mercoledì 20 settembre 2017

Fiammetta Borsellino racconta depistaggi e anomalie processuali. “Io non faccio la guerra contro nessuno, voglio conoscere la verità”

Fiammetta Borsellino
Un’idea sul carisma e sulla forza nella ricerca della verità da parte di Fiammetta Borsellino,  della figlia del magistrato ucciso il 19 luglio del 92’, arriva dalla dettagliata e puntuale descrizione di quelle che  chiama anomalie processuali e delle quali, sottolinea  è stata ampiamente informata anche la Commissione antimafia. In modo scrupoloso conquista la platea di un l caffè del centro storico .  “Quello che sto per dire è supportato da documentazione e da atti depositati dalle parti nel processo Borsellino quater – racconta Fiammetta Borsellino- e costituisce una goccia nel mare di atti che comprovano le gravissime anomalie che hanno caratterizzato le indagini ma anche i processi del Borsellino uno e bis”. Ma per capire il quadro processuale bisogna fare un passo indietro e ricostruite il team di magistrati che ha condotto i diversi filoni processuali. Procuratore Tinebra (oggi defunto, il procuratore Carmelo Petralia, il pm Anna Maria Palma e il pm Nino Di Matteo dal novembre 94’ ( è subentrato nella fase dibattimentale). Mentre la Boccassini e Saieva si sono occupati della strage di capaci ma anche loro partecipano ai processi di via D’Amelio, salvo andare via nell’ottobre del 1994. I due magistrati scrivono due lettere di fuoco e che mira a prendere le distanze dai colleghi.In queste missive racconta fiammetta Borsellino ci sono dei richiami che mirano a effettuare gli interrogatori nel rispetto del codice.

martedì 19 settembre 2017

Caporalato: pagati 2 euro l'ora e spiati, blitz in Sicilia

(AGI) - Palermo, 19 set. - Schiavi dei campi. Braccianti pagati due euro l'ora, videosorvegliati, completamente in nero e in stato di degrado e insicurezza. Operazione anti-caporalato nelle province di Palermo, Agrigento e Trapani dei carabinieri del Gruppo per la Tutela del Lavoro di Palermo, supportati dai militari dei comandi territoriali, d'intesa con i locali Ispettorati territoriali del lavoro. Decine i blitz nelle aziende agricole. La situazione più grave a Marsala, dove un 51enne, titolare di una azienda di zootecnia, è stato denunciato con l'accusa di caporalato, oltre a dover pagare circa 24.000 euro di sanzioni amministrative. Da mesi, l'imprenditore, risultato fra l'altro sconosciuto all'Inps e non iscritto alla Camera di commercio di Trapani, impiegava due romeni in un allevamento di ovini, senza contratto, senza controlli sanitari, senza diritti, pagandoli a soli 2 euro l'ora.

Udu-Palermo, ricorso contro il numero chiuso all'Università

La conferenza stampa dell'Udu-Palermo
Oggi l’UDU Palermo - Unione degli universitari ha convocato una conferenza stampa perchè il TAR Lazio nei giorni scorsi ha emesso un provvedimento cautelare nei confronti dell’Università Statale di Milano, con il quale ha sospeso tutti i provvedimenti istitutivi del numero chiuso locale in diversi corsi di studio di area umanistica; e del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, con il quale ha sospeso tutti i decreti ministeriali relativi all’autovalutazione, valutazione ed accreditamento, nonché quelli che costringevano le università ad imporre la programmazione locale a causa della numerosità e quindi del rapporto docenti-studenti. Questo provvedimento cautelare, proprio perchè avente ad oggetto dei decreti ministeriali validi in tutta Italia, avrà delle ripercussioni anche in tutti gli altri Atenei italiani che, al pari di Milano, impongono il numero chiuso locale in corsi di studio che non presentano i requisiti richiesti dall’art. 2 della legge 264/1999.

Asp di Palermo ed Emergency ancora insieme. Rinnovata la convenzione per il pol. di via La Loggia

PALERMO 19 SETTEMBRE 2017 - Prosegue la collaborazione tra Asp di Palermo ed Emergency per l’assistenza e l’orientamento ai servizi sanitari a favore di chi vive in particolari condizioni di disagio socio-economico. Il commissario dell’Azienda sanitaria provinciale, Antonio Candela, ed il coordinatore delle cliniche mobili dell’Ong, Michele Iacovello, hanno sottoscritto la nuova convenzione della durata di un anno. Emergency prosegue, quindi, l’attività nell’Ambulatorio realizzato in via La Loggia in locali di 250 mq. concessi in comodato d’uso gratuito dall’Asp. “Dall’inizio della collaborazione – ha sottolineato Candela – Emergency ha svolto una costante attività di supporto, complementare a quella dei servizi aziendali, per garantire l’assistenza sanitaria ai migranti ed ai cittadini italiani in condizioni di indigenza”.

lunedì 18 settembre 2017

Biennale di Venezia, esposti due quadri del pittore antimafia Gaetano Porcasi

Il boss mafioso Joseph Bonanno
Saranno esposte al padiglione Armenia (Palazzo Zenobbio) della 57^ Biennale di Venezia e si potranno visitare fino al 10 novembre le due opere del pittore siciliano Gaetano Porcasi. Il padiglione è stato curato dallo storico e critico dell’arte Giorgio Grasso, che ha voluto inserire le due opere all’interno della mostra “L’arte ai tempi della 57^ Biennale di Venezia”. Entrambi i quadri sono olio su tela. Nel primo (70 cm x 100 cm) è raffigurato il boss Joseph Bonanno, nel secondo gli splendidi limoni siciliani (130 cm x 70 cm). «Tutte le mie opere hanno sempre come inizio un racconto – ha dichiarato il pittore nato a Partinico – Le due opere sono la stessa medaglia ma con due facce diverse: la prima, la mafia italo-americana, un mafioso italo-americano di origine siciliana, mentre il secondo quadro rappresenta il paradiso siciliano con la sua natura, i suoi colori e la sua forza». Porcasi ha affermato che non dipinge i suoi quadri ma: «Scrivo con i pennelli e inondo le tele di colori e luce della mia Sicilia e non solo». L’artista usa la pittura come uno strumento a futura memoria per non dimenticare ricollegandosi a ciò che aveva dichiarato qualche decennio fa lo scrittore e saggista Leonardo Sciascia: «Il Nostro è un Paese senza memoria e verità».

Mafia, chiesti 90 anni di carcere per le nuove leve del mandamento di Corleone


domenica 17 settembre 2017

A Corleone l'integrazione praticata prima che teorizzata

PATRIZIA GARIFFO
Mi fa piacere condividere con tutti i miei amici di Fb ed, in particolare, con i ragazzi del mitico Liceo Classico “Guido Baccelli” di Corleone questo messaggio che mi ha scritto la Prof.ssa Marcianti qualche giorno fa.
Ringrazio lei per queste bellissime parole e per i ricordi che ha riportato alla luce, tutti i ragazzi e i professori che hanno condiviso con me quei 5 anni unici e speciali e, naturalmente, i miei genitori e mia sorella...anche se non è citata ma lei c'è comunque
********
(Benedetta Marcianti) “Ho pianto per la lettura del suo romanzo come ho pianto anni fa per la lettura del suo tema agli esami di maturità: quella sintesi perfetta di contenuto e forma. Ero la commissaria interna e noi del liceo Baccelli di Corleone eravamo abbinati a 2 sezioni di un liceo di Palermo: fra i 75 compiti dei candidati solo il suo tema è stato segnalato al ministero della P.I. come il migliore e non è stato certo un caso. Ricordo purtroppo solo alcuni passaggi di quel compito, frutto di quella mano che faceva scivolare la penna, con un’armonia tutta sua, sul foglio bianco! D’altronde l’esperienza scolastica di Patrizia è tutta da ricordare. La scuola le ha dato tanto ma sicuramente meno di quanto abbia ricevuto da lei. C’è una parola che oggi è di moda citare nei rapporti sociali di ogni tipo: integrazione. La nostra scuola è stata antesignana in ciò: la sua era una classe di 23 alunni + un tesoro.

“WhatsApp e 50 euro al giorno”, i cantieri dove un posto costa la vita

PAOLO BERIZZI
Le storie. Alexandru, Thomas, Giuseppe: per i manovali del settore edile è la solita giungla fatta di cottimo, caporalato e scarsa sicurezza L’evoluzione tecnologica aiuta solo i reclutatori rendendoli invisibili
BRESCIA. L’Italia non può rassegnarsi, dice Mattarella. Ma Alexandru, che ha 32 anni e vive con la fidanzata cameriera a Castelcovati, in provincia di Brescia, si è rassegnato: l’altra sera alle undici stava riscaldando un piatto di pasta con l’uovo e sul display del cellulare si è illuminata l’icona verde di WhatsApp. Solito messaggino di convocazione, i caporali adesso ti reclutano in digitale. «Domani alle 7, a Rovato, via Primo Maggio. Anche il tuo amico indiano. Ciao». Cinquanta euro vale il lavoro nero di una giornata qualunque del manovale di primo livello Alexandru, romeno di Timisoara. Lo stesso prezzo hanno le braccia del suo amico indiano Asuman, che è ferrista e nel 2016 si è infortunato due volte ma non ha denunciato. L’ingaggio, da tre anni, arriva direttamente in chat all’ultimo momento. Per mettere in tasca la misera paga Alexandru deve portarsi il secchio con gli strumenti, li ha comprati a Leroy Merlin.

Palermo, tutto pronto per “Le Vie dei Tesori”

Tutto pronto per le “Vie dei Tesori”. Per cinque weekend Palermo diventa un grande museo diffuso, con 110 luoghi aperti alle visite guidate, 110 tour urbani a tema, un Festival Kids con centinaia di appuntamenti, un itinerario contemporaneo con mostre e performance in trenta atelier d’arte, concerti in collaborazione con Piano City, incontri d’autore.  Martedì, alle 11,30 conferenza stampa di presentazione  a Palazzo Alliata di Villafranca (piazza Bologni). Interverranno il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, l’assessore alla Cultura del Comune Andrea Cusumano, il dirigente generale dell’assessorato ai Beni culturali della Regione Maria Elena Volpes, padre Giuseppe Bucaro, direttore dei beni culturali della Curia, il direttore del Sistema museale dell’Università degli Studi di Palermo (Simua) Paolo Inglese, il presidente della Fondazione Unesco Sicilia Aurelio Angelini, il responsabile del progetto di alternanza scuola-lavoro per l’Ufficio scolastico regionale, Margherita Carastro, il presidente del Festival Le Vie dei Tesori Laura Anello, il presidente dell’associazione Amici dei Musei siciliani, Bernardo Tortorici di Raffadali, l’amministratore delegato di Viaggi dell’Elefante, Enrico Ducrot, il presidente della Gesap Fabio Giambrone, il presidente dell’Autorità portuale Pasqualino Monti, i rappresentanti di Poste Italiane, main partner della manifestazione. Con loro i curatori delle sezioni del Festival, i responsabili del progetto kids, i rappresentanti delle istituzioni e delle associazioni coinvolte, gli sponsor della manifestazione.

Palermo, quei messaggi ai boss in carcere. Il mistero degli striscioni di Borgo Vecchio

Tutto cio’ che accade a Palermo, richiama la mafia, e tutto cio’ che e’ mafia riceve un’attenzione talvolta spropositata. Siccome tutto questo ormai e’ un dato acquisito, va tenuto conto che possa essere utilizzato per realizzare strategie di comunicazione mirata. Quel che e’ accaduto qualche giorno fa – decine di striscioni che invocano l’amnistia per tutti e rassicurano i “ristretti” che non saranno dimenticati – altrove sarebbe passato inosservato, come una iniziativa di organizzazioni umanitarie, invece nel capoluogo siciliano si arricchiscono di significati e suscitano molte domande. Anzitutto sul luogo in cui la campagna per l’amnistia e’ stata intensa, Borgo Vecchio, che non gode di buona fama per la presenza di boss celebri, il tempo scelto per l’iniziativa (in carcere c’e’ un pezzo da novanta, tale Tantillo, che ha deciso di collaborare), all’indomani di due delitti di mafia, ed il mezzo (i manifesti, che precedono un corteo con fiaccolata, il 22 settembre).

venerdì 15 settembre 2017

Ambulatorio vaccinale itinerante: 855 prestazioni nella prima settimana nelle circoscrizioni

Lunedi’ il camper alla scuola Oberdan di via Spica
PALERMO 15 SETTEMBRE 2017 – Sono state complessivamente 855 le prestazioni dell’ambulatorio vaccinale itinerante dell’Asp di Palermo nella prima settimana di lavoro in città. Il camper con a bordo medici ed infermieri del Dipartimento di Prevenzione ha toccato lunedì scorso la II Circoscrizione (Scuola Orestano), mercoledì l’VIII Circoscrizione (via Ammiraglio Rizzo) ed oggi la VI Circoscrizone (via Monte San Calogero) assicurando un servizio – realizzato in collaborazione con l’Amministrazione comunale – che è stato apprezzato dalla gente.

Corleone, approvato il regolamento per lo Sportello Unico delle Attività Produttive

Corleone, il palazzo municipale
Con delibera n. 32 del 14/09/2017 della Commissione Straordinaria, assunta con i poteri di Consiglio Comunale, è stato approvato il Regolamento dello Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP). Con l’approvazione del Regolamento si dà attuazione anche nel Comune di Corleone, ad una disposizione di legge, in vigore dal 2010, che prevede forme di semplificazione amministrativa e l’attivazione di procedure esclusivamente telematiche per l’avvio delle attività produttive. Le domande, le dichiarazioni, le segnalazioni certificate e le comunicazioni per i procedimenti attribuiti al SUAP, ed i relativi elaborati tecnici e allegati, saranno  presentati in modalità esclusivamente telematica.

I giovani di Corleone: "La mafia ci fa schifo, ma lei mancu cugghiunia!!"


(dp) Sul servizio TV di ReteQuattro pubblichiamo questa lettera dei ragazzi del Cidma di Corleone, che condividiamo: 
"Il corleonese medio è un po più giovane di quelli che ha intervistato lei. 
Il corleonese medio è molto educato e se gli si parla in italiano risponde in italiano.
Il corleonese medio non parla da dietro la tenda, ma apre la porta.
Il corleonese medio le tasse le paga e non trova corretto che a qualcuno queste non arrivino nemmeno.
Al corleonese medio non ha bisogno di parlare all’orecchio, perché il corleonese medio non ha paura.

Il corleonese medio stasera non parla che di lei e del suo servizio ed è molto, molto incazzato.

Regionali Sicilia. Discontinuità con le ultime esperienze di governo!

di ROBERTO TAGLIAVIA
La necessità della discontinuità con le più recenti politiche regionali e l’urgenza di una proposta di riforma della Regione, fino alla revisione dello Statuto, sono riconducibili alla gravità del divario tra noi e le regioni del nord, che è economico, sociale e civile. Non si misura quanto la profondità di questa divisione stia logorando le ragioni dell’unità e della stessa democrazia italiana. La condizione di degrado economico e civile della Sicilia rende ancora più difficile il rapporto con il resto del Paese e rimette in discussione lo stesso valore dell’autonomia regionale e della specialità dello Statuto.
C’è chi accusa la Regione di essere intralcio per un efficace rapporto tra i siciliani e lo Stato, usata come scusa del disimpegno verso la Sicilia dai Governi nazionali, e propone di abolirla. C’è chi si limita a volere ridimensionare la specialità dello Statuto, riconducendo la Sicilia a statuto ordinario. C’è chi, per contro, teorizza un forte rilancio della specialità come strumento per una nuova e più efficace conflittualità con lo Stato. In sostanza, tutti chiedono che sia lo Stato a farsi carico della nostra situazione, ma si scontra con le politiche e gli egoismi di una parte del Paese che non è più minimamente intenzionato a farsi carico del Mezzogiorno e della Sicilia.

Stop Agcom a bolletta telefonica ogni 28 giorni

L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha deciso di avviare procedimenti sanzionatori nei confronti degli operatori telefonici Tim, Wind Tre, Vodafone e Fastweb per il mancato rispetto delle disposizioni relative alla cadenza delle fatturazioni e dei rinnovi delle offerte di comunicazioni elettroniche. Al fine di garantire massima trasparenza e confrontabilità dei prezzi vigenti, nonché il controllo dei consumi e della spesa garantendo un’unità standard (mese) del periodo di riferimento delle rate sottostanti a contratti in abbonamento per adesione, con la delibera 121/17/CONS l’Autorità aveva infatti stabilito nel marzo scorso che per la telefonia fissa e per le offerte convergenti l’unità temporale per la cadenza delle fatturazioni e del rinnovo delle offerte dovesse avere come base il mese o suoi multipli. Al termine delle verifiche effettuate da Agcom, è risultato che gli operatori menzionati non hanno ottemperato alla delibera dell’Autorità. Agcom sta inoltre valutando l’adozione di ulteriori iniziative, anche per evitare che le condotte dei principali operatori di telecomunicazioni possano causare un effetto di “trascinamento” verso altri settori, caratterizzati dalle stesse modalità di fruizione dei servizi.(ITALPRESS).Economia Sicilia il 14/09/17

Fondazione Giglio: documento della Fp Cgil sulle criticità dell’ospedale

Continua l’esodo di professionisti. Richiesta di incontro all’assessore Gucciardi per il rilancio della struttura
Palermo 15 settembre 2017 – Un documento della Fp Cgil sulla situazione di “instabilità” che si è creata in questi ultimi due anni presso la Fondazione G.Giglio di Cefalù, dove si sta assistendo alla perdita di professionalità, al mancato turn over, al sovraccarico di lavoro e di stress per la copertura dei servizi da parte del personale rimasto. La denuncia è maturata al termine di un’assemblea organizzata dalla Cgil per fare il punto della situazione. Il documento si conclude con la richiesta di un incontro con l’assessore alla sanità Gucciardi per dare seguito a un confronto costruttivo per il rilancio dell’ospedale.  “Negli ultimi due anni – scrivono nella nota la Funzione pubblica aziendale e la segreteria Fp Cgil Palermo - la Direzione Strategica Ospedaliera non è stata in grado di dare le giuste motivazioni professionali e tecnologiche nelle varie branche, determinando la perdita progressiva di diverse decine di unità professionali, ad alta specializzazione, con grande esperienza maturata sul campo della realtà ospedaliera cefaludese”.

Forestali. L’assessore Cracolici: ”Sono stati riconosciuti diritti e non prebende. Le polemiche figlie del clima infame contro questa categoria”

“L’accordo sul contratto integrativo dei forestali non è una mancia elettorale per sprecare i fondi di ‘Mamma Regione’, semmai è una cosa ‘di sinistra’, una conquista di cui vado fiero che i lavoratori aspettavano da 16 anni,  frutto di un lungo confronto con i sindacati che per la prima volta permetterà il riconoscimento di diritti come malattia, permessi e recupero delle giornate sugli infortuni,  senza incidere sul bilancio regionale ma recuperando risorse da una migliore organizzazione del lavoro”, dice l’assessore regionale all’Agricoltura Antonello Cracolici. “Prima di questo accordo, se un forestale si ammalava perdeva la giornata lavorativa,  stessa cosa per gli infortuni e i ricoveri.  Abbiamo previsto ciò che molti giudici hanno sancito con le loro sentenze condannando la regione, e abbiamo dato certezze sui diritti. L’ incidenza del costo di questa integrazione contrattuale prevede un aggravio medio di 5 euro lorde per giornata lavorativa. Non si capisce dunque come un forestale che lavora per 78 giornate possa avere 80 euro al mese in busta paga – continua Cracolici.

giovedì 14 settembre 2017

Parte la campagna di "Arcipelago Sicilia". Proverbi dialettali "al contrario"

"Cu nasci tunnu PO' moriri quadratu"; "Megghiu u bonu a CANUSCIRI ca' u tintu canusciutu"; "Cu lassa a vecchia ppa nova MEGGHIU s'attrova"; "A megghiu parola è chidda ca' SI RICI"; "Aranci aranci, cu avi i guai UN si chianci". Sono alcuni proverbi dialettali "al contrario" a caratterizzare la campagna di comunicazione del Movimento dei Territori, con la lista "Arcipelago Sicilia". A questi si accompagnano cinque parole chiave "per cambiare la Sicilia": competenza, fiducia, innovazione, solidarietà, passione.

mercoledì 13 settembre 2017

Acqua: In Italia se ne perdono 100mila litri al secondo. La Sicilia fra le prime regioni a rischio siccità

Femca Cisl e Cisl Sicilia: “Prioritari interventi per sistemazione reti colabrodo e piena attuazione delle riforme a oggi ancora incompiute”
Palermo - L'Italia rischia di soffrire la sete per gli anni a venire. Da qui a breve tempo la siccità potrebbe diventare una costante per l'intero Paese e soprattutto per il Mezzogiorno, con in testa la Sicilia. Eppure si continuano a perdere in media 100mila litri al secondo di acqua, destinata a diventare sempre di più oro blu. L'allarme arriva dalla Femca Cisl e dalla Cisl Sicilia nel corso del consiglio generale della Femca Cisl Sicilia, svoltosi oggi all'Nh hotel di Palermo. “La crisi idrica già registrata quest'estate - dichiara Nora Garofalo, segretaria generale della Femca Cisl - non è stata determinata solo dalle temperature particolarmente elevate ma anche dalle reti colabrodo, a causa delle quali moltissima acqua va persa nella distribuzione.

Corleone, mostra su San Bernardo


Asp in piazza domani a Casteldaccia

Accesso diretto dalle 9.30 alle 16.30. In piazza anche l'ambulatorio vaccinale itinerante
PALERMO 13 SETTEMBRE 2017 – Mammografia, Pap-test, Sof-test, screening del melanoma e del tumore alla tiroide. Sono le prestazioni che gratuitamente l'Azienda sanitaria provinciale di Palermo "offrirà" domani (giovedì 14 settembre) a Casteldaccia in occasione della nona tappa stagionale di "Asp in Piazza", manifestazione itinerante sulla prevenzione giunta al quarto anno di vita.

martedì 12 settembre 2017

Il Comune di Corleone ai Riina: "Pagate le tasse!"

SALVO PALAZZOLO
Corleone, per la prima volta una cartella di riscossione dei tributi destinata ai familiari del capo dei capi che però non hanno accettato la notifica del messo inviato nei giorni scorsi dai commissari straordinari
CORLEONE. Il messo inviato dai commissari del Comune ha bussato alla porta di casa della famiglia Riina, in vicolo Scorsone, e ha mostrato una cartella di pagamento. Non era mai accaduto. Il Comune di Corleone che chiede ai Riina il pagamento della tassa dei rifiuti, e pure gli arretrati di tre anni, 1.000 euro in tutto. Un affronto. E, infatti, nessuno dei Riina ha voluto neanche prenderla quella cartella. U zu Totò, il patriarca della famiglia e di tutta Cosa nostra, era lui che imponeva le tasse – sul commercio e sugli appalti – non le pagava di certo. E come lui, anche altri boss.

Regionali Sicilia, Regionarie 5 stelle: il Tribunale sospende la votazione che ha incoronato Cancelleri

Giancarlo Cancelleri
Le regionarie dei 5 stelle al momento sono sospese dal Tribunale di Palermo che ha accolto in via cautelare il ricorso presentato da Mauro Giulivi, escluso dalla selezione. I giudici entreranno nel merito più avanti ma adesso c'è da capire gli effetti che avrà questa decisione sulla votazione che ha incoronato Giancarlo Cancelleri. Giulivi nell'esposto lamentava di essere stato escluso con un espediente e senza reale motivazione, per non aver firmato il codice etico.  Scrive la giudice Claudia Spiga nell'ordinanza di sospensione: "Il mancato avvio del procedimento disciplinare comporta l'insussistenza della causa di esclusione della candidatura di Mauro Giulivi indicata nel provvedimento impugnato. Sussiste quindi il fumus della richiesta di sospenzione in ragione dell'evidente capacità lesiva di detta delibera del diritto di elettorato passivo dell'istante e rispetto al quale la candidatura alle primarie costituisce atto prodromico". Per questo il giudice "dispone la sospensione dell'esecuzione delle determine di individuazione dei "candidati più votati" alle "regionarie" siciliane pubblicate sul sito interne del Movimento in data 4 e 9 luglio".

lunedì 11 settembre 2017

REGIONALI. Orlando: "Movimento dei Territori per proseguire nello spirito di SS. Apostoli"

Leoluca Orlando
LEOLUCA ORLANDO
"Ho seguito con grande interesse la vicenda politica regionale, convinto come sono della necessità di un netto cambiamento rispetto agli ultimi anni.
Sento oggi il bisogno di ricordare ancora una volta e con chiarezza che un un percorso civico fondato su punti programmatici chiari e su un candidato civico, nella persona di un esponente prestigioso e internazionalmente riconosciuto della vita culturale e amministrativa, sono oggi l'unico contributo di novità in Sicilia.

Mafia e politica, è tempo di porte girevoli

UMBERTO SANTINO 
QUANTO al rapporto tra mafia e politica, ho cercato di tracciare una storia ridotta all’osso. Fino agli anni Settanta del secolo scorso, le cose erano molto semplici, prevedibili. Una mafia “a regime”, con una signoria territoriale di tipo totalitario, un’accumulazione a gonfie vele, legata ai traffici internazionali ma sempre ancorata alle convenienze offerte dal contesto locale, intratteneva rapporti, continuativi e proficui per entrambi, col partito che ha monopolizzato il potere per quasi mezzo secolo.

Palermo. L’assalto quotidiano ai bus: ecco i 40 borseggiatori a caccia di passeggeri

SALVO PALAZZOLO
 I giovani sono più violenti e si sono staccati dai vecchi Ognuno ha il suo sistema per rubare i portafogli. Da Padre Pio all’Avvocaticchio hanno tutti un soprannome E se vengono scoperti scatta la minaccia: “Guai se denunci”
Qualche giorno fa, un anziano ha urlato mentre le porte del 101 si stavano aprendo: «Brutto borseggiatore, lascia stare quella ragazza, è mia nipote». E il giovane borseggiatore, uno di quelli alle prime armi, è fuggito, lanciando per terra un portafogli pieno di soldi. L’anziano ha fatto un balzo, ha afferrato il bottino ed è fuggito pure lui. Mentre la povera vittima, una turista americana, era come impietrita, non capiva cosa stesse accadendo.

Lotta al crimine. Il flop dei beni confiscati alle mafie


Legalità: 13 settembre a Roma iniziativa Cgil, Avviso Pubblico e Fnsi: "Pio la Torre per i diritti"

Appuntamento ore 10.30 presso la Federazione Nazionale della Stampa Italiana, Corso Vittorio Emanuele II, 349
Roma, 11 settembre - Si svolgerà mercoledì 13 settembre a Roma l'iniziativa "Pio la Torre per i diritti", promossa da Cgil, Avviso Pubblico e Federazione Nazionale della Stampa. Appuntamento alle ore 10.30 presso la sede della FNSI, corso Vittorio Emanuele II, 349. Una cerimonia, organizzata in occasione del 35° anniversario dell’approvazione della legge Rognoni-La Torre, per consegnare delle targhe di riconoscimento a coloro che, nel mondo del sindacato, della pubblica amministrazione e del giornalismo, si sono particolarmente distinti per l'impegno civile e politico, per la democrazia, i diritti e la legalità. 

Corleone, attivato lo sportello comunale per il Contribuente

CITTA’ DI CORLEONE
CITTA’ METROPOLITANA DI PALERMO
Come è noto sono in fase di notifica i solleciti di pagamento per la TARI relativi agli anni 2013-2016 e le verifiche per accertare le liquidazioni effettuate per IMU per le stesse annualità.
 Al riguardo, si comunica che è stato attivato uno Sportello Comunale per il Contribuente sito a piano terra del Palazzo Comunale (ex Uffici Servizi Sociali) ove il personale dell’Ufficio Tributi fornirà tutte le informazioni sugli avvisi di pagamento trasmessied in caso di pagamenti già effettuati, acquisirà copia dei modelli F24 e delle ricevute.
 Il Contribuente potrà altresì verificare presso lo Sportello - attraverso la consultazione di apposito elencola propria posizione debitoria .
 Si comunica, che il predetto Sportello sarà attivo nei giorni di :
lunedì dalle ore 10,00 alle ore 12,00
mercoledì  dalle ore 16,00 alle ore 18,00.
La Commissione Straordinaria
(G. Termini - R. Mallemi - M. Cacciola)


Corleone, prorogati i termini per la manifestazione d'interesse alla gara per il servizio di trasporto alunni

CITTA’ DI CORLEONE
CITTA’ METROPOLITANA DI PALERMO

Si rende noto che i termini dell’avviso pubblicato in data 17 agosto 2017 per la presentazione delle manifestazioni di interesse da parte degli operatori interessati a partecipare alla procedura negoziata per l'affidamento del servizio di trasporto per gli alunni pendolari iscritti all’I.I.S.S. sede di Prizzi - Anno scolastico 2017/2018 sono prorogati.
Il nuovo termine è fissato alle ore 13:00 del 12 settembre 2017
È possibile consultare la documentazione necessaria nella sez. Bandi del sito web del Comune di Corleone al seguente link: http://www.comune.corleone.pa.it/bandionline.html 
LA COMMISSIONE STRAORDINARIA
(Termini     Mallemi     Cacciola)    

venerdì 8 settembre 2017

Corleone, protocollo di legalità per appalti e licenze

Giro di vite nella gestione degli appalti pubblici e nel rilascio dei provvedimenti ampliativi in materia di urbanistica ed edilizia privata al Comune di Corleone.
La Commissione straordinaria che gestisce il Comune di Corleone ha introdotto all’interno della struttura amministrativa in applicazione del Protocollo di legalità stipulato con la Prefettura di Palermo una serie di misure innovative  per attuare  un più penetrante controllo di legalità nel settore degli appalti pubblici e nel rilascio dei provvedimenti ampliativi in materia di commercio, urbanistica ed edilizia privata, settori  particolarmente sensibili in quanto ad alto  rischio di infiltrazioni da parte della criminalità organizzata   e di  interferenze indebite di comitati d’affari e della criminalità comune. LEGGI IL PROTOCOLLO D'INTESA  PER LA LEGALITA'

Dal carcere si può davvero uscire? Sabato al "Caffè Teologico", a Corleone

SE NE PARLERA' COL PROF. ALFREDO GALASSO
Si prosegue con gli appuntamenti di approfondimento su temi di attualità legati alla religione. Sorseggiando una bevanda dissetante, assaporando biscotti e pasticcini, in un contesto amichevole ed accogliente, si potrà approfondire, di volta in volta, un tema importante legato alla religione con un approccio laico. Indispensabile per la buona riuscita degli incontri è la partecipazione di un pubblico eterogeneo perchè la discussione sia ricca ed animata, aiuti a comprendere punti di vista diversi ed, eventualmente, suggerisca nuove chiavi di lettura. L'argomento della serata è complesso quanto dibattuto: il carcere può davvero riabilitare una persona? Quanto influisce il supporto della comunità sulla possibilità di recupero dell'ex detenuto? E quanto è affidabile il suo contributo a sostegno della giustizia dopo essersi dichiarato "pentito"? 

Omicidio al mercato del Capo, arrestato anche il secondo complice

Ha un volto e un nome l'uomo che sabato 26 agosto ha accompagnato, a bordo di una Smart nera, l'assassino del fruttivendolo del Capo Andrea Cusimano, Calogero Piero Lo Presti. Si tratta di Fabrizio Tre Re, 27 anni, pluripregiudicato e sorvegliato speciale, è lo zio materno di Lo Presti, che di anni ne ha 23. I carabinieri del nucleo Investigativo lo hanno fermato stanotte su disposizione della procura di Palermo. Concorso in omicidio è l'accusa. Ad incastrarlo ci sono alcune immagini delle telecamere in via Volturno. L'auto appartiene alla moglie di Tre Re, l'uomo era stato anche ascoltato come testimone il giorno del delitto, aveva fornito un alibi, che poi è crollato. Così è partita una richiesta di custodia cautelare firmata dal procuratore capo Francesco Lo Voi, dall'aggiunto Salvatore De Luca e dalle sostitute Amelia Luise e Caterina Malagoli. L'ordinanza è stata emessa dal giudice delle indagini preliminari Ermelinda Marfia. Il colonnello Antonio Di Stasio, comandante provinciale dell'Arma, commenta: "Un risultato arrivato in tempi brevissimi grazie alla grande sinergia tra i carabinieri e la procura. Un risultato che è il frutto di cuore e di impegno. Il cuore eroico dei due militari che dopo gli spari si sono lanciati sull'assassino per bloccarlo, l'impegno delle indagini che sono subito partite per raccogliere tutti gli elementi necessari all'inchiesta".

"Mafia per tutti": una scritta inneggia ai boss a pochi passi dalla prefettura

La scritta a piazzetta S. Rosalia
"Mafia per tutti", ha scritto qualcuno sulle antiche basole di piazzetta Santa Rosalia, dietro Palazzo Branciforti, a pochi passi dalla prefettura. L'ha scritto con una vernice azzurra, caratteri grandi, perché fosse ben visibile. "Non sappiamo niente", dicono in maniera sbrigativa i residenti delle palazzine diroccate che si affacciano sulla piazza. Questa mattina, sono arrivati anche gli esperti della Polizia Scientifica per scattare alcune foto e cercare tracce degli autori della scritta. Qualche indizio potrebbe essere nelle telecamere che sorvegliano il dedalo di viuzze alle spalle della prefettura. Siamo nel centro di Palermo, in questi giorni tornato ad essere a livello nazionale il simbolo dell'antimafia nel ricordo del prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa, ucciso il 3 settembre del 1982. Trentacinque anni fa, il prefetto di Palermo chiedeva poteri straordinari per la lotta alla mafia, poteri che arrivarono solo dopo la sua morte.

mercoledì 6 settembre 2017

Il diritto di non emigrare!

di AGOSTINO SPATARO
1… Il neo liberismo produce guerre, miserie e migrazioni irregolari
Se il mondo fosse più giusto e solidale dovrebbe riconoscere, e attuare, come primo diritto umano quello di non- emigrare ossia non costringere gli uomini e le donne del Pianeta ad abbandonare la propria casa, la propria terra in cerca di un lavoro, di una vita migliore. Ovviamente, per chi lo desidera, c’è anche un diritto di emigrare, di spostarsi liberamente. Ma per scelta non per costrizione. Purtroppo così non è. La gente continua a emigrare per costrizione, quasi sempre dal Sud verso il Nord.

Nuovo intervento di derattizzazione nei centri abitati di Corleone e Ficuzza



Corleone-Sicilia-Toscana: volontari contro la mafia


Fp Cgil, al via a Palermo #EffePiù, 4 giorni sul valore dei Servizi Pubblici

In piazza Verdi davanti e dentro il Teatro Massimo con di dibattiti, musica e gastronomia
Palermo, 6 settembre - Il valore insostituibile dei servizi pubblici, a partire da chi li garantisce per tutti, tutti i giorni. Questo l’obiettivo delle Giornate nazionali dei Servizi Pubblici, dal titolo ‘#EffePiù, il Lavoro in Piazza’, promosse dalla Fp Cgil Nazionale, la categoria che rappresenta i lavoratori pubblici della Cgil, e che si terranno a Palermo a partire da domani giovedì 7 settembre e fino a domenica 10 settembre. Una lunga quattro giorni che si terrà in piazza Verdi, dentro e fuori il Teatro Massimo, fatta di iniziative e dibattiti, ma anche di intrattenimento, musica e gastronomia,  per mostrare il valore dei beni pubblici e per incontrare e confrontarsi con cittadini, interlocutori politici e istituzionali, studiosi ed esperti, sul valore del 'bene pubblico', a partire dal lavoro e dai servizi che le lavoratrici e i lavoratori garantiscono al Paese.

MONREALE. Un percorso inedito e un biglietto unico per visitare il Duomo, il chiostro benedettino, il Museo Diocesano e le terrazze

Il complesso monumentale di Monreale così come lo volle re Guglielmo Il Buono nel Medioevo. Non soltanto il Duomo - straordinario con il Cristo Pantocratore e l’imponente impianto musivo che sembra avvolgere in una carezza dorata e soprannaturale - ma un intero percorso che racconta i tempi, la corte normanna, i monaci benedettini giunti da Cava dei Tirreni, il chiostro silenzioso e il tesoro della Chiesa. E’ questo l’intento che ha portato ad ideare un unico itinerario di visita, inedito, che oggi viene offerto a chi arriva a Monreale e non vuole gettare soltanto una fugace occhiata al Duomo.
L’itinerario di visita e le iniziative di valorizzazione dell’intero complesso abbaziale, saranno presentati domani (7 settembre) dalle 18,45 nel chiostro dei Benedettini del Duomo di Monreale. Interverranno il Presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, l’arcivescovo della Diocesi di Monreale, monsignor Michele Pennisi e Giovanna Barni, in rappresentanza dell’ATI Coopculture, Mondo Mostre (Mo.Mo) e SKIRA.

lunedì 4 settembre 2017

#EffePiù, a Palermo, dal 7 al 10 settembre le giornate nazionali dei Servizi Pubblici. In piazza Verdi davanti al Teatro Massimo

Conferenza stampa con Serena Sorrentino e Leoluca Orlando mercoledì 6 settembre ore 12 a Palazzo delle Aquile
Palermo 4 settembre 2017 - EffePiù 2017, il Lavoro dei Servizi Pubblici in Piazza. A partire da giovedì 7 e fino a domenica 10 settembre la Funzione Pubblica Cgil Nazionale promuove a Palermo le Giornate nazionali dei Servizi Pubblici. Un’iniziativa per mettere al centro il valore dei servizi pubblici e di tutti coloro, sia nel pubblico che nel privato, che lavorano per garantirli: per tutti, tutti i giorni.

Ambulatorio vaccinale itinerante: domani il camper a Cinisi: accesso diretto dalle 9.30 alle 16.30

In piazza anche i camper della prevenzione oncologica
PALERMO 4 SETTEMBRE 2017 – Prima tappa domani (martedì 5 settembre) a Cinisi dell’Ambulatorio vaccinale itinerante realizzato dall’Asp di Palermo nell’ambito del progetto di potenziamento dell’offerta sanitaria in città e provincia. All’interno di un camper, che stazionerà in Piazza Vittorio Emanuele Orlando dalle 9.30 alle 16.30, lavoreranno medici ed infermieri dell’Azienda sanitaria provinciale. “Basterà presentarsi con il tesserino delle vaccinazioni – spiega il Commissario dell’Asp, Antonio Candela - per usufruire delle 10 vaccinazioni rese obbligatorie dalla nuova normativa nazionale e delle 4 fortemente raccomandate. Dopo Cinisi, l’Ambulatorio vaccinale itinerante sarà il 14 a Casteldaccia, il 26 settembre a Roccapalumba ed il 5 ottobre a Monreale. In collaborazione con l’Amministrazione comunale di Palermo, saremo inoltre con il camper in tutte le otto Circoscrizioni della città”.

sabato 2 settembre 2017

Palermo, la Festa dell'Onestà in memoria del gen. Carlo Alberto Dalla Chiesa

PALERMO – Nando, Rita e Simona Dalla Chiesa, figli del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa; Franco La Torre, figlio di Pio La Torre; Francesco Puglisi, fratello del Beato Pino Puglisi; il Prefetto Guido Longo. Sono alcuni dei protagonisti della seconda edizione della ‘Festa dell’Onestà’, che si svolgerà a Palermo domenica 3 settembre. Una giornata speciale, alla quale parteciperà il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Tullio Del Sette, per onorare la memoria del Generale Dalla Chiesa, della moglie Emanuela Setti Carraro e dell’agente di scorta Domenico Russo, nel giorno del 35° anniversario dell’omicidio di via Isidoro Carini.

Borseggiatori a Palermo. Le foto segnaletiche “non siete graditi a bordo” su tanti autobus

Palermo, 02 settembre 2017 - “Non ti vogliamo sui nostri bus”, firmato Amat Palermo. Questo il messaggio affisso da questa mattina all’interno dei bus 101 e 102 del capoluogo siciliano, rivolto al borseggiatore seriale arrestato dalla Polizia lo scorso 29 agosto che dopo la scarcerazione si era vantato sui social network.
L'Azienda pubblica che gestisce i servizi per la mobilità nella città ha ritenuto necessario assumere questa iniziativa a tutela di tutti coloro, cittadini e turisti, che utilizzano il servizio di trasporto pubblico. “Abbiamo voluto lanciare un messaggio diretto ed efficace - afferma Antonio Gristina, presidente dell'azienda - rivolto a mettere in guardia i passeggeri ma anche ad affermare la nostra vicinanza e gratitudine alle Forze dell'ordine”.

venerdì 1 settembre 2017

ASP DI PALERMO: SI E’ INSEDIATO IL NUOVO DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DOMENICO MONCADA

Domenico Moncada
PRENDE IL POSTO DI SALVATORE STRANO, COLLOCATO IN QUIESCENZA
PALERMO 1 SETTEMBRE 2017 – Domenico Moncada, 60 anni, catanese, laureato in Economia  e Commercio, è da  questa mattina il nuovo direttore amministrativo dell’Asp di Palermo. Prende il posto di Salvatore Strano, collocato in quiescenza per raggiunti limiti di età. Moncada, dottore commercialista e revisore contabile, ha iniziato la carriera lavorativa da funzionario della Procura della Repubblica presso la Pretura di Catania e poi da Dirigente Amministrativo all’Asl 5 di Messina e, quindi, all’Asl 3 di Catania. Dopo la direzione del Dipartimento amministrativo del Policlinico Vittorio Emanuele di Catania è stato fino allo scorso mese di luglio, Direttore amministrativo dell’Azienda Ospedaliera “Papardo” di Messina.

Baucina, inaugurata una villa confiscata alla mafia e dedicata a Pio La Torre

Un momento della cerimonia di inaugurazione
Si è inaugurato ieri giovedì 31 agosto a Baucina, Comune dell'area Metropolitana di Palermo, il Centro Pio La Torre, una villa confiscata alla mafia e assegnata al Comune per finalità sociali rivolte alla società civile, al territorio e in particolare ai giovani. Il bene sito in Contrada Acquasanta ospita i busti di Nicolò Azoti e di Pio La Torre, uccisi dalla mafia e dei quali ricorre rispettivamente il 70° e il 35° anniversario della morte. Alla manifestazione, promossa dal Sindaco di Baucina, Ciro Coniglio, era presente tra gli altri  il Sindaco della Città Metropolitana di Palermo Leoluca Orlando.