Barra video

Loading...

sabato 20 agosto 2016

Ficuzza, ricordati il ten. col. Giuseppe Russo e l'ins. Filippo Costa nel 39° anniversario dell'assassinio mafioso

Un momento della commemorazione
Stamattina a Ficuzza è stato ricordato il ten. col. Giuseppe Russo, assassinato dalla mafia il 20 agosto 1977, insieme al suo amico ins. Filippo Costa. Erano presenti alla cerimonia l'arcivescovo  di Monreale, mons. Michele Pennisi; il gen. di Brigata Riccardo Galletta, comandante della Legione Carabinieri Sicilia; la sig.ra Francesca Benedetta Russo, figlia del Ten. Col. Russo; la dott.ssa Giuseppina Scaduto, prefetto vicario di Palermo; il dott. Claudio Corselli, procuratore aggiunto di Palermo; il Col. Giuseppe De Riggi, Comandante Provinciale dei Carabinieri di Palermo; il dott. Piero Capizzi, Sindaco di Monreale; la dott.ssa Giovanna Termini, Presidente della Commissione Straordinaria del comune di Corleone; il dott. Guido Schininà, Sostituto Procuratore di Termini Imerese; una rappresentanza dell’Associazione Nazionale Carabinieri in congedo. Erano presenti, infine, il segretario della Camera del lavoro di Corleone, Cosimo Lo Sciuto; il responsabile del dipartimento legalità della Cgil di Palermo, Dino Paternostro; il presidente Calogero Parisi e i soci lavoratori della coop "Lavoro e non solo" e i volontari dei campi di lavoro antimafia.
CHI ERA IL COL. GIUSEPPE RUSSO?

Colonnello dei carabinieri, era tra gli uomini di fiducia di Carlo Alberto Dalla Chiesa ed era il comandante del Nucleo Investigativo di Palermo
Guidò la squadra partita da Palermo che svolse le indagini iniziali sulla Strage di Alcamo Marina
Fu assassinato dalla mafia mentre si occupava del caso Mattei.
L'omicidio avvenne a Ficuzza, frazione di Corleone, dove il colonnello stava trascorrendo le vacanze, e stava passeggiando con l'insegnante Filippo Costa, pure lui ucciso insieme a Russo per non lasciare testimoni dell'omicidio.
Per il suo assassinio erano stati inizialmente condannati come mandante Rosario Cascio e come esecutori i pastori Rosario Mulè, Salvatore Bonello e Casimiro Russo, ma nel 1997 sono stati assolti. In verità, si seppe in seguito, i mandanti del delitto furono Totò Riina e Bernardo Provenzano[2], mentre il commando che assassinò il colonnello Russo era formato da Leoluca Bagarella, Pino Greco, Giovanni Brusca e Vincenzo Puccio.
 
       Medaglia d'oro al valor civile
Comandante di Nucleo investigativo operante in ambiente ad alto rischio e caratterizzato da tradizionale omertà, si impegnava con coraggio ed elevata capacità professionale in prolungate e difficili indagini relative ai più eclatanti episodi di criminalità mafiosa verificatisi tra gli anni '60 e '70 nella Sicilia Occidentale. Proditoriamente fatto segno a colpi d'arma da fuoco in un vile agguato, immolava la sua esistenza ai nobili ideali di giustizia e di difesa delle istituzioni democratiche.»
— Corleone, 20 agosto 1977

Fonte: Wikipedia

Nessun commento: