venerdì 17 giugno 2016

TRENTARIGHE. Corleone e l’immagine da tutelare

di GERY PALAZZOTTO 
Cosa ci può essere di veramente «lesivo dell’immagine della collettività di Corleone che da decenni cerca di scrollarsi di dosso la nomea di città centro della mafia»? Una risposta il sindaco Lea Savona e la sua giunta ce l’hanno: l’articolo di Repubblica in cui si raccontava dell’inchino, anzi tecnicamente della fermata di ossequio della processione di San Giovanni Evangelista davanti a casa Riina. E vai con la querela. Anzi no. Forse. Chissà. Di fatto da settimane l’amministrazione comunale è alle prese con la vera emergenza di Corleone: l’articolo di quel giornalista, quel “buffone” (la definizione è del genero di Riina che però ha risparmiato le virgolette). E siccome nulla è certo da quelle parti, la querela annunciata finisce in un limbo burocratico di rinvii e/o annullamenti. Non c’è peggior colpa che raccontare quando la regola è il silenzio. E del resto cosa vi aspettavate da un Comuneper cui il questore di Palermo ha chiesto lo scioglimento? Ah, la “nomea”…
Evidentemente “l’immagine della collettività” non andava tutelata costituendosi parte civile nel processo contro i nuovi boss del paese, incastrati grazie al primo imprenditore di Corleone che ha denunciato gli estortori. Il Comune si è tenuto ben lontano da quel processo, in cui ha pure un dipendente tra gli imputati per mafia.
Ma ricordate, nulla è certo. Infatti ora si scopre che la colpa di tale disimpegno fu di un avvocato incaricato dall’amministrazione. E su Facebook il sindaco scrive: «Per l’errore pagherà». Che, detto da una che ha bun fratello sospettato di collusione coi clan, fa un certo effetto.

Gery Palazzotto  
La Repubblica/Palermo, 16 giugno 2016

Nessun commento: