Barra video

Loading...

domenica 20 novembre 2016

Mafia nigeriana a Palermo. Guerra fredda al mercato “Quei neri volevano tutto”

ROMINA MARCECA
È un colpo d’occhio. Quando si arriva al mercato di Ballarò sono più i neri che i bianchi. Sono più le botteghe degli extracomunitari di quelle dei palermitani e sono di più i delinquenti stranieri di quelli italiani. La mafia nigeriana c’è e si vede tra le bancarelle di uno dei Suk più suggestivi della città. «Eccome se c’è. Loro spacciano agli angoli della strada e fanno prostituire le loro donne nei nostri territori e nelle case che prendono in affitto. Non hanno paura di niente. Ma noi – racconta Saro, pregiudicato di lungo corso di Ballarò – con quelli non ci parliamo, i nivuri (neri, ndr) si fanno gli affari loro e noi ci facciamo i nostri. Il rispetto da parte mia è solo per i palermitani».

Sono le 11 e il mercato è un tripudio di odori e colori. I ristorantini espongono su strada i piatti del giorno: melanzane fritte, pesce alla griglia, peperoni arrostiti. Qualcuno parla ancora sulla visita di Renzi in città a voce alta: «Sia chiaro a tutti, io voto no», dice un fruttivendolo mentre vende primizie. Ma la storia del giorno, quella che si racconta sottovoce, è l’arresto dei nigeriani della “Black Axe”. «Proprio con un’ascia uno di loro qualche mese fa ha tagliato un braccio a un connazionale. Sono terribili, fanno paura », racconta un ristoratore.
Ma la mafia nigeriana come si è radicata a Ballarò dove la criminalità organizzata ha un’identità molto forte? C’è un accordo coi palermitani? I delinquenti guardano con disprezzo all’organizzazione nigeriana che avrebbe messo radici a Ballarò da almeno cinque anni. «Sono violenti. Noi li odiamo e spesso ci sono risse anche tra noi e loro», dice un ladro della zona. «Spacciano soprattutto eroina che arriva dall’Africa. E fanno affari d’oro perché una dose la vendono 10 euro nei locali. Per vendere droga in strada gira voce che paghino qualcosa, un pizzo, ai palermitani», dice Franco, un tossicodipendente che conosce bene le dinamiche della zona. Ma i nigeriani sono arrivati anche nel mercatino illegaledell’Albergheria, un Suk dal sapore tutto palermitano. Dalla persiana di casa sua, a pianterreno, Tommaso parla con rabbia. È un venditore ambulante arrestato qualche mese fa per furto, racconta: «Sono stato buttato fuori dal mio posto nel mercatino dell’Albergheria, ma appena mi scarcerano dai domiciliari ce la discutiamo con questi». La maggior parte dei nigeriani abita tra piazza Carmine e via Porta di Castro. «Lo vede? Qui le case sono tutte in mano a loro», dice un ragazzo che abita in zona da generazioni.
La piazza si paga, sembrerebbe. Tutt’altra storia è la tratta di donne costrette a prostituirsi a suon di botte e riti woodoo. Don Enzo Volpe, direttore della comunità dei salesiani di Santa Chiara, da anni si impegna sul fronte dello stop alla tratta. «L’organizzazione nigeriana è soprattutto maschile e maschilista. Fa leva sulla debolezza delle ragazze – dice don Enzo mentre organizza la giornata alla sua scrivania - che vivono in villaggi e in famiglie povere. Solo durante il viaggio verso l’Italia conoscono il loro destino. Le ragazze vengono vendute soprattutto alla Favorita e in via Crispi. È giusto dire però che il flusso di donne dalla Nigeria è aumentato del 300 per cento. La richiesta c’è, queste povere donne sono costrette a prostituirsi per soli dieci euro».
Caterina, assistente sociale, ha conosciuto il dolore dei figli dei nigeriani violenti. «Il papà di una bambina che seguivo a Ballarò è stato arrestato. Un giorno ho visto la fotografia sul giornale e poi ho saputo che in macchina aveva una lista di donne che faceva prostituire al Foro Italico. La figlia non l’ho vista più. Ma abbiamo saputo anche di altri papà e di altre mamme invischiate nella prostituzione». Molte catapecchie di Ballarò sono in mano alle maman, mentre agli angoli delle strade si incontrano gli spacciatori che ti avvicinano con sfacciataggine. Basta stare fermi qualche minuto in uno dei vicoli del mercato storico. «Serve qualcosa? Buona eroina? Cocaina?», dice un ragazzo di colore. Qui neanche il blitz della polizia ha messo paura, gli affari vanno avanti.
Alle 13 il mercato inizia a svuotarsi. Il tirolare di una bottega si guarda attorno e ammette: «Gli affari sono in calo e anche io mi sono arreso. Ho affittato il mio negozio ai nigeriani. Ballarò è in mano a loro».

La Repubblica/Palermo, 19 nov 2016

Nessun commento: