Barra video

Loading...

lunedì 11 gennaio 2016

L'Ospedale civico e il comune di Palermo accolgono l'appello dell'associazione Arlenika per salvare il Centro Amazzone



È stato accolto positivamente l’appello lanciato dall’Associazione Arlenika Onlus alla Città affinché il patrimonio culturale, rappresentato dal Centro Amazzone, non venga disperso. L’incontro, molto partecipato, che si è tenuto questa mattina nella sede storica di Corso Alberto Amedeo alla presenza del direttore generale dell’ARNAS-Ospedale Civico, Giovanni Migliore e del vice Sindaco di Palermo, Emilio Arcuri è stato aperto con la lettura, da parte dell’attrice Maddalena Crippa, di una “nota di partenza” scritta dalle direttrici ed ideatrici del Centro Amazzone, Anna Barbera e Lina Prosa a cui è seguito un canto di Miriam Palma che, da anni, conduce il laboratorio su voce e canto al Centro Amazzone.

 “Siamo state qui 16 anni, qui dove Ernesto Basile nel 1903 ha progettato, la prima volta in assoluto, uno spazio di cura dedicato ad una patologia, la tubercolosi. Ne abbiamo colto la luce e l’aria in questo piano basso segnato da 35 finestre. Lo abbiamo fatto lanciando la sfida ad una cultura della malattia impossibile ad essere interpretata e gestita soltanto dalla Medicina ed abbiamo fatto incontrare qui, i saperi scientifici ed umanistici provenienti dal Mito, dalla Scienza, dal Teatro. Qui abbiamo parlato di corpo, di utopia, di cielo, di mare, di clorofilla, di fiori, di psiche, di miti, di dolore e di teatro, abbiamo ascoltato le voci di Antigone, Cassandra, di Ulisse, tra i mormorii delle cellule, dei Geni, di parole come radioterapia, chemioterapia, metastasi. Tra queste voci c’era anche quella del nostro Argo”. 

Dall’incontro odierno è emerso che, in forma temporanea L’Arnas Civico e il Comune di Palermo hanno messo a disposizione rispettivamente i locali dell’Oncologico e di Palazzo Palagonia. In queste sedi verranno portate a termine alcune attività rimaste in sospeso per la chiusura del Villino Basile di corso Alberto Amedeo.

È stata firmata inoltre una convenzione tra l’Arlenika e l’Arnas Civico per facilitare i percorsi di prevenzione.

Anna Barbera e Lina Prosa hanno sottolineato che il Centro Amazzone è un servizio multidisciplinare che va pensato come un’entità autonoma dall’ospedale che assicuri lo svolgimento di programmi umanistici e scientifici nello stesso contesto, rimanendo così un esempio di ospedale che va verso il paziente.

Sia il direttore generale dell’ARNAS-Ospedale Civico, Giovanni Migliore che il vice Sindaco di Palermo, Emilio Arcuri hanno assicurato un percorso di confronto per assicurare una prosecuzione delle attività del Centro Amazzone. È stato già fissato un prossimo incontro, per lunedì 18 gennaio alle 12.30, in cui verranno studiate delle ipotesi che risolvano i problemi legati sia alla sede permanente che al sostegno economico legato alle attività e alla funzionalità della struttura.

Allo studio un coordinamento di giornalisti, donne e uomini, che seguiranno l’evoluzione del dialogo aperto sul futuro del Centro Amazzone con il Comune e l’ARNAS Civico. Il coordinamento sarà curato dalla giornalista Marina Turco.

Al termine dell’incontro, Anna Barbera e Lina Prosa, hanno fatto un appello alla Città per una raccolta fondi che possa sostenere la ripresa delle attività del Centro Amazzone.

Nessun commento: