Barra video

Loading...

venerdì 31 luglio 2015

Cosa si cela dietro a prostituzione di centinaia di ragazze nigeriane a Palermo?

La notizia del GdS delle prime indagini
sulla mafia nigeriana a Palermo
di NINO ROCCA
Ad uno sguardo superficiale ragazze in abiti succinti ed ammiccanti imparano a fare il mestiere più antico del mondo, vengono da uno dei tanti sperduti villaggio di Benin City, sono giovani e talvolta anche minorenni, ma hanno imparato ad atteggiarsi in modo provocatorio per catturare i clienti che passano dalla favorita o nel centro storico di Palermo con le loro macchine. Il cliente si ferma le adocchia e come in un mercato del sesso che si rispetti, sceglie la ragazza che, per le sue fattezze, gli sta più a genio.Le ragazze nel cuore della notte lungo il foro italico o al porto della Cala o lungo via Lincon, sono questi i posti a loro riservati, si avvicinano alle macchine che rallentano, sollecitano i clienti che indugiano a prenderle in macchina e così per tutta la notte o per tutto il giorno a seconda del turno loro assegnato, portano avanti l’industria del sesso che va a gonfie vele nonostante la crisi economica e la povertà che incalza.
Ma se ci fermiamo a riflettere sulla organizzazione che si assicura cospicui guadagni e come questa macchina infernale possa funzionare senza alcun problema apparente, scopriremo un mondo del quale pochi sanno o vogliono sapere.
 Circa 500 ragazze nigeriane vivono a Palermo in condizione di schiavitù, terrorizzate dalle loro maman si sono rassegnate a pagare il loro “debito” (dai 40.000 alle 100.000 euro) senza ribellarsi.
Ribellarsi significa per loro fuggire, dai loro carnefici, con il rischio per loro famiglie di origine di rappresaglie molto pesanti come l’uccisione di un loro fratello o la distruzione della casa paterna, o la persecuzione delle loro famiglie.
A tutto questo si aggiunge la paura e il terrore per le minacce che possano arrivare dal voodoo che ha trattenuto in ostaggio, durante il rituale a cui hanno partecipato, una ciocca di capelli  o altro  a loro appartenente.
Le ragazze sono prigioniere di una organizzazione potente che non scherza a cui si deve obbedire sino all’estinzione del debito.
Le ragazze affidate per gruppi di 4 o 5 e talvolta sino a 9 sono affidate alle “cure” di una maman.
Ma ci sono anche le mini-maman, coloro che non possono permettersi che una o due ragazze, che acquistano dai grossi mercanti del sesso e che gestiscono in proprio.
La maman è una donna esperta che, il più delle volte, è stata essa stessa una vittima. Riscattatasi dai suoi carcerieri dopo aver pagato il debito, ha intrapreso il ruolo di protettrice con l’avallo della confraternita.
La confraternita è una struttura verticistica composta a Palermo da non più di venti nigeriani di ambo i sessi.
Sono essi che gestiscono i grossi profitti e che vigilano sul comportamento delle ragazze, sono essi che intervengono quando ci sono “problemi”.
Sono essi che, in contatto con le altre confraternite di altre città o di altri paesi, riescono a spostare le ragazze da una città all’altra o da un paese all’altro.
Sono essi che instaurano rapporti con la malavita locale per concordare il luogo dove collocare le ragazze per strada o in appartamenti affittati.
Gli uomini e le donne della confraternita te li trovi dove meno te l’aspetti. Essi frequentano la chiesa, pregano con le loro vittime, godono di rispetto e di grande autorità presso la loro comunità.
La posta in gioco è alta, il profitto, soltanto a Palermo per l’industria del sesso è di circa 10 milioni di euro l’anno. Ma assieme al sesso spesso c’è anche la droga.
Negli ultimi anni la situazione va mutando. Molte ragazze sono costrette a prostituirsi non più per strada ma in “case chiuse”. Le case chiuse sono più di venti soltanto a Palermo.
Le ragazze costrette a vivere in un appartamento sono più controllate e non sono raggiungibili dalle unità di strada. Ma la cosa più preoccupante  è che le ultime arrivate sono sempre più giovani, 15 o 16 anni al massimo. Merce “fresca”, più appetibile per il mercato, più controllabili dalle carceriere, più manovrabili e obbedienti alle maman.
nino rocca

Nessun commento: