giovedì 11 agosto 2016

Scioglimento del comune di Corleone per mafia. Dichiarazione della presidente nazionale Arci Francesca Chiavacci e del presidente di Arci Sicilia Salvo Lipari

“Lo scioglimento per infiltrazioni mafiose del Comune di Corleone è una notizia che non ci sorprende e che certamente ci preoccupa.  La decisione del Consiglio dei Ministri impone molte riflessioni sulle azioni di tanti, ma non di tutti. Occorre che sia fatta subito chiarezza sulle responsabilità dell’amministrazione. Da anni l’Arci con la cooperativa Lavoro e non solo opera sul territorio con i campi di volontariato sui terreni confiscati alla mafia. Un lavoro straordinario in un territorio storicamente difficile che cerca, comunque, il riscatto, soprattutto nelle nuove generazioni. In questi anni la Cooperativa ha ospitato centinaia di ragazzi, organizzato eventi, è riuscita a trovare un ruolo nel territorio raccontando la mafia e sperimentando pratiche di legalità democratica. Adesso è chiaro che gli sforzi vanno raddoppiati per non perdere quanto finora conquistato con fatica e determinazione”. Lo dichiarano la presidente nazionale Arci Francesca Chiavacci e il presidente di Arci Sicilia Salvo Lipari.
11 agosto 2016

Nessun commento: