Barra video

Loading...

venerdì 31 marzo 2017

A Palermo si inaugura la "Casa mediterranea delle donne"


Pd: fonti mozione Orlando, siamo al 30,4%, Renzi al 64,6%, Emiliano al 5%

Orlando, Renzi, Emiliano
Pd: fonti mozione Orlando, siamo al 30,4%, Renzi al 64,6%. Dati su 1400 circoli, affluenza al 54,4%. Emiliano al 5%
(ANSA) - ROMA, 31 MAR - Matteo Renzi al 64,6%, Andrea Orlando al 30,4%, Michele Emiliano al 5%. Sono questi i dati aggiornati del risultato del voto nei circoli Pd, secondo fonti della mozione Orlando. A due giorni dalla chiusura della prima fase congressuale, a ieri sera avevano votato circa 43670 iscritti in 1400 circoli. Dunque deve ancora esprimersi la maggioranza dei tesserati, dal momento che i circoli Dem sono oltre 6000. La mozione Orlando, affermano fonti vicine al ministro, ha vinto in 345 circoli.

(ANSA). 31-MAR-17 

La moglie di Cangelosi, Francesca Serafino: “Non ho mai perdonato gli assassini di mio marito!”

Francesca Serafino, moglie di Cangelosi
“Gli baciavo le ferite, ho conservato la sua cravatta crivellata di proiettili. La legge non ha fatto giustizia
"Il sangue di mio marito, le ferite, guarda quanti buchi! Quando è morto gli cambiavamo le camice e lui buttava sempre sangue… le ferite le baciavamo tutte io e mia suocera, il sangue usciva, usciva, passava a fiumi il sangue… Questa cravatta la portava il giorno che morì: guarda quanti buchi! Uno, due, tre, quattro, cinque!".  Ha rievocato così Francesca Serafino le strazianti ore drammatiche, immediatamente successive alla morte del marito, Calogero Cangelosi nella intervista che rilasciò a Gabriella Ebano il 24 maggio del 2003. Adesso la signora Serafino è morta. Si era sposata con Calogero il 19 settembre del 1935, e non dimenticò quei terribili momenti in cui ha tenuto il corpo del marito morto in casa per quattro giorni, fin quando la Procura di Trapani non si decise a mandare un magistrato, come non ha dimenticato che il parroco cercò di impedire le esequie in chiesa.

CALOGERO CANGELOSI. SABATO 69° ANNIVERSARIO DELLA SUA UCCISIONE. LA CGIL DI PALERMO LO RICORDA DOMANI ASSIEME ALL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE

I funerali di Calogero Cangelosi nel 1948
Palermo 31 marzo 2017 - Domani 69° anniversario dell'uccisione di Calogero Cangelosi, dirigente della Cgil, assassinato dalla mafia il 1° aprile del 1948 all'età di 41 anni. La Cgil e l'amministrazione comunale del paese lo ricorderanno presso il cimitero di Camporeale, alle 10,30, e deporranno una corona di fiori presso la sua sepoltura. Interverranno: Dino Paternostro, responsabile dipartimento Legalità Cgil Palermo, Rosalia Bonura, responsabile Lega Cgil di Camporeale, Vincenzo Cacioppo, sindaco di Camporeale, Calogero Guzzetta, della segreteria Cgil Palermo e Francesco Lannino, segretario generale Filctem Cgil Palermo, che concluderà l'iniziativa.
Cangelosi era nel mirino dei latifondisti del paese, cui dava fastidio per le sue battaglie condotte dalla parte dei contadini poveri. Il 1° aprile del 1948 fu assassinato alle 10 della sera mentre tornava a casa dopo una riunione alla Camera del Lavoro, in cui si era discusso della conquista delle terre, dell’applicazione dei decreti Gullo sulla divisione del grano ai contadini, e della concessione alle cooperative contadine delle terre incolte. Quattro sindacalisti si erano offerti di scortare Cangelosi.

Quando Corleone era "capitale contadina"...

La cartolina del congresso
Il carissimo amico Pippo Oddo ci ha “donato” su Facebook questa bella cartolina del congresso regionale delle cooperative svoltosi a Corleone nel 1904. “Il Congresso di Corleone del 23 e 24 aprile 1904, - scrive Pippo - fu convocato su richiesta di Bernardino Verro, esule a Marsiglia, dove era approdato dalla Tunisia per sfuggire ai lacci di una giustizia partigiana, fin troppo sensibile alle sollecitazioni del blocco agrario-mafioso e del prefetto di Palermo, marchese Francesco De Seta”. E poi ci annuncia che sta lavorando al suo terzo volume de “Il miraggio della terra”. Ecco cosa scrive Oddo: “Il libro in cantiere, "Il miraggio della terra. Dalla belle époque al fascismo" (1895-1943) è il terzo di questa serie. Il primo ha per titolo "Il miraggio della terra. Risorgimento e masse contadine in Sicilia" (1767-1860); il secondo, "Il miraggio della terra nel post-risorgimento" (1861-1894). E ce ne sarà un quarto, "Il miraggio della terra. Dallo sbarco alleato alla scomparsa delle lucciole" (1943-1965). I primi due occupano 400 pagine ciascuno, e il terzo e il quarto non saranno da meno. Ci lavoro da 40 anni...”. E noi siamo ansiosi di leggerti, caro Pippo. (dp)

Ospedali, giochi fatti su reparti e primari. Ecco vincitori e vinti

Sì dell’Ars alla nuova rete varata da giunta e ministero Più posti letto per le emergenze, 215 dirigenti in meno
GIUSI SPICA
I posti letto per le emergenze passano da circa 13mila a 14.637, nascono 3.414 posti letto di Riabilitazione e lungodegenza. Di contro scompaiono 215 poltrone da primario e alcuni pronto soccorso di provincia, come quelli di Licata e Canicattì. E se alcune strutture come l’ospedale Giglio di Cefalù e il centro per neurolesi Bonino Pulejo di Messina vengono promossi, viene “declassata” l’azienda Villa Sofia-Cervello di Palermo. Sono queste, per grandi linee, le novità della rete ospedaliera approvata ieri dalla commissione Sanità all’Ars chiamata a dare il parere obbligatorio, dopo essere stata varata dalla giunta e aver avuto il primo via libera dal ministero alla Salute. L’obiettivo è fare presto, per sbloccare le oltre cinquemila assunzioni di medici, infermieri e personale sanitario al palo dal 2012.

giovedì 30 marzo 2017

Premiati a Roma al concorso “Legalità e cultura dell’etica 2016- 2017” alcuni alunni della scuola media di Corleone

La delegazione della scuola media G. Vasi a Roma
La Scuola Secondaria di I grado “G. Vasi” di Corleone ha partecipato al concorso “Legalità e cultura dell’etica 2016- 2017” dal tema “La corruzione ci ruba il futuro. Un freno per lo sviluppo, un danno per tutti”. Si tratta di un progetto interdistrettuale organizzato dal Club Rotary, a cui hanno partecipato gli studenti delle Scuole secondarie di I e II grado e delle Università di tutta Italia. Per la sezione video si è classificata al secondo posto l’alunna Federica Grizzaffi della classe II E, mentre al terzo posto si sono classificati gli alunni Di Palermo Giovanni, Grizzaffi Davide, Cimò Vincenzo, Mulè Roberto e Gristina Biagia della classe II B.

La Cgil e il comune di Camporeale ricordano Calogero Cangelosi

Il manifesto ufficiale della commemorazione di sabato prossimo






































"Con Calogero Cangelosi ricordiamo una stagione eroica delle lotte per il lavoro e la democrazia in Sicilia. Cangelosi, insieme ad altri dirigenti sindacali, sostenuti da un imponente movimento contadino e bracciantile, ha costruito condizioni di vita e di lavoro più civili in una terra dominata dagli agrari, dalla mafia e dalla cattiva politica. Cangelosi ed altri dirigenti sindacali hanno lottato a pugni nudi, alcuni hanno pure sacrificato la propria vita, ma la Sicilia è uscita dal feudalesimo. Oggi, in forme diverse e in loro nome, dobbiamo continuare quell'impegno e quelle lotte, perché abbiamo ancora bisogno di diritti, di lavoro, di civiltà e di futuro". (Dino Paternostro)

ESENZIONE TICKET PER REDDITO: DAL PRIMO APRILE AL VIA SOLO SU INTERNET

DA LUNEDI’ GLI ATTESTATI RILASCIATI  ANCHE AGLI SPORTELLI. APPELLO DELL’ASP DI PALERMO A SFRUTTARE LA PROCEDURA  ONLINE
PALERMO 30 MARZO 2017 – “Evitate le code ed utilizzate lo sportello online dell’Asp di Palermo. E’  uno ‘strumento’ semplice ed efficace che con pochi click consente di stampare comodamente a casa il certificato di esenzione ticket per reddito”. E’ l’appello che la direzione strategica dell’Azienda sanitaria provinciale del capoluogo lancia ai 430 mila utenti che dal primo aprile dovranno rinnovare o richiedere l’esenzione. Da sabato sarà possibile inoltrare la richiesta attraverso internet, mentre da lunedì 3 aprile gli utenti potranno rivolgersi anche ai tradizionali sportelli dislocati sia a Palermo che in provincia. L’Asp di Palermo è stata la prima ad informatizzare il servizio per tutte le categorie aventi diritto e, negli ultimi 3 anni, sono stati complessivamente 698.746 gli utenti che hanno ottenuto il certificato attraverso la procedura online.

mercoledì 29 marzo 2017

Congresso Pd. A Corleone inaspettato exploit di Andrea Orlando!

CORLEONE – sono stati 85 gli iscritti che hanno votato ieri pomeriggio al congresso del circolo Pd di Corleone. Quasi tutti. Infatti, solo 4 iscritti non si sono recati in sezione ad esprimere la propria preferenza per uno dei tre candidati alla segreteria nazionale: Matteo Renzi, Andrea Orlando e Michele Emiliano. C’è da dire che rispetto all’anno scorso a Corleone c’è stato un crollo di iscritti, che erano quasi 200. La sorpresa è venuta dall’inaspettato successo di Andrea Orlando che ha avuto 32 voti, pari al 38,09%: una percentuale molto più alta di tanti altri comuni. La parte del leone, ma molto al di sotto delle aspettative, l’ha fatta Matteo Renzi, che ha avuto 50 voti, pari al 59,52%. Ma se si pensa che all’area già maggioritaria dei renziani in queste votazioni si è aggiunta anche l’area di Antonello Cracolici, si capisce che le aspettative erano diverse. Appena 2 voti (2,38%) ha ottenuto Michele Emiliano. Un elettore ha lasciato la scheda bianca. 

Corleone, l'arcivescovo Michele Pennisi in visita al comune e al Cidma

Monsignor Pennisi in visita al Cidma 




















Nell’ambito della visita pastorale dell’Arcivescovo di Monreale, Mons. Michele Pennisi, in corso a Corleone, nella giornata di ieri, dopo aver incontrato le Forze dell’Ordine presso la Caserma dei Vigili del Fuoco, ha raggiunto il Palazzo Comunale dove si è intrattenuto con la Commissione Straordinaria, insieme ad alcuni rappresentanti del clero di Corleone. Successivamente ha incontrato il personale del Comune nell’Aula Consiliare impartendo la sua benedizione a tutti i presenti. Nell’occasione Mons. Pennisi ha visitato il CIDMA, la Biblioteca ed il Museo Civico. 
"Mi auguro che la Città di Corleone venga conosciuta non solo per i mafiosi che ne hanno infangato il nome, ma soprattutto per i suoi santi Leoluca e Bernardo e per i tanti cittadini onesti che sono impegnati nella resistenza alla mafia e per le vittime innocenti fra cui tanti magistrati, forze dell'ordine, giornalisti, sacerdoti e tanti uomini e donne", è il pensiero che mons. Michele Pennisi ha scritto sul registro del Cidma.

Attilio Licciardi (area Orlando): " Chiusa questa brutta pagina del simbolo occorre ora lavorare pancia a terra per battere le destre e i grillini”

Attilio Licciardi, coordinatore della
area Orlando in provincia di Palermo
ATTILIO LICCIARDI*
"Bisogna saper scegliere in tempo e non arrivarci per contrarietà", recita Francesco Guccini in una delle sue più celebri canzoni. E il PD palermitano guidato negli ultimi anni dal renziano Carmelo Miceli è arrivato in ritardo e sfibrato all'appuntamento elettorale del Comune di Palermo, dopo avere tenuto per troppo tempo un comportamento a dir poco ondivago rispetto alla Giunta di Leoluca Orlando. La giusta scelta di sostenere Leoluca Orlando, la più saggia e la più conseguente, è stata il frutto dell'azione della parte del PD più responsabile e più radicata nel territorio della città, e ai più è sembrata una scelta alla quale Miceli è arrivato "ob torto collo" e quale ultima scialuppa di salvataggio. Nei mesi scorsi di fronte alle evidenti incertezze di Miceli è scattato tra i militanti l'"orgoglio di essere del PD" e la volontà di partecipare ad un processo di ricomposizione del centrosinistra che tenga dentro anche gli alleati dei governi nazionale e regionale. Chiusa questa brutta pagina del simbolo occorre ora lavorare pancia a terra per battere le destre e i grillini e dare energia e fiato ad un PD che si deve rinnovare profondamente".
coordinatore provinciale della mozione a sostegno di Andrea Orlando

I senatori Pd dell’area Orlando, grave ciò che sta accadendo a Palermo

Andrea Orlando
(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "Quello che sta succedendo a Palermo è grave e conferma tutte le nostre preoccupazioni sulla condizione del partito. Continuiamo ad evidenziare, poi, come la scarsa partecipazione al Congresso sia sintomatica di un allontanamento del nostro popolo, estraneo ad un confronto sempre più simile ad una conta per la leadership che ad una discussione su idee e programmi per il Paese. Andrea Orlando si è candidato alla segreteria proprio per rispondere all'esigenza di dare al nostro partito un'identità ed un profilo nitidi e riconoscibili, oltre che una struttura forte e partecipata". Lo affermano in una nota i senatori del Pd Camilla Fabbri, Valeria Cardinali, Rosaria Capacchione, Salvatore Tomaselli, Stefano Vaccari, Daniele Borioli. "Quello che avviene a Palermo, con la decisione di non presentare nemmeno il nostro simbolo, testimonia una deriva pericolosa, per cui ci si preoccupa piu' della gestione del potere che del profilo che dovrebbe avere un partito come il Pd, cardine di un centrosinistra allargato. Non e' inventandosi alleanze trasversali con forze estranee al centrosinistra che si risponde alla crisi di partecipazione e alle difficolta' che da tempo vive la nostra comunita'", aggiunge. (ANSA). BSA 29-MAR-17 18:16 

La commissione sanità dell'Ars ha approvato il Piano per le disabilità gravissime

La commissione Sanità dell’Ars ha approvato il Piano per la disabilita gravissima che permetterà di impegnare i primi 36 milioni di euro per il Fondo, stanziati con la legge del 1 marzo 2017. Beneficiari del contributi saranno 2.140 disabili gravissimi individuati sulla base dei criteri indicati dal dm 26 settembre 2016. Lo schema per la classificazione dei disabili è redatto attraverso tabelle mutuate sulla base di quelle utilizzate da anni nella Regione Toscana e valutate positivamente dal tavolo dei direttori delle Asp (si considerano livelli di autonomia, stato di coscienza e comunicazione, autosufficienza respiratoria ed alimentare etc). Ai lavori della commissione, presieduta da Pippo Digiacomo, hanno partecipato il presidente della Regione Rosario Crocetta, l’assessore alla Salute Baldo Gucciardi e l’assessore alla Famiglia Carmencita Mangano.

M5S E L'EUROPA: UNA SVOLTA CONTRO LE DESTRE

NICOLA CIPOLLA
“Il libro a cinque stelle dei cittadini per l'Europa è la controproposta del Movimento al Libro bianco per l'Europa, base per la dichiarazione comune che capi di Stato e di Governo firmeranno sabato a Roma”. (Sole 24 Ore di giovedì 24 marzo).
Tutte le proposte avanzate nel documento del M5S lo pongono in netto contrasto con le posizioni della Le Pen in Francia e di Salvini in Italia che prevedono l'abolizione della moneta unica  e la dissoluzione  della UE. Invece le proposte avanzate collocano di fatto i “Cinque stelle” tra le forze della sinistra europea che si battono per trasformare la UE, soggetta attraverso la burocrazia dominante a Bruxelles agli interessi  dei petrolieri e delle banche. “Se non fosse possibile solo raggiungere  compromessi accettabili in questa direzione riteniamo irrinunciabile restituire agli Stati membri sovranità in ambito economico monetario”. Sempre però  all'interno di un processo decisionale costituzionale.

Sunia, il giovedi' uno spazio di confronto sulle politiche abitative a Palermo

Un momento della riunione sulle politiche abitative a Palermo



















Palermo 28 marzo 2017 – Al via al Sunia di Palermo, in via Tenente Giovanni Ingrao, 2, uno spazio di confronto sul problema abitativo. Gli incontri saranno il giovedì, a settimane alterne, dalle 17,30 alle 19. Emergenza e disagio abitativo, ondata di sgomberi annunciati, degrado degli immobili di residenza pubblica: questi alcuni degli argomenti già affrontati nel corso del primo degli incontri aperti avvenuto alla presenza di rappresentanze di famiglie di via Attinelli,Via Giulio Verne, dell'ex campo container, e con un nucleo di assegnatari di case popolari. “L'esigenza di avviare un nucleo di confronto e discussione sui problemi abitativi in città parte da alcune decine di famiglie in emergenza abitativa, per interessare e sollecitare risposte dall'amministrazione comunale – spiega Zaher Darwish, rappresentante del Sunia di Palermo - Vorremmo raccogliere idee e prospettare alla città, all'amministrazione comunale e regionale, e alle forze politiche, le condizioni per un intervento costruttivo che prende coscienza dal basso delle condizioni di disagio economico, sociale e ambientale. Il gruppo intende avviare dei confronti in città con la giunta comunale, con il governo regionale e con le forze politiche per valutare le misure di tutela e protezione da adottare in difesa degli assegnatari di alloggi popolari e confiscati alla mafia e contro il pericolo di sgombero degli immobili che mette a rischio la vita di numerose famiglie, con minori e portatori di handicap”. 


martedì 28 marzo 2017

Missili e mafia: un incontro (casuale) in trattoria con il giudice Giovanni Falcone

AGOSTINO SPATARO
A proposito del libro “Missili e Mafia”, desidero ricordare un piccolo episodio, avvenuto credo nel 1986, durante un incontro casuale con il giudice Giovanni Falcone, nella trattoria dell’Hotel Patria di Palermo. In una saletta vuota, c’eravamo soltanto io e il mio amico arch.Ciccio Fucà, quando sopraggiunse un piccolo nugolo di persone che presero posto in una tavolata di fronte. Era il giudice Falcone, accompagnato da una signora e da dieci / dodici agenti di scorta, evidentemente un po’ nervosi alla vista della nostra presenza. Alcuni di loro sedettero alla tavolata, altri restarono in piedi a vigilare l’entrata e il nostro tavolo.
Anche il giudice ogni tanto ci dava una sbirciatina, en passant. La scena durava da un po’ di tempo e francamente mi procurava qualche imbarazzo. Sentirsi osservati, sospettati da parte di una scorta dello Stato, non era, certo, un grande conforto per un deputato nazionale del Pci che aveva collaborato con Pio La Torre, aveva sottoscritto e seguito la famosa legge e che- di recente- aveva scritto, con due compagni giornalisti, e con la prefazione di Achille Occhetto, un libro politicamente assai impegnativo: “Missili e Mafia” dedicato al sacrificio di Pio.

I 25mila sbirri di Locri (e i 500 mila degli altri luoghi di speranza)

Il corteo di Locri
LORENZO FRIGERIO 
Alla vigilia del 21 marzo a Locri, in occasione della XXII edizione della Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, avevamo manifestato dubbi e speranze sul possibile esito finale della manifestazione. Non era però davvero possibile prevedere che il 21 marzo sarebbe stato un così straordinario successo, tanto in termini di presenze complessive, quanto di diffusione su tutto il territorio nazionale, soprattutto in ragione della grande qualità di molte delle iniziative che si sono concretizzate intorno al tema del ricordo delle vittime. Le più rosee previsioni, infatti, sono state superate dai numeri straordinari della giornata, sia in terra di Calabria, sia nel resto d’Italia: 25mila presenze a Locri – secondo il dato fornito dalle autorità di pubblica sicurezza – e mezzo milione di persone scese in piazza negli altri 4mila “luoghi di speranza” organizzati dalla rete nazionale di Libera. Un successo ben oltre quanto fosse lecito attendersi.

Calogero Comaianni, l'eroe normale di Corleone

Calogero Comaianni
di Dino Paternostro
La guardia campestre venne uccisa il 28 marzo del 1945, 72 anni fa. Sei mesi prima aveva arrestato Luciano Liggio, la futura «primula rossa» della mafia e Vito Di Frisco mentre rubavano dei covoni di grano in un campo vicino al paese. 
Non era un eroe Calogero Comaianni, ma un uomo normale che cercava di sfamare la moglie e i suoi cinque  figli, facendo di mestiere la guardia campestre. Era semplicemente un uomo onesto, una persona perbene. Certo, la Corleone degli anni ’40 non era il posto migliore per esercitare un mestiere che in qualche modo avesse a che fare col rispetto della legge. Ma lui ci provava lo stesso. Con equilibrio e buon senso, girava le campagne insieme alle altre guardie campestri, vigilava, dava consigli da buon padre di famiglia a qualche giovane scapestrato, tentato da qualche «scorciatoia» per uscire dalla miseria. 
Anch’egli è una vittima innocente di mafia, che non viene quasi mai ricordato da nessuno. Sarebbe ora che la Corleone civile e democratica si ricordasse di lui e delle altre vittime dimenticate, dedicandogli un pensiero in segno di gratitudine. Di questi esempi hanno bisogno i giovani e tutti i cittadini onesti di Corleone per risalire la china.

L’ultimo sorriso di Falcone e Borsellino

Falcone e Borsellino (Ph. Tony Gentile)
Quella sera di primavera alla Kalsa tra mafia, politica e “terzo livello” Ecco come una foto diventò un’icona. Era il 27 marzo del ‘92. Appena quindici giorni prima avevano ucciso Salvo Lima. Pochi mesi dopo sarebbero arrivate le stragi che hanno cambiato l’Italia
ATTILIO BOLZONI
LA KALSA, il quartiere più arabo e sensuale di Palermo. Uno di quei luoghi che ritornano, come i destini che si rincorrono. È lì che sono visti per la prima volta ed lì che si sono visti per l’ultima volta. A un passo da dove erano nati. Uno in via Castrofilippo, dietro la piazza della Magione, chiese sconsacrate, palazzi cadenti, tuguri abbandonati. L’altro in via della Vetreria, nel caseggiato dei marchesi Salvo dal cui terrazzo si scorgeva un angolo del Foro Italico. La Kalsa degli emiri e dei condottieri, la Kalsa degli sguatteri e dei contrabbandieri, la Kalsa di Giovanni Falcone e di Paolo Borsellino. Nella vita e in una foto. La più famosa, la più esibita, la più tenera. Perché è l’ultima insieme.

Intervista a Teresa Principato: “Io, Falcone e Borsellino, così imparai cos’è la mafia”

Teresa Principato ha iniziato a lavorare a Palermo nel 1989, prima era stata in servizio a Caltanissetta dove aveva messo sotto inchiesta per mafia i consiglieri di una banca. La magistrata lascia Palermo dopo 27 anni per andare alla Dna. Dagli inizi alla caccia a Messina Denaro il racconto di una carriera che si intreccia con quella dei due giudici assassinati. Lei li ricorda così: quando Giovanni si allontanava dalle riunioni, alcuni colleghi lo prendevano in giro dicevano di averlo sistemato. Chi erano? Alcuni di quelli che, dopo che è morto, facevano a gara per osannarlo. Quando era in vita, invece, lo accusavano di essere malato di protagonismo. Con Paolo cominciai le indagini sulla mafia agrigentina e scoprimmo la Stidda. Il giorno prima della sua morte lo vidi nel mio ufficio. Quando andammo a casa del procuratore Giammanco per consegnargli il documento con il quale lo sfiduciavamo lui mi disse: Teresa ma cosa ti ho fatto? Dopo l’omicidio Lima nel suo ufficio era arrivato Mario D’Acquisto. Rispetto all’89 la presenza criminale in città è diminuita parecchio, ma questo non rassicura L’altra faccia della mafia oggi è la corruzione
SALVO PALAZZOLO

lunedì 27 marzo 2017

In memoria di Giuseppe Puntarello: gli interventi dei nipoti alla cerimonia del 25 marzo

Giuseppe Puntarello Jr. e Giuseppe Rizzo, nipoti del sindacalista
Pubblichiamo una scheda biografica per conoscere meglio la figura di Giuseppe Puntarello, che la feroce mafia del feudo assassinò la mattina del 4 dicembre 1945 a Ventimiglia di Sicilia. Pubblichiamo anche l'intervento di Giuseppe Rizzo, nipote di Giuseppe Puntarello, ha fatto la sera del 25 marzo marzo a Ventimiglia durante la cerimonia di intitolazione della sede della Camera del lavoro al proprio nonno. Pubblichiamo, infine, l'intervento invitatoci da un altro nipote del sindacalista assassinato, Giuseppe Puntarello Jr., che abita ad Urbino e che non ha potuto essere presente alla manifestazione di sabato. 





domenica 26 marzo 2017

Giuseppe Rizzo, nipote di Puntarello: "Finalmente la memoria di mio nonno oggi si trasforma in memoria collettiva condivisa"

Giuseppe Rizzo, nipote di G. Puntarello
Giuseppe Rizzo
nipote di Giuseppe Puntarello
Il contesto storico dell’Italia del dopoguerra, dopo il ventennio fascista, è quello di un Paese sconfitto sul campo e devastato dai combattimenti. A questo si aggiunge una tragica spaccatura fra nord e sud. In particolare il periodo che va dal 1943, anno in cui gli alleati sbarcano in Sicilia (nella notte tra il 9 e il 10 luglio), e il 1945 (25 Aprile 1945) anno della liberazione, è uno dei più drammatici della storia italiana, con una popolazione stremata dai bombardamenti alleati e stretta tra i due fuochi degli occupanti nazisti e delle truppe alleate. Le distruzioni causate direttamente dalle operazioni belliche, innanzi tutto, avevano colpito duramente l’arretrata agricoltura nazionale: posto 100 il 1938, l’indice della produzione agricola era precipitato a 67,3 nel 1945. L’indice della produzione industriale era calato drasticamente: posto a 100 nel 1938, aveva raggiunto 29,1 nel 1945.

Giuseppe Puntarello. Il nipote: "Questo riconoscimento permette di restituire dignità alla memoria di un uomo"

Giuseppe Puntarello Jr.
Giuseppe Puntarello Jr.
nipote di Giuseppe Puntarello
Questa giornata e questa commemorazione rappresentano per me, per noi come famiglia, un onore. Ricordare Peppino Puntarello come un uomo giusto costretto a lasciare prematuramente la moglie con 5 figli in condizioni materiali difficili significa tornare a quel triste 4 Dicembre di 71 anni fa che ha cambiato la storia di un’intera famiglia e delle sue successive generazioni. Famiglia segnata dal dolore e dal lavoro, come tante. Nessuno dei nipoti ha potuto conoscerlo quel nonno “ucciso per errore di persona” come per molti anni è stato sostenuto. Poi è bastato mettere insieme quella sequenza ininterrotta di 40 sindacalisti che tra il 1944 e il 1948 furono uccisi silenziosamente. Il delitto mafioso però deve essere letto all’interno di quel flusso della Storia in cui è maturato. Solo la distanza temporale ha permesso una lettura univoca di quei tragici eventi che paiono ubbidire ad una strategia unitaria, che vedeva soprattutto in Sicilia, l’opposizione dei latifondisti e dei loro campieri mafiosi, all’applicazione dei Decreti Gullo concepiti per migliorare la produttività e la redistribuzione del latifondo e delle terre incolte.

Chi era Giuseppe Puntarello?

Giuseppe Puntarello
di DINO PATERNOSTRO
Giuseppe Puntarello lavorava come autista della ditta INT. Da diversi anni ormai conduceva l'autobus che collegava Ventimiglia di Sicilia con Palermo, alternandosi nella guida con un compagno di lavoro, pure lui di Ventimiglia. Quel 4 dicembre 1945 avrebbe dovuto essere di turno il suo collega, che però gli chiese di sostituirlo. Puntarello accettò e all’alba s’incamminò verso l’autorimessa per andare a prelevare l'autobus dall'autorimessa. Un commando mafioso lo costrinse a fermarsi per strada e lo uccise con fredda determinazione, sparandogli contro diversi colpi di lupara. In quei giorni a Ventimiglia si sparse la voce che l'obiettivo vero dei killer non fosse Puntarello, ma il suo compagno di lavoro. Fu il classico depistaggio mafioso per confondere le acque. “La verità – scrivono Alfonso Bugea ed Elio Di Bella, nel libro “Senza Storia” - venne a galla qualche anno dopo. Puntarello era stato ucciso per il suo impegno di dirigente della Camera del Lavoro. Si era trattato, insomma, di uno dei tanti omicidi che in quegli anni la mafia compiva per piegare il movimento contadino in lotta per le terre”.

LA CGIL E IL COMUNE DI VENTIMIGLIA HANNO RICORDATO GIUSEPPE PUNTARELLO!

L'inaugurazione della sede Cgil intitolata
a Giuseppe Puntarello
Sabato 25 marzo, per la prima volta, a Ventimiglia di Sicilia abbiamo ricordato Giuseppe Puntarello, segretario della Camera del lavoro, assassinato dalla mafia il 4 dicembre 1945. Ad organizzare l'iniziativa la Cgil (erano presenti Dino Paternostro, responsabile dipartimento legalità, Mario Ridulfo, della segreteria provinciale, e Tonino Russo, segretario generale della Flai di Palermo) e l'Amministrazione comunale di Ventimiglia di Sicilia (erano presenti il sindaco Antonio Rini, il vicesindaco Gino Anzalone e diversi consiglieri ed assessori). Erano presenti i nipoti di Puntarello, tra cui Giuseppe Rizzo, che è intervenuto, Antonella Azoti, figlia di Nicolò, assassinato dalla mafia a Baucina il 21 dicembre 1946, e Placido Rizzotto Jr., nipote di Placido Rizzotto, assassinato dalla mafia a Corleone il 10 marzo 1948. Hanno partecipato tanti cittadini, il parroco, il comandante della stazione dei carabinieri, i rappresentanti della Cisl e della Uil.
GUARDA IL VIDEO

venerdì 24 marzo 2017

“Caro presidente, io disabile le racconto la nostra vita fra ostacoli e indifferenza”

PATRIZIA GARIFFO
CARO presidente Crocetta, da qualche settimana lei e la sua giunta siete al centro di una spiacevole querelle con i disabili a causa della mancata assistenza. Problematica che si trascina da anni, fra proteste, accuse e la solita indifferenza della politica e della gente “normale”, che si interessano a queste persone finché non si spengono i riflettori sulla questione e tutto torna nell’oblio. Lei ogni giorno prende una posizione sul problema e poco dopo la modifica. Poiché è bene credere alla buona fede di tutti, fino a prova contraria almeno, è possibile che lei, presidente, non abbia piena consapevolezza di quali siano i bisogni dei disabili gravissimi, di chi molte volte non può muovere neanche un dito. Così, per esperienza personale, proverò a raccontarle brevemente una giornata di un disabile gravissimo.

Un palermitano a Parigi. I gelati di Procopio Cutò che fecero la rivoluzione

Il Cafè Procope di Parigi
ELEONORA LOMBARDO
Niente da fare, se i Millennials possono vantare di essere “nativi digitali”, i palermitani da sempre hanno avuto e hanno la fortuna e la responsabilità di essere “nativi geniali”, ovvero geneticamente predisposti a piccole e redditizie rivoluzioni, quasi sempre lontano dalla patria natia come il Genio vuole.
È il caso di Francesco Procopio Cutò, nato nel 1651 al Capo e morto ricco a Parigi, dove ha sbancato con l’arte delle granite e dei sorbetti e fondato il primo caffè letterario della storia di Francia, ai tavoli del quale si è decisa la Rivoluzione e gettate le basi della costituzione americana. Domani alle 9 Palermo lo ricorda intestandogli una piazza all’interno del nuovo complesso “Area Quaroni” al Capo, proprio vicino alla chiesa di Sant’Ippolito dove il piccolo Procopio il 10 febbraio del 1651 è stato battezzato, come provano i documenti recentemente ritrovati da Marcello Messina. L’intestazione è stata voluta fortemente dal maestro gelataio Antonio Cappadonia, direttore tecnico dello Sherbeth Festival e si inserisce come antipasto delle attività di celebrazione di Palermo capitale ttaliana dellacultura 2018.

Mafia tour, la Sicilia protesta: “Offesa alle vittime”

ALESSANDRA ZINITI
PALERMO - «Immergetevi nel mondo affascinante della mafia siciliana». È bastato questo incipit dell’ammiccante link esplicativo del nuovo tour guidato nei luoghi classici dell’iconografia mafiosa proposto da un tour operator siciliano perché esplodesse una nuova polemica sull’utilizzo del brand mafia nella promozione turistica dell’isola. «Un’offesa al dolore delle vittime e uno schiaffo a chi ogni giorno si impegna per sradicare la cultura mafiosa, un cancro che va estirpato. Già l’incipit mi fa venire i brividi, il mondo della mafia non è “affascinante” ma mostruoso», lo sdegnato commento di Maria Falcone pienamente condiviso dal sindaco di Trapani Vito Damiano che ha dato mandato ai legali del Comune di chiedere alla Procura l’immediato oscuramento del sito di Easy Trapani: «Una follia, un’offesa per un’intera città dove, in occasione della Giornata della memoria delle vittime di mafia, hanno sfilato 12.000 persone provenienti da tutta la Sicilia».

I Vescovi siciliani: "La Mafia è opposizione al Vangelo!"

La riunione dei vescovi siciliani
Dalla relazione finale della Conferenza Episcopale Siciliana riunitasi a Nicosia (Enna) dal 16 al 19 marzo 2017.
«In merito alla questione sempre attuale e sempre ricorrente della presenza della mafia nel tessuto sociale della nostra terra di Sicilia, i vescovi  ribadiscono quanto già affermato in passato attraverso vari documenti: "Nuova evangelizzazione e pastorale" (1994), "Finché non sorga come stella la sua giustizia" (1996), "Amate la giustizia voi che governate sulla terra" (2012). Tutti coloro che, in qualsiasi modo deliberatamente, fanno parte della mafia o ad essa aderiscono o pongono atti di connivenza con essa, debbono sapere di essere e di vivere in insanabile opposizione al Vangelo di Gesù Cristo e, per conseguenza, alla sua Chiesa».
LEGGI LA RELAZIONE INTEGRALE:

GIUSEPPE PUNTARELLO: DOPO 72 ANNI, LA CGIL RICORDA IL DIRIGENTE DELLA CAMERA DEL LAVORO DI VENTIMIGLIA DI SICILIA

IL NIPOTE: “A MIO NONNO VIENE RICONOSCIUTO OGGI IL POSTO CHE MERITA”. DOMANI GLI SARA' INTITOLATA LA SEDE LOCALE DEL SINDACATO
Palermo 25 marzo 2017 – Domani alle ore 16,30 sarà intitolata la sede della Camera del lavoro di Ventimiglia di Sicilia a Giuseppe Puntarello, dirigente sindacale della Cgil del paese, caduto nella lotta contro la mafia il 4 dicembre del 1945. Sarà l'occasione per la Cgil di commemorare per la prima volta, dopo 72 anni dalla sua uccisione, la figura del sindacalista, il cui nome fa parte di quel “calendario della memoria” che il sindacato palermitano ha ricostruito per commemorare tutti i suoi sindacalisti morti, da Placido Rizzotto e Epifanio Li Puma, da Nicolò Azoti a Salvatore Carnevale, agli altri meno conosciuti. L'intitolazione avverrà presso la sede di via Umberto I, 60. Intervengono Dino Paternostro, responsabile Legalità Cgil Palermo, Gino Anzalone, responsabile Flai Cgil di Ventimiglia di Scilia, Giuseppe Rizzo, nipote di Giuseppe Puntarello, Antonio Rini, sindaco di Ventimiglia di Sicilia. Conclude il componente della segreteria generale Cgil Palermo Mario Ridulfo.

giovedì 23 marzo 2017

25ª EDIZIONE GIORNATE FAI DI PRIMAVERA. Evento nazionale di sensibilizzazione e di raccolta pubblica di fondi

Da 25 anni al fianco degli italiani nella riscoperta del proprio patrimonio
Sabato 25 e domenica 26 marzo 2017
Apertura straordinaria in Sicilia di oltre 115 siti in 45 località
Quando nel 1993 si svolse la prima edizione delle Giornate FAI di Primavera (50 luoghi aperti al pubblico in una trentina di città) era difficile immaginare che sarebbero diventate uno degli appuntamenti più importanti del panorama culturale italiano. Incoraggiati dalla partecipazione e dall’entusiasmo, anno dopo anno, gli eventi crebbero e i visitatori si moltiplicarono. Su 25 anni della manifestazione contiamo 10.000 luoghi aperti in 4.300 città, oltre 9.200.000 visitatori, 115.000 volontari e più di 210.000 giovani e appassionati Apprendisti Ciceroni. Lo spirito del FAI è rimasto però lo stesso, quello di accompagnare gli italiani alla riscoperta della bellezza che li circonda e che spesso non si conosce o non si vede. Quest’anno sabato 25 e domenica 26 marzo si festeggia la 25ª edizione delle Giornate e la 20ª in Sicilia. Un compleanno importante per una vera e propria festa di piazza irrinunciabile. Queste “nozze d’argento” con l’orgoglio e la consapevolezza condivisa di vivere nel Paese più bello del mondo, sono un traguardo di cui essere fieri, ma al tempo stesso un punto di partenza. E non è che l’inizio, perché 25 anni di successo significano la certezza che questo incontro collettivo può soltanto crescere ancora. GLI APPUNTAMENTI CON I "TESORI" DI CORLEONE

XXV Giornate Fai di Primavera: gli appuntamenti con i "tesori" di Corleone

Alcune incisioni di Giuseppe Vasi esposte nella sala consiliare
XXV Giornate Fai di Primavera
                   Preziosi tesori raccontano la storia di una città
                            Corleone 25 e 26 Marzo 2017

Sabato 25 alle 9.30 Monsignor Michele Pennisi, arcivescovo di Monreale, incontrerà gli Apprendisti Ciceroni e i volontari del Fai nella chiesa di San Martino Vescovo

PALAZZO COMUNALE ( Aula Consiliare)
Piazza Garibaldi
Orari d'apertura
Sab 10 - 13.30 / 15 - 18 | Dom 10 - 13.30 / 15 – 18
Visite a cura degli Apprendisti Ciceroni:Dir. Didattica “Camillo Finocchiaro Aprile”


PALAZZO COMUNALE ( Aula Consiliare)
Piazza Garibaldi
Orari d'apertura
Sab 10 - 13.30 / 15 - 18 | Dom 10 - 13.30 / 15 – 18
Visite a cura degli Apprendisti Ciceroni:Dir. Didattica “Camillo Finocchiaro Aprile”
Sabato 25 e Domenica 26, ore 12.00:Visita alla Biblioteca Comunale “Francesco Bentivegna” dedicata ai pregiati libri del “Fondo Antico”;

La proposta. "Il mondo affascinante della mafia". Ecco il "Cosa nostra tour"

Costa sessanta euro, pranzo incluso. E va a ruba tra gli stranieri. "Sarebbe più interessante raccontare la storia del movimento antimafia”, sostiene Salvatore Inguì di Libera
TRAPANI - "Immergetevi nel mondo affascinante della mafia siciliana in questo tour speciale guidato". È la proposta del tour operator Easy Trapani, promossa anche con un video in cui si ricostruisce una sparatoria. Il tour guidato da Gianni Grillo porta i turisti "in alcuni dei luoghi più interessanti e famosi legati alla storia della mafia nella Sicilia occidentale e conoscerete gli eventi passati e recenti sulla scena politica dell'isola". "Il nome potrebbe trarre in inganno - spiega Grillo - ma abbiamo esigenza di sintesi. Il tour è frequentato soprattutto da stranieri. Sarebbe difficile fargli capire di che si tratta utilizzando una perifrasi. In realtà il nostro è un tour 'culturalizzante' sul fenomeno della mafia. Vogliamo abbattere certi stereotipi.

Bindi e l'Antimafia alla mostra delle foto di Letizia Battaglia

Bindi, sconfitta mafia delle stragi non quella che corrompe
- ROMA -  "Siamo qui per onorare una grande artista, Letizia Battaglia. Nessuna parola riesce a tradurre ci concetti così efficacemente come fanno le immagini. Abbiamo scelto questa giornata perchè una parte importante della sua opera è dedicata alle stragi e alla resistenza rispetto alla mafia". Lo ha detto la presidente della Commissione parlamentare Antimafia, Rosy Bindi, in visita, i vicepresidenti Luigi Gaetti e Claudio Fava e con una delegazione della Commissione, alla mostra dell'artista Letizia Battaglia al Maxxi. "Non possiamo perdere la memoria delle mafie e di quello che hanno fatto; abbiamo sconfitto la mafia delle stragi ma dobbiamo sconfiggere quella della corruzione che ci toglie democrazia e libertà", ha aggiunto Bindi. La mostra è articolata in due macro aree, vuole esplorare tutti gli aspetti della personalità della Battaglia e restituire la complessità dei suoi interessi tra fotografia, editoria, teatro sperimentale, politica. Durante la visita la Commissione Antimafia è stata accompagnata dalla presidente della Fondazione Maxxi Giovanna Melandri.

mercoledì 22 marzo 2017

Palermo. Strappa dal collo di una turista inglese una collana d’oro. Carabiniere libero dal servizio segue le fasi del’atto e arresta i due giovani autori

Simone Mistretta
PALERMO: Ieri nel primo pomeriggio, un Sottufficiale dell’Arma dei Carabinieri, libero dal servizio ed in abiti civili, ha notato in piazza Marina, all’altezza della chiesa Santa Maria Della Catena, due giovani, volti noti alle forze dell’ordine, a bordo di un motociclo intenti a coprirsi il volto con dei cappucci. Insospettitosi, il militare che era alla guida della propria vettura, ha invertito la marcia cercando di non perdere di vista i due soggetti, riconosciuti in Simone Mistretta, nato a Palermo, classe 1982, ivi residente e Cristian Verduci, nato a Palermo, classe 1990, ivi residente. Negli attimi successivi, il Sottufficiale ha visto il Verduci scendere dal motociclo condotto da Mistretta e strappare una collana d’oro indossata da una turista inglese che insieme ad altri gitanti si trovava ad ammirare le bellezze del Capoluogo Siciliano.

martedì 21 marzo 2017

21 marzo 2017: Corleone è nuovamente una "piazza d'Italia"!

Il corteo degli studenti
di DINO PATERNOSTRO
CORLEONE, 21 marzo 2017 - C'era davvero un fresco profumo di libertà stamattina a Corleone. Un fresco profumo portato dagli alunni della Scuola media e dagli studenti del Liceo e della Scuola agraria, che affollavano piazza Falcone e Borsellino, la nostra piazza della libertà per antonomasia. Poi tutti in corteo dietro il bellissimo striscione di Libera, che faceva di Corleone uno dei "luoghi di speranza, testimoni di bellezza" d'Italia, nella giornata della memoria e dell'impegno in ricordo di tutte le vittime innocenti delle mafie. Quest'anno, per la prima volta, il 21 marzo è stato istituito per legge come giornata della memoria. Ed è stato bello che a questo primo appuntamento non sia mancata la Città di Corleone, capace stavolta di essere una delle piazze d'Italia in cui si fa memoria e si assume l'impegno a lottare contro le mafie.
GUARDA IL VIDEO DELLA GIORNATA

#DIRITTIinAULA: L’UDU Palermo presenta la Carta dei Diritti e Doveri degli Studenti!

Nel 2011 è stata approvata la Consiglio  Nazionale degli Studenti Universitari (CNSU) la “Carta dei Diritti degli Studenti”: una carta che enuncia i diritti minimi degli studenti universitari e che doveva essere recepita da tutti gli Atenei d’Italia in seguito ad una raccolta firme e ad una petizione online.

Oggi, in seguito a sempre più frequenti violazioni dei diritti degli studenti e ad un troppo incerto sistema di fonti del diritto dell’ateneo palermitano, l’UDU Palermo – Unione degli Universitari – insieme alla Rete degli Studenti Medi – crede che sia arrivato il momento di riproporre una storica battaglia nazionale del sindacato studentesco, chiedendo quindi l’approvazione della “Carta dei Diritti e dei Doveri degli Studenti e delle Studentesse dell’Università degli Studi di Palermo”Crediamo, infatti, che non sia accettabile vivere un’università in cui i diritti degli studenti variano da corso a corso, in balia di regole non scritte e dell’umore dei professori che non sempre rispettano le delibere consiliari e i decreti rettorali.

Sanità. Apprendi: “il 118 è in linea con gli standard richiesti?”, presentata interrogazione all’Ars

“Le postazioni e i mezzi di soccorso del 118 in Sicilia rispecchiano i parametri LEA previsti dall’Agenas? Il governo regionale sta lavorando per assicurare che ogni postazione di ogni provincia siciliana sia in linea con gli standard considerati necessari per garantire la giusta assistenza ed il pronto intervento?”. Lo chiede il parlamentare regionale del PD Pino Apprendi, che ha presentato una interrogazione rivolta al presidente della Regione ed all’assessore regionale alla Salute. Il particolare Apprendi chiede se il governo abbia avviato una verifica per accertare che “le modalità di erogazione del servizio  sanitario in Sicilia siano uguali in tutte le provincie e se i criteri di erogazione del servizio stesso e delle scelte legate alle postazioni di soccorso urgente ed emergenza del 118, con particolare riferimento alle attribuzioni economiche ed alla dotazione di personale in forza dette postazioni, avvengano nel rispetto dei livelli essenziali di assistenza che devono essere assicurati alla collettività sull'intero territorio nazionale”.

ASP DI PALERMO: GRANDE AFFLUSSO ALL’INGRASSIA PER L’INIZIATIVA “PORTE APERTE ALLA CEFALEA A GRAPPOLO”

PALERMO 21 MARZO 2017 – Duecento consulti telefonici “preventivi” e cinquantacinque visite gratuite effettuate questa mattina dai medici dell’Ambulatorio di Terapia Antalgica-Centro Cefalee dell’Ospedale Ingrassia di Palermo. E’ il bilancio dell’iniziativa “Porte aperte alla cefalea a grappolo” organizzata dall’Unità Operativa Complessa di Anestesia del nosocomio di Corso Calatafimi  con il Patrocinio della Società italiana per lo Studio delle Cefalee. Buona parte degli utenti che si sono sottoposti alle visite sono stati avviati al percorso diagnostico-terapeutico previsto dalle linee guida. Del gruppo di lavoro oggi a disposizione degli utenti hanno fatto parte quattro medici e due infermieri dello “Spoke” ospedaliero di terapia del dolore oltre agli operatori del servizio sociale. “La cefalea a grappolo – spiegano i medici dell’Ambulatorio di terapia Antalgica -  è tra le forme più dolorose del ‘mal di testa’. Le terapie sono in grado di diminuire la durata degli ‘attacchi’ e renderli meno gravi. Alcol, fumo, eccesso di caffè  ed alterazione del ritmo sonno-veglia sono tra i principali fattori di rischio”. L’iniziativa dell’Asp di Palermo è stata organizzata in occasione della “Giornata Europea della Cefalea a Grappolo”. (NR)