venerdì 12 agosto 2016

Corleone, nell'atto d'accusa sulle infiltrazioni mafiose: la figlia del boss assunta al Comune col trucco

L'articolo su Repubblica di oggi
di SALVO PALAZZOLO
Una sola domanda, quella della figlia del capomafia, in risposta al bando mai reso pubblico. "Una mera svista", si è giustificato il funzionario responsabile del settore. Secondo l'atto di accusa del Viminale infiltrazioni mafiose anche nella raccolta rifiuti, nella riscossione dei tributi e nel servizio mensa scolastica
Una sola domanda arrivò al Comune di Corleone per il posto di assistente igienico sanitario della scuola "Giuseppe Vasi". E la candidata, la figlia del capomafia Rosario Lo Bue, fu assunta senza alcun problema, nella primavera dell'anno scorso. Peccato che il bando non era stato mai pubblicato sul sito Internet del Comune. "Una mera svista", si è giustificato il funzionario responsabile del settore, Fabio Termine. E, adesso, c'è anche un'inchiesta della procura di Termini su uno dei capitoli più delicati dell'atto d'accusa del Viminale che mercoledì ha portato allo scioglimento del Comune di Corleone per infiltrazioni mafiose. Se quell'avviso di assunzione non era stato mai pubblicato, come faceva Enza Lo Bue a sapere delle selezioni?

È un Comune amministrato da persone un po' sbadate quello descritto nelle duecento pagine scritte dai tre ispettori inviati a gennaio a Corleone dal prefetto di Palermo Antonella De Miro. Il rapporto finale è stato accolto in pieno prima dal ministero dell'Interno e poi dal Consiglio dei ministri. Nel Comune retto dalla sindaca Lea Savona, nessuno si è mai accorto che la società incaricata del servizio di accertamento e riscossione dei tributi, la "Consortile Esperia" di Catania, ha come referente Antonino Spera, un imprenditore che è il cognato del capomafia di Belmonte, attualmente in carcere.

E secondo il Viminale, ci sono abbastanza indizi per dire che anche il servizio di riscossione dei tributi sarebbe stato "infiltrato". Per una distrazione generale (nella migliore delle ipotesi), del sindaco, della giunta e di alcuni funzionari. La stessa distrazione che non ha fatto scattare la costituzione di parte civile dell'amministrazione comunale nei confronti di Antonino Di Marco, il dipendente che aveva trasformato il suo ufficio allo stadio nel covo perfetto per alcuni summit (tutti intercettati

 dai carabinieri della Compagnia di Corleone e del Gruppo Monreale). Ora, il Viminale mette sotto accusa anche l'appalto per la mensa scolastica della materna, affidato con un ribasso ritenuto sospetto. Nel dossier del ministero dell'Interno sono confluiti anche gli accertamenti della Digos di Palermo. Ma la sindaca Savona continua a sostenere che "lo scioglimento per mafia è un atto politico che ha determinato l'isolamento di Corleone e dei suoi cittadini onesti".

Nessun commento: