Barra video

Loading...

venerdì 17 febbraio 2017

Corleone, innovativa sentenza del giudice di pace "frena" le ganasce fiscali

L'avv. Mario Di Lorenzo
Nuova sentenza del Giudice di Pace di Corleone, dott.ssa avv. Giovanna Cannizzaro in materia di diritti del consumatore, la 16/2017 depositata il 19 gennaio scorso, con la quale è stata annullata una cartella di pagamento emessa da Riscossione Sicilia Spa, che aveva richiesto il versamento di somme riconducibili all’erogazione di servizi idrici. Il Giudice di Pace di Corleone ha dichiarato illegittime le somme iscritte a ruolo da un Comune del corleonese, essendo possibile - per tali crediti - azionare esclusivamente sentenze e decreti. Una implicazione della sentenza - non di poco conto - è quella di costituire un freno all’utilizzo indiscriminato di ganasce fiscali. Ci riferiamo all’odioso fermo amministrativo dei veicoli impugnabile senza limiti di tempo. Dalla sentenza si desume pure il contrasto con quanto stabilito dalla legge e per altro, già riconosciuto dalla Corte di Cassazione e l’inesatta pratica di alcune pubbliche amministrazioni di utilizzare strumenti fiscali creati per assicurare il cosiddetto gettito e adoperati, invece, per recuperare somme diverse con più facilità. Non possiamo, infine, non notare come il Giudice di Pace di Corleone, che ricordiamo a noi stessi è una sede a rischio di chiusura, abbia reso possibile attuare ancora una volta, la migliore tutela dei diritti dell’utente nel suo territorio e come sia indispensabile mantenere questi essenziali presidii di giustizia sempre vicini al cittadino.
Avv. Dr. Mario Di Lorenzo

Presidente Ass. Legali Italiani - Sez. per la Sicilia

Nessun commento: