sabato 2 gennaio 2016

Corleone, il bilancio 2015 approvato l'ultimo giorno dell'anno: protesta l'opposizione!


CORLEONE - Sono servite due sedute negli ultimi due giorni dell’anno per approvare il bilancio di previsione per il 2015. Da premettere che il consiglio comunale era stato convocato su richiesta del sindaco Lea Savona in sessione urgente per il 30 dicembre. Come al solito, non sono mancate le polemiche da parte dell’opposizione per i tempi ristretti che non hanno consentito la presentazione di eventuali emendamenti. A ciò si è aggiunta la "tegola" dell’avvenuta nomina del commissario ad acta per l’approvazione dello stesso bilancio di previsione, decretata il 20 novembre dall’Assessorato Regionale delle Autonomie locali per la mancata approvazione nei termini previsti dalla normativa.
Clima rovente, quindi già nella prima giornata, dove a dominare la scena è stata la mozione di sfiducia al sindaco Lea Savona appena presentata. Sono stati evidenziati da parte dell’opposizione gli aspetti essenziali del corposo documento di diciotto pagine e non sono mancati i consueti scambi di vedute con toni accesi tra i vari consiglieri. Tra gli argomenti da trattare prima di arrivare alla votazione del bilancio, è spiccata la mancata approvazione dell’espressione di parere sul procedimento di fusione per incorporazione degli Istituti pubblici di assistenza e beneficenza “SS. Salvatore” e “Opera Pia Jolanda Canzoneri” perché alla proposta non era allegato il nuovo statuto e non era prevista la componente designata dal municipio nel consiglio direttivo. Ma l’ultimo giorno dell’anno, i consiglieri di minoranza hanno disertato l’aula in massa, consentendo il via libera al bilancio preventivo. “Il quarto bilancio di previsione della giunta Savona approvato l’ultimo giorno dell’anno: la negazione di qualsiasi programmazione” è il commento secco del Presidente del Consiglio comunale Stefano Gambino al termine della serata conclusiva. Ribatte Mario Lanza, vicesindaco e assessore al Bilancio: ”Abbiamo approvato lo strumento in ritardo a causa delle nuove regole che non ci hanno consentito di definirlo nei tempi previsti, ma registriamo il risultato positivo. L’auspicio è che entro la prossima primavera si possa già approvare il bilancio di previsione 2016”. Mario MidullaGiornale di Sicilia, 02.01.2016

Nessun commento: