Castello Federiciano di Giuliana, inserito nel percorso dei castelli di Federico II, un viaggio culturale attraverso la Sicilia promosso dalla Fondazione Federico II di Palermo. La giornata è stata organizzata con il patrocinio dell’Assemblea Regionale Siciliana ed in collaborazione con l’Università degli Studi di Palermo – Dipartimento Cultura e Società e con il Rotary Distretto 2110 Corleone.

S. Stefano Quisquina: domenica la sagra del formaggio

Nel contesto della 19esima Sagra del Formaggio e dei Prodotti Tipici Quisquinesi, a S. Stefano Quisquina domenica 28 maggio vi sarà la presenza di due eccellenze del panorama dolciario siciliano. Salvatore Cappello, dell’Accademia Maestri Pasticceri Italiani, medaglia d' oro alla selezione Pastry Chef del Culinary Team Palermo. Ha dato dimostrazione delle sue capacità in diverse fiere, in RAI (Uno Mattina, La Vecchia Fattoria, In Famiglia). Il Maestro Pasticcere, durante l’evento sarà coadiuvato dai rappresentanti della condotta Slow Food Cammarata - Colli Sicani. Il Maestro Vincenzo Albanese, campione italiano di pasticceria Seniores nel 2017, titolo vinto a Sigep, il salone mondiale del dolciario artigianale organizzato da IEG alla fiera di Rimini.

giovedì 25 maggio 2017

Una marina di libri - Ottava edizione. Il primo festival letterario accessibile del Sud Italia

8 - 11 giugno all’Orto Botanico di Palermo, 250 eventi, 90 editori, 10 ettari di giardino letterarioMaurizio de Giovanni, Walter Siti, Teresa Ciabatti, Federico Zampaglione dei Tiromancino, Vanni Santoni, Antonella Lattanzi, Giuseppina Torregrossa, Elena Stancanelli e tanti altri  
Da giovedì 8 giugno a domenica 11 giugno il festival dell’editoria indipendente, promosso dal CCN Piazza Marina & Dintorni in collaborazione con le case editriciNavarra e Sellerio torna tra i viali dell’Orto botanico di Palermo. Saranno oltre 250 quest’anno gli eventi in programma in quattro giornate tra presentazioni, letture, laboratori e spettacoli per adulti e bambini, mentre in fiera saranno presenti 90 editori indipendenti nazionali e locali (20 le new entry), con uno speciale focus quest’anno dedicatoall’editoria per l’infanzia con 10 delle migliori case editrici nazionali del settore e un vasto programma dedicato, curato dalla libreria Dudi, partner del festival. La fiera sarà allestita tra i viali dell'Orto e intorno alla Vasca delle ninfee, trasformando l’Orto Botanico in un meraviglioso giardino letterario di 10 ettari.

Afflusso record a Contessa Entellina nella prima tappa di “Asp in piazza” 2017

La foto di gruppo degli operatori sanitari con direttore
generale Antonio Candela e il sindaco Sergio Parrino
Centinaia di visite ed esami gratuiti di screening oncologici. Martedì si replica a Villafrati
CONTESSA ENTELLINA 25 MAGGIO 2017 – Tre camper, dieci gazebo e centinaia di utenti già in attesa a Contessa Entellina ancor prima che venisse montato dagli operatori dell’Azienda sanitaria provinciale di Palermo il villaggio della salute di “Asp in Piazza”. La prima tappa del 2017 della manifestazione itinerante sulla prevenzione è stata all’insegna di un’adesione record da parte di una comunità che conta poco più di 1.900 abitanti. “Per il quarto anno consecutivo proponiamo un modello di sanità itinerante, ormai diventato familiare a tutti gli utenti della nostra Azienda – ha sottolineato il direttore generale dell’Asp, Antonio Candela – siamo pienamente soddisfatti dell’adesione massiccia dei cittadini di Contessa Entellina che hanno dimostrato ancora una volta di apprezzare una manifestazione itinerante che, in tre anni, ha toccato quasi tutte le località di città e provincia. Un particolare ringraziamento va al sindaco, Sergio Parrino, che ci ha consentito di organizzare nel migliore dei modi la prima tappa di Asp in Piazza”. GUARDA IL VIDEO

VOUCHER, DOMANI DALLE 16 A PALERMO PRESIDIO DELLA CGIL IN PREFETTURA

ENZO CAMPO: “CONTINUA LA MOBILITAZIONE”
Palermo 25 maggio 2017 – Domani sit-in della Cgil Palermo, dalle ore 16, in via Cavour, davanti alla Prefettura, contro la possibilità che il governo, con alcuni emendamenti al Decreto Legge n. 50/2017, attualmente in discussione in Parlamento, torni indietro rispetto ai voucher reintroducendo forme di lavoro occasionale. Noi non smobilitiamo e manterremo alta la guardia. La battaglia contro i voucher e la precarietà del lavoro, portata avanti da milioni di persone e di lavoratori che insieme alla Cgil hanno firmato i referendum su voucher e appalti non è finita – dichiara il segretario generale della Cgil Palermo Enzo Campo - Sarebbe una presa in giro dei milioni di cittadini che hanno firmato l’abrogazione dei voucher,un simile intervento rappresenterebbe una violazione dell'articolo 75 della Costituzione sul valore del referendum. Una brutta caduta sul piano della democrazia, da parte di un governo che prima accoglie le richieste di abrogazione e poi vuole ripristinare se non peggiorare, nei fatti, le norme abrogate”.

Corleone, l'Agenzia per i beni confiscati alle mafie ha consegnato al comune un'autovettura Toyota Rav4

Nella giornata di ieri, l’Agenzia per l’Amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata ha proceduto, a mezzo del coordinatore della procedura Avv. Nathalie Vitale alla consegna ai Funzionari comunali dell’autovettura TOYOTA RAV 4 assegnata con decreto del Direttore dell’Agenzia per le esigenze istituzionali dell’Ente a seguito di confisca disposta con decreto del Tribunale di Palermo. Un sentito ringraziamento viene rivolto al Direttore ed al Consiglio Direttivo dell’Agenzia Nazionale dei Beni confiscati per avere favorevolmente esitato la manifestazione di interesse inoltrata dalla Commissione Straordinaria.
25 maggio 2017
La Commissione Straordinaria
(G. Termini – R. Mallemi – M. Cacciola)

Progetto "Giardino Brancaccio 3"

Al Centro di Accoglienza Padre Nostro onlus sono stati assegnati n. 15 volontari nell'ambito del progetto "Giardino Brancaccio 3".
MODALITÁ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDE (ART.4 DEL BANDO)
Le domande (allegato 2), accompagnata da fotocopia di valido documento di identità e la scheda dichiarazione titoli (allegato 3) compilate in ogni sua parte firmate e datate, devono essere presentate entro il 26 Giugno 2017 alle ore 14.00 esclusivamente secondo le seguenti modalità:
  1. con Posta Elettronica Certificata (PEC) - art. 16-bis, comma 5 della legge 28 gennaio 2009, n. 2 - di cui è titolare l'interessato (avendo cura di allegare tutta la documentazione richiesta in formato pdf), all'indirizzo info@pec.centropadrenostro.it;
  2. a mezzo "raccomandata A/R", indirizzata a: "Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus - Palermo via Brancaccio n. 210 - 90124 Palermo (PA)". NON FA FEDE IL TIMBRO POSTALE. La domanda deve fisicamente arrivare presso la nostra sede entro il termine indicato. Sulla busta scrivere la seguente dicitura "Selezione di 3.206 volontari SCN";
  3. a mano in busta chiusa, presso la sede legale del Centro di Accoglienza Padre Nostro Onlus - Palermo, via Brancaccio n 210. Sulla busta scrivere la seguente dicitura "Selezione di 3.206 volontari SCN" dal lunedì al venerdì (escluso il mercoledì) dalle ore 09.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.30 alle ore 18.30.

mercoledì 24 maggio 2017

A Palermo, ricordando Giovanni Falcone...

Palermo, 23 maggio 2017. Venticinque anni dopo, ricordando Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Antonio Montinari, Vito Schifani e Rocco Dicillo... Con l'Italia PARTE civile COME LO FU IL 27 GIUGNO 1992 alla manifestazione nazionale antimafia, organizzata da Cgil-Cisl-Uil. Come lo era stata a Corleone il 2 giugno 1992, protagonisti gli 800 bambini della scuola elementare e le loro coraggiose maestre, che avevano sfidato la mafia con Riina, Provenzano e Bagarella ancora liberi e latitanti.
E poi incontro Roberto Tagliavia, un amico e un compagno conosciuto nel 1974 a Corleone, l'anno in cui ebbe inizio la mia militanza politica nel Partito comunista, insieme a Maurizio Midulla, Franco Leggio e tanti altri giovani della Corleone di allora. Roberto (ed io) adesso ha (abbiamo) i capelli bianchi, ma rimane intatta la nostra tensione etica e civile.
Dulcis in fundo, incontro e trascorro un bel pezzo di serata col carissimo amico Fra' Paolo, dei frati minori rinnovati, tornato a Corleone dalla Tanzania, dopo quattro anni, per partecipare al capitolo del suo ordine. All'appuntamento di Palermo-Capaci, però, non è voluto mancare ed ha fatto una pedalata antimafia con un gruppo di ciclisti, fino alla stele che ricorda il luogo della strage. Poi a Palermo, all'albero Falcone e poi con gli amici a ricordare gli anni '90 a Corleone, il gruppo "Corleone, un passo avanti", le schede "parlanti" delle elezioni comunali del 1993, l'incontro tra laici e cattolici nello spirito conciliare dell'incontra di tutte le persone di buona volontà. Concetti ed indicazioni di allora, ma validi ancora oggi (dp).  
#LAMEMORIACOSTRUISCEFUTURO
GUARDA L'ALBUM FOTOGRAFICO


Ritorna Asp in piazza: giovedì a Contessa Entellina

Il dg Antonio Candela: "L’edizione del 2017 privilegia la prevenzione oncologica".
PALERMO - Il cortile della scuola per l’infanzia “Reina” di via Palermo a Contessa Entellina, ospiterà giovedì 25 maggio, la prima tappa di “Asp in Piazza” 2017, manifestazione itinerante sulla prevenzione, giunta quest’anno alla quarta edizione. L’iniziativa è aperta a tutti gli utenti di Palermo e provincia che, dalle 9.30 alle 16.30, avranno la possibilità di usufruire gratuitamente, e con accesso diretto, di esami e visite gratuite.
A bordo di 3 camper ed all’interno di 8 gazebo, lavoreranno 20 operatori dell’Azienda sanitaria provinciale che effettueranno: lo screening del tumore alla mammella (mammografia); screening del tumore al collo dell’utero (pap-test e HPV test); screening del tumore al colon-retto (verrà distribuito il sof test per la ricerca del sangue occulto nelle feci); screening del tumore alla tiroide (visita ed ecografia) e screening del melanoma.

Corleone, 27 maggio. Memorial Giuseppe Letizia


Sabato 27 Maggio presso gli impianti sportivi di C.da Santa Lucia a Corleone si terrà la prima edizione del Memorial Giuseppe Letizia, dedicato al giovane corleonese ucciso da mano mafiosa per mantenerne alto il ricordo anche tra le nuove generazioni. 
L’iniziativa, promossa dalla Commissione straordinaria, che gestisce attualmente il Comune di Corleone sciolto per infiltrazioni mafiose nel mese di Agosto del 2016, in collaborazione con le Istituzioni scolastiche locali , avrà inizio alle ore 9 con il torneo di calcio a 6, riservato alla categoria pulcini, a cui parteciperanno le associazioni sportive dilettantistiche Animosa civitas Corleone, Atletico Corleone, Bisacqua sport, Jatina, Pallaci, Belmonte Mezzagno, Villabate Calcio, CEI Palermo. 

lunedì 22 maggio 2017

"Giovanni, non dovevi morire". Firmato i bambini di Corleone

Corleone 1992. I bambini di Corleone contro la mafia
DINO PATERNOSTRO
CORLEONE, 2 GIUGNO 1992 - I BAMBINI DELLA SCUOLA ELEMENTARE: "Giovanni non dovevi morire!". A dieci giorni dalla strage mafiosa di Capaci in cui persero la vita Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Antonio Montinaro, Rocco di Cillo e Vito Schifani, gli 800 alunni della scuola elementare di Corleone manifestarono sfilando per le vie del paese con un grande striscione: "vogliamo vivere con fierezza nella nostra Corleone!".

Gaetano Porcasi, pittore di impegno civile: "Tele vive sulla strada della memoria"

Porcasi, la strage di Capaci (olio su tela)
di Federica Governanti
Quando l’arte sposa il ricordo nasce la pittura d’impegno sociale di Gaetano Porcasi
Un quarto di secolo è ormai trascorso da quel famigerato 23 maggio 1992. Una potente deflagrazione di sgomento e dolore sbrecciò non solo l’asfalto dell’A29 all’altezza dello svincolo di Capaci ma anche la coscienza d’una nazione intera, ridotta a brandelli, come quella strada. Una strada trasformatasi in una voragine che trascinò con se Giovanni Falcone, volto dell’antimafia siciliana, insieme alla moglie Francesca Morvillo e agli agenti di scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonino Montinari.

La Cgil di Palermo domani alle manifestazioni per ricordare Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli agenti di scorta morti nella strage di Capaci

La tessera 2012 della Cgil dedicata a Falcone e Borsellino
Enzo Campo: “Ricordare tutti, da Falcone, Borsellino, La Torre ai dirigenti sindacali uccisi, costruttori di libertà e democrazia nel nostro Paese”.
Palermo, 22 maggio 2017 – Un'ampia delegazione della Cgil parteciperà domani pomeriggio al corteo che arriverà sotto l'albero Falcone, in via Notarbartolo, per ricordare il venticinquesimo anniversario del sacrificio di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e degli agenti di scorta Vito Schifani, Rocco Montinaro e Rocco Dicillo. In mattinata, la Cgil sarà presente alla manifestazione nell'aula bunker.

Palermo. Cosa ci dice l’omicidio del boss Giuseppe Dainotti?

Giuseppe Lumia
di GIUSEPPE LUMIA 
L’omicidio del boss Giuseppe Dainotti, commesso stamattina a Palermo, ci dice tre cose importanti. La prima riguarda l’ineluttabilità del ruolo che si ha dentro l’organizzazione mafiosa. Da boss, infatti, non ci si dimette mai. Nonostante il carcere i boss appena liberati tornano a far parte dell’organizzazione, anche a costo di rischiare e lasciarci la pelle. La seconda riguarda il ricorso agli omicidi.Quello di Dainotti è l’ultimo di una serie commessi in questi anni dalla mano mafiosa, per cui pensare che Cosa nostra dismetta l’uso delle armi è un errore clamoroso. Semmai al fuoco preferisce il ricorso alle collusioni, sapendo che pistola e kalashnikov sono sempre a portata di mano, anche quando si organizza la Cosa nostra 2.0 attraverso le strategie tipiche dei colletti bianchi.

Corleone, giornata della legalità, ricordando la strage di Capaci


Venticinquesimo anniversario della strage di Capaci: tutti gli eventi in programma

Giovanni Falcone

Nel 25esimo anniversario della strage di Capaci Palermo si prepara a commemorare il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro. Sono diverse le manifestazioni in programma.
DOMENICA 21 MAGGIO – Alle 19, è stato presentato il libro “Giovanni Falcone – Le idee restano” di Maria Falcone. Il libro scritto dalla sorella del magistrato ucciso da Cosa Nostra, insieme a Monica Mondo. All’evento che si è tenuto presso la chiesa di San Domenico, è stato presentato in anteprima anche il volume “Paolo Borsellino – L’uomo giusto” scritto da Alessandra Turrisi.

Altofonte. Operazione “Happy holidays”

L'estorsione documentata in diretta...
Il 16 maggio 2017, i Carabinieri del Gruppo di Monreale hanno dato esecuzione al fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo, nei confronti di Salvatore RACCUGLIA, indagato in ordine ai reati di associazione di tipo mafioso ed estorsione aggravata dall’utilizzo del metodo mafioso ai danni di un imprenditore di Altofonte. La misura è stata convalidata il successivo 18 maggio dal G.I.P. presso il Tribunale di Palermo, il quale contestualmente ha emesso, su richiesta della stessa Procura Distrettuale, un’ordinanza di custodia cautelare a carico del citato RACCUGLIA, di Salvatore LA BARBERA, di Andrea DI MATTEO e diGiuseppe SERBINO, ritenuti responsabili, a vario titolo, dei medesimi reati.

Palermo ricorda Francesca Morvillo


Giuliana, sono tornati a lavorare gli operai ex Ato

Gli operai ex Ato di Giuliana sono tornati al lavoro
Da oggi gli ex operatori dell’Ato Pa2 che operavano sul territorio di Giuliana sono finalmente ritornati al lavoro. Dopo numerose trattative e diffide fatte, oltre che dagli stessi operatori tramite il loro legale, anche dal commissario della SRR, dott. Natale Tubiolo, il comune di Giuliana ha espressamente inserito nell’ultima gara la clausola sociale prevista dalle varie ordinanze del presidente Crocetta. La ditta Lo Greco di San Giuseppe Jato, vincitrice dell’ultima gara, ha provveduto ad attuare le clausole contrattuali previste nel bando e ha finalmente posto fine all’incubo degli ex operatori di Giuliana, tutti ex dipendenti comunali del comune.

Antonio Ingroia: "Subito la legge anticorruzione La Torre bis"

Pio La Torre
Palermo, 19 mag. (AdnKronos) - "L’Italia è ormai strozzata da una classe politica corrotta e collusa con la mafia, soprattutto al meridione, e un Paese così soffocato non può mai dire di essere una vera democrazia. I recenti fatti di corruzione e di mafia emersi in questi giorni in Sicilia sono illuminanti: due candidati sindaci a Trapani sono accusati di corruzione e collusione con la mafia, uno è stato addirittura arrestato, mentre un sottosegretario è indagata di corruzione per avere, secondo l'accusa, presentato un emendamento di favore in cambio del regalo di un Rolex". Lo ha detto Antonio Ingroia, presidente di Azione Civile, a margine dell'iniziativa elettorale 'Nocera contro le camorre e la corruzione per lo sviluppo e l’occupazione' a Nocera Inferiore, in provincia di Salerno. 

domenica 21 maggio 2017

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando: “Ora voglio completare la missione”

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando
Le risposte ai lettori. Diretta Facebook con il sindaco uscente che attacca: “Non è normale che un condannato per mafia faccia la campagna per un candidato indagato per voto di scambio”. Si ricandida per «completare una missione », vede nei turisti «un mezzo di controllo del comportamento dei palermitani » e rivendica i risultati positivi dei cinque anni di mandato. Leoluca Orlando, sindaco uscente e ricandidato per il secondo mandato, ha risposto alle domande del popolo del web nel corso della diretta Facebook di Repubblica Palermo
Repubblica: Partiamo dalla questione morale. Abbiamo visto il ritorno delle indagini e degli avvisi di garanzia nei confronti della politica. A Palermo con le firme false del movimento 5 stelle e le accuse di voto di scambio al suo competitor Ferrandelli. In questi giorni è stata la volta di Trapani, Lei vede una nuova questione morale nella politica?

Il questore di Palermo Renato Cortese: “Presi “iddu” e Palermo cambiò”

Il questore di Palermo Renato Cortese
ALESSANDRA ZINITI
L’INTERVISTA / PARLA IL QUESTORE RENATO CORTESE
L’11 APRILE, questa volta da questore di Palermo, era di nuovo lì. Da solo a guardare da lontano il luogo che ha segnato per sempre la sua vita da “sbirro”, il casolare di Montagna dei cavalli dove, alle 11,20 dell’11 aprile di 11 anni fa, si ritrovò finalmente faccia a faccia con l’uomo cui aveva dato la caccia per otto anni. «Ero stato nominato questore da poco più di un mese, mi sono fatto portare in assoluta solitudine su quella collina dove, insieme ai colleghi della Catturandi, avevamo passato non so quanti giorni in attesa che si muovesse qualcosa, e mi sembrava che il tempo non fosse passato».

Trapani, una città gattoparda

Trapani, corso Vittorio Emanuele
RINO GIACALONE 
Due indagini della procura distrettuale di Palermo irrompono nella campagna elettorale per eleggere sindaco e Consiglio comunale e raccontano i retroscena di chi diceva di voler cambiare tutto per non cambiare niente.
Non è nostro costume dire “noi lo avevamo detto”, ma oggi la tentazione di farlo è parecchio forte, dopo i due colpi giudiziari inferti contro il sen. Tonino D’Alì e l’on. Mimmo Fazio, protagonisti contrapposti, dopo una lunga alleanza persona e politica, di una campagna elettorale per le amministrative in pieno svolgimento a Trapani. La richiesta avanzata dalla Dda di Palermo di applicazione della misura di prevenzione per pericolosità sociale contro l’attuale senatore ed ex sottosegretario all’Interno Tonino D’Alì, per via dei suoi contatti con la criminalità mafiosa “targata” Messina Denaro, e l’arresto per corruzione dell’on. Mimmo Fazio, deputato all’Ars, vice presidente dell’Antimafia regionale, colui che nel 2001 fu eletto sindaco a Trapani (restandolo per dieci anni, per due mandati) e che fu indicato come enfant prodige che D’Alì tirò fuori dal suo cappello all’indomani di un’altra inchiesta giudiziaria (Trapani nel 2001 andò al voto anticipatamente dopo l’arresto del sindaco in carica Nino Laudicina espressione anche lui di una aggregazione politica capeggiata dal D’Alì), sono la conseguenza di quello che da anni scriviamo su queste pagine di Libera Informazione, a proposito dell’intreccio tra mafia, politica e imprese a Trapani.

sabato 20 maggio 2017

La Quarto Savona Quindici, l'auto di scorta di Falcone, domani arriva a Palermo

Tina e Antonio Montinaro
Palermo - La Quarto Savona Quindici, nome in codice dell'auto di scorta del giudice Giovanni Falcone, tornerà alla caserma Lungaro di Palermo, dalla quale uscì il 23 maggio del 1992 per non farvi più ritorno. L'iniziativa, "La memoria in marcia", organizzata dall'associazione omonima, presieduta da Tina Montinaro, moglie di Antonio caposcorta del magistrato, e dalla Polizia di Stato, è partita il primo maggio da Peschiera del Garda. Tina Montinaro accompagnerà insieme alla Polizia di Stato la teca in cui sono conservati i resti dell'autovettura, in un percorso che attraverserà l'Italia sino a Palermo. Le tappe saranno: Sarzana (SP), Pistoia, Riccione, Monte San Giusto (Macerata), Napoli, Vibo Valentia e Locri (RC), per giungere alla caserma Lungaro di Palermo il 21 maggio, pochi giorni prima del 25esimo anniversario della strage di Capaci. "Mio marito Antonio, Rocco e Vito - ha commentato Tina Montinaro - non volevano essere eroi, non sfoggiavano il completo da Superman, erano uomini con paure come tutti ma mai vigliacchi. Scortavano un uomo che stimavano e per il quale come è accaduto, erano pronti a dare la propria vita. L'auto su cui viaggiavano è un blocco di lamiere accartocciate, vedendola si percepisce subito cosa sia rimasto dei corpi di quei 3 ragazzi. Tocchi con mano la brutalità della mafia, l'orrore infinito di cui si è resa responsabile. E noi per questo vogliamo che la teca sia a Palermo, per ricordare a tutti di cosa sono stati capaci quei mostri e per dire a testa alta che nonostante tutto, non hanno vinto loro".

Ospedale Corleone, arriva il sottosegretario alla salute Davide Faraone

Al “capezzale” dell’ospedale di Corleone stamattina è arrivato il sottosegretario alla salute Davide Faraone. Con lui c’erano il direttore generale Antonio Candela e il direttore sanitario Giovanna Volo. Ad accoglierlo il direttore dell’ospedale Giovanni Rà, il direttore del Distretto 40 Pina Scarpello, il commissario straordinario del comune di Corleone Giovanna Termini e gli altri sindaci della zona del corleonese, i vertici del Pd del Corleonese e tanti operatori sanitari. Faraone ha visitato per la prima volta l’intera strattura, sia l’ala nuova che l’ala di recente ristrutturata e la terza ancora incompleta. GUARDA L'ALBUM FOTOGRAFICO

Anche gli studenti di Gela si emozionano guardando il film "Placido Rizzotto"...


DINO PATERNOSTRO
Si sono emozionati anche gli studenti dell’Istituto Tecnico “Emanuele Morselli” di Gela, nella mattinata del 19 maggio, guardando il film “Placido Rizzotto” del regista Pasquale Scimeca. Il giovane contadino-partigiano che ha combattuto e donato la sua vita per liberare l’Italia dal nazi-fascismo e Corleone e la Sicilia dalla mafia ha “parlato” al cuore di ragazzi che sognano lavoro, sviluppo e libertà, ma si guardano intorno e non vedono molte prospettive. La proiezione del film e la successiva presentazione del libro “La strage ignorata. Sindacalisti agricoli uccisi dalla mafia in Sicilia 1944-1948”, di cui sono coautore, sono state organizzate dalla Uila e dall’Istituto scolastico gelese. Ad introdurre il dibattito, infatti, sono stati la prof.ssa Marzia Marù e Fabrizio De Pascale della Uila nazionale. GUARDA L'ALBUM FOTOGRAFICO

venerdì 19 maggio 2017

Corleone, i commissari trovano il finanziamento per l'attivazione H24 dell'eliporto!

L'eliporto di contrada Sant'Elena
La Commissione straordinaria del Comune di Corleone ci comunica tre buone notizie: il reperimento (finalmente!) delle risorse finanziarie per realizzare la cabina elettrica in contrada Sant'Elena per rendere funzionante anche di notte l'eliporto; l'istituzione del MEMORIAL GIUSEPPE LETIZIA per ricordare attraverso tornei di calcio tra bambini e tra una squadra di magistrati ed una delle forze dell'ordine il giovane pastorello di Corleone assassinato dalla mafia nel lontano 1948; la nomina dei rappresentanti del comune nel Laboratorio della Legalità. Due conferme storiche: Giuseppe Crapisi e Maurilia Rizzotto; due novità: Mario Midulla, che la volta scorsa il sindaco Savona non volle nominare, e Natalia Scalisi, dirigente scolastica del liceo "Colletto". Tutti e quattro sono corleonesi doc! Ma leggiamo il comunicato dei commissari.
COMUNICATO STAMPA

Riparte da Contessa E. "Asp in piazza" 2017

ESAMI E VISITE DI PREVENZIONE ONCOLOGICA GRATUITI. IL CALENDARIO DELLE INIZIATIVE
PALERMO 19 MAGGIO 2017 - Riparte giovedì prossimo, 25 maggio, da Contessa Entellina “Asp in Piazza”, iniziativa itinerante sulla prevenzione organizzata per il quarto anno di fila dall’Azienda sanitaria provinciale di Palermo. Sono dieci le tappe, per il momento, in calendario alle quali si aggiungeranno nella seconda metà del 2017 altre manifestazioni in quelle località della provincia dove ancora non sono stati i camper degli screening oncologici. Dopo Contessa Entellina, il villaggio itinerante sulla prevenzione sarà il 30 maggio a Villafrati, l’8 giugno a Sciara, il 13 giugno a Collesano, il 27 giugno ad Alimena, il 7 luglio a Linosa, l’8 ed il 9 luglio a Lampedusa. Poi, dopo la pausa d’agosto, il 14 settembre è in programma una tappa a Casteldaccia, il 21 a Monreale ed il 26 a Roccapalumba, quindi ad ottobre sarà la volta di Vicari e Cinisi.

EDILI, PROTESTA AD ALTA TENSIONE. 350 OPERAI IN SIT-IN SULLO SCORRIMENTO VELOCE PALERMO-AGRIGENTO

La protesta degli edili lungo la "veloce" Pa-Ag
CHIUSA PER UN'ORA LA STRADA. “VOGLIAMO IL LAVORO. I FONDI PER LE STRADE ESISTONO. PERCHE' NON VENGONO SPESI?”
Palermo 19 maggio 2017 - Chiuso per un'ora lo scorrimento veloce Palermo-Agrigento per la protesta degli edili che lavorano al cantiere del tratto stradale Bolognetta-Lercara. Un'adesione massiccia: al sit-in di protesta, dalle 7 alle 12, presso lo svincolo a poca distanza dall'uscita per Bolognetta, hanno partecipato sotto le insegne di Fillea, Filca e Feneal circa 350 operai. Tra azienda madre e indotto lavorano complessivamente all'opera, che rischia di restare un'incompiuta, 500 operai. Altissima la tensione. “Oggi la presenza di tanti operai dimostra quanto la crisi nel settore preoccupa gli operai e la tensione, per questo, continua a salire. La Palermo-Agrigento è rimasta paralizzata da un'ora.

Corleone, "Giornata della Legalità" organizzata dalla Scuola Media, dal Comune e dalla Fondazione Falcone


Palermo, Fazzese nuovo segretario della Flai Cgil

Cambio al vertice della Flai Cgil Palermo. L'assemblea generale della Flai ha eletto oggi Dario Fazzese, segretario generale della Flai Cgil Palermo. Per Fazzese, 36 anni, è un ritorno a Palermo: nel 2014 si era trasferito a Roma nelle fila della Flai nazionale, funzionario politico del Dipartimento Agricoltura. Ex segretario di Nidil Cgil Palermo per tre anni, al suo ingresso alla Cgil Palermo, dal 2007 Dario Fazzese ha fatto parte della segreteria provinciale della Flai. All'elezione di Dario Fazzese erano presenti il segretario nazionale Flai Giovanni Mininni, il segretario generale di Flai Cgil Sicilia, Alfio Mannino, il segretario generale Cgil Palermo Enzo Campo e il segretario uscente Tonino Russo, passato nei giorni scorsi alla segreteria regionale della Flai. “La vertenza principale resta quella dei forestali. Siamo in attesa che nelle variazioni in finanziaria vengono inserite le somme dell'antincendio, servizio che dovrebbe partire entro il 15 giugno.

"Rolex in cambio dei tagli all'Iva", la sottosegretaria Vicari si dimette

Simona Vicari
"Sono tranquilla, assolutamente estranea a quanto contestato"
Roma, 19 mag. (askanews) – La sottosegretaria alle Infrastrutture Simona Vicari si dimette, pur dicendosi “assolutamente tranquilla e certa della liceità della mia azione”. E’ quanto si legge in una nota della sottosegretaria, che risulta indagata a Palermo per corruzione nell’ambito dell’indagine che ha portato all’arresto, tra gli altri, dell’armatore Ettore Morace. In cambio di un orologio datole dall’imprenditore, secondo l’accusa, avrebbe presentato un emendamento che abbassava l’Iva sui trasporti marittimi, consentendogli di risparmiare milioni di euro. I carabinieri di Trapani e Palermo hanno arrestato oltre e all’armatore Morace (presidente della compagnia di navigazione “Liberty Lines”), anceh l’ex primo cittadino di Trapani (dal novembre 2001 al maggio 2012, eletto con FI) e candidato sindaco alle prossime elezioni comunali Girolamo Fazio (ora deputato regionale del gruppo Misto, eletto con il Pdl) e il funzionario della Regione Siciliana Giuseppe Montalto (coordinatore della segreteria particolare dell’Assessorato regionale delle Infrastrutture e della Mobilità).


giovedì 18 maggio 2017

Pietro Grasso: “Falcone e Borsellino manca ancora un pezzo di verità”

Giovanni Falcone e Pietro Grasso
ATTILIO BOLZONI 
SALVO PALAZZOLO
Il presidente del Senato ricorda gli amici uccisi 25 anni fa: se fossero vivi, l’Italia sarebbe diversa
PALERMO. Ricorda i due amici, ricostruisce le indagini che sono seguite alle stragi, si tormenta sulle «verità che ancora mancano». E si chiede: «Fu solo mafia?». Nel suo ultimo libro riavvolge tutte le vicende dolorose di Palermo, pubbliche e private. Pietro Grasso, presidente del Senato, l’ex procuratore nazionale antimafia che per tanto tempo ha lavorato al fianco di Giovanni Falcone, in quest’intervista parla dell’Italia di ieri e di oggi. Quella delle stragi del 1992 e quell’altra che è venuta dopo.
Presidente, che Italia avremmo oggi con Falcone e Borsellino ancora vivi?
«Sarebbe certamente un’Italia diversa. Se questi due colleghi, amici, avessero potuto realizzare tutte le loro idee, l’Italia sarebbe cambiata in modo radicale. E forse, alcune forze che non volevano questo, sono anche intervenute per evitare che ciò avvenisse ».
Cosa, di Falcone, faceva paura a quelle forze?

mercoledì 17 maggio 2017

Corleone, il sottosegretario alla salute Davide Faraone in visita all'ospedale

Sabato 20 maggio, alle 10,30, il sottosegretario alla Salute on. Davide Faraone visiterà il Presidio Ospedaliero di Corleone. Quindi incontrerà i sindaci e i commissari del territorio e il comitato pro-ospedale. Infine, incontrerà il personale dipendente ed i precari della sanità. L'iniziativa è organizzata dal PD del Corleonese. Faraone sarà chiamato a dare risposte serie e credibili alla richiesta degli amministratori, degli operatori e dei cittadini-utenti di assegnare concretamente (con decreto) il finanziamento di circa 6 milioni di euro, già stanziati dallo Stato ex art. 20, necessari per completare la terza ala dell'ospedale, dove collocare alcuni reparti, gli ambulatori e gli uffici amministrativi. La cosa importante è realizzare finalmente quella "cittadella della salute", che ci consenta di completare il percorso  di potenziamento e miglioramento delle nostre strutture sanitarie. Al sottosegretario sarà richiesto anche di difendere a Roma le richieste di miglioramento della rete ospedaliera, concordata tra il comitato dei sindaci, il comitato pro-ospedale e la direzione strategica dell'Asp di Palermo. Sarà richiesto infine un impegno vero per la tutela (stabilizzazione) dei precari della sanità (dp).

Nascono i Cacciatori di Sicilia. Lo Squadrone Carabinieri ha sede a Sigonella

Un momento della cerimonia con i ministri Minniti e Pinotti
La mattina del 13 maggio, a Sigonella, presso l’ Aeroporto “Cosimo di Palma”, ha avuto luogo la cerimonia di istituzione dello Squadrone Carabinieri Eliportato “Cacciatori Sicilia”, alla presenza del Ministro della Difesa Roberta Pinotti, del Ministro dell’Interno Marco Minniti, del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Claudio Graziano e del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri Tullio Del Sette. Il nuovo reparto dislocato all’interno della Base dell’Aeronautica Militare viene istituito, su autorizzazione del Ministero della Difesa, dal Comando Generale dell’Arma, con lo scopo di concorrere con i Carabinieri dell’Organizzazione Territoriale della Sicilia alle attività sul terreno, forti dell’esperienza maturata in Sardegna e Calabria dove i Reparti dei cacciatori perlustrano la Barbagia e l’Aspromonte.

Palermo. Al Museo delle marionette: "Tierra inquieta"


Santo Stefano Quisquina ha ricordato Lorenzo Panepinto

Un momento della manifestazione
Santo Stefano Quisquina e i comuni dell'area dei monti Sicani non dimenticano Lorenzo Panepinto, l'apostolo del socialismo e della gente povera, che la mafia assassinò 106 anni fa, nel lontano 16 maggio del 1911. Ieri, nell'ambito delle giornate della memoria e della legalità, Panepinto é stato ricordato dal comune, guidato dal sindaco Francesco Cacciatore, dall'Istituto comprensivo "Maestro Lorenzo Panepinto" (fino all'anno scorso si chiamava "F. Crispi", ma grazie alla caparbietà del dirigente scolastico Francesco Catalano, adesso é intitolato al leader del movimento contadino stefanese), dalla Consulta giovanile, dall'Anpi e dalla Cgil. Nelle diverse tappe della marcia per la legalità, svoltasi per le vie cittadine, insieme a Panepinto sono stati ricordati tanti altri caduti nella lotta contro la mafia, tra cui l'agente di polizia Nino Agostino, la giovane moglie Ida Castellucci e il loro bimbo che non riuscì a nascere. GUARDA L'ALBUM

martedì 16 maggio 2017

Palermo. Veglia ecumenica di preghiera per il superamento dell'omofobia e della transfobia

Mercoledì 17 maggio alle ore 20:00 in Via Generale Magliocco-Palermo, traversa di via Ruggiero Settimo, all'angolo con via Salvatore Fausto Flaccovio; la fiaccolata percorrerà Via Ruggero Settimo e Via Emerico Amari, Palermoinfine alla Chiesa Valdese Palermo di via dello Spezio, dietro il Politeama: l'incontro ecumenico di preghiera per il superamento dell'omofobia e della transfobia concluderà la veglia. Benedite coloro che vi perseguitano, benedite e non maledite" è il passo della Lettera ai Romani (12,14) che guiderà la Veglia Ecumenica per il Superamento dell'Omofobia e della Transfobia del 2017. A Palermo, come in altre parti del mondo, per l'11° anno consecutivo, cristiani di diversa confessione si riuniscono per ricordare le vittime di discriminazione basate sull'orientamento sessuale e testimoniare le esperienze di superamento dell'omofobia e della transfobia. L'organizzazione della Veglia Ecumenica per il Superamento dell'Omofobia e della Transfobia di Palermo è a cura di: