Barra video

Loading...

martedì 3 gennaio 2017

Fp Cgil, eletto il nuovo segretario della Funzione Pubblica Cgil di Palermo: è Giovanni Cammuca, si è occupato a lungo del comune di Palermo

Giovanni Cammuca, nuovo segretario Fp-Cgil Palermo
Precari degli enti locali, sanità e igiene ambientale al centro della sua attività.“il mio primo impegno – dice Cammuca - sarà la campagna per i referendum della Cgil”.
Palermo 28 dicembre 2016 – Giovanni Cammuca, 53 anni, è il nuovo segretario generale della Funzione Pubblica Cgil Palermo. E’ stato eletto nella mattinata del 28 dicembre dall’assemblea della Funzione Pubblica con 72 voti su 77 votanti. Prende il posto di Filippo Romeo, segretario della Fp Cgil per 8 anni, che andrà a ricoprire un nuovo incarico nella confederazione regionale. Alla proclamazione erano presente la segretaria nazionale della Funzione Pubblica Cgil Serena Sorrentino e il segretario generale Cgil Sicilia Michele Pagliaro.


Giovanni Cammuca, per trent’anni vicecomandante della polizia municipale di Altofonte, da due anni funzionario Inail, ha fatto parte della segreteria della Fp Cgil Palermo dal 2006 al 2014, occupandosi di Enti locali e del Comune di Palermo in particolare, di Sanità e Igiene ambientale. Temi che, assieme a quello della stabilizzazione dei precari negli enti locali, saranno centrali – ha detto nella sua relazione - della sua attività da segretario. “Se i 16 mila precari degli enti locali dovessero essere mandati a casa potrebbero chiudere gli enti locali siciliani. Già con la finanziaria la Regione deve dare un segnale forte”, ha detto Cammuca. “Servirà l’aiuto di tutti - ha aggiunto Mi appello alla frase di don Pino Puglisi: se ciascuno fa qualcosa, insieme possiamo fare molto. Dobbiamo confermare la nostra attenzione e solidarietà ed essere di conforto ai lavoratori in tutti i posti di lavoro, verso cui bisogna spostare non solo risorse ma competenze – h aggiunto Cammuca – Il mio primo impegno sarà rivolto alla campagna per la Carta dei diritti e i tre quesiti referendari della Cgil e al rinnovo del contratto nazionale di lavoro del nostro settore”.  

Nessun commento: