Barra video

Loading...

mercoledì 9 settembre 2015

Expo: Cgil e Legacoop insieme per ricordare il sindacalista Bernardino Verro



La mappa di via B. Verro a Milano
(AGIELLE) - MILANO - La CGIL Lombardia parteciperà alle iniziative promosse a Milano dalla CGIL e dalla LEGACOOP di Palermo, in collaborazione con Milano EXPO 2015, la Cooperativa “Lavoro e non solo”, Slow Food e l’Associazione “Fior di Corleone, il 12 e 13 settembre 2015 in ricordo di Bernardino Verro, sindacalista, dirigente dei Fasci dei lavoratori siciliani, cooperatore e sindaco di Corleone, assassinato dalla mafia il 3 novembre 1915. Bernardino Verro fu un grande protagonista delle lotte a sostegno del movimento dei lavoratori agricoli e del movimento cooperativo siciliano contro lo strapotere dei grandi proprietari terrieri e la prepotenza dei mafiosi. La strada dello sviluppo nella legalità, tracciata da Bernardino Verro e dal movimento bracciantile, contadino e cooperativistico già alla fine dell’Ottocento e agli inizi del Novecento, mantiene ancora oggi una sua grande attualità, per offrire speranza di futur o alle g iovani generazioni.
Si pensi all’assegnazione delle terre e delle aziende confiscate alle mafie alle cooperative di lavoratori, per cui si batte la CGIL insieme alle associazioni. Bernardino Verro sarà ricordato alle ore 10 del 12 settembre, nella via che Milano ha voluto dedicargli per ricordare l’uomo e il rappresentante delle istituzioni. Insieme ai dirigenti siciliani della CGIL e del Movimento cooperativo ci saranno i dirigenti della Cgil di Milano e della Lombardia e della Legacoop lombarda. Al pomeriggio del 12 settembre dalle ore 17, dal palco centrale di EXPO, sarà ricordato il Verro sindacalista e cooperatore con la presenza, tra gli altri, di Franco Stasi della Segreteria della CGIL Lombardia. Nello spazio EXPO, saranno presentati i prodotti della coop “Lavoro e non solo”, che gestisce a Corleone alcuni dei beni (terre e fabbricati) confiscati alla mafia di Corleone, e dell’associazione “Fior di Corl eone&rdq uo;,  produttori che hanno deciso di fare “rete” per produrre e commercializzare nel rispetto dei valori etici del lavoro. (agiellenews.it)

Nessun commento: