Barra video

Loading...

giovedì 30 luglio 2015

Corleone, è caos al comune!

Un'immagine della seduta del consiglio di ieri sera
Ormai è caos politico-istituzionale al Comune di Corleone. Un “tutti contro tutti” che non sta producendo nulla di buono. La parola più "serena" che si è sentita "volare" ieri sera in diretta TV è stata "bugiardo", detta dal presidente del consiglio comunale al vicesegretario generale e viceversa. Davvero un bel programma! E poi annunci di denunce penali dai carabinieri o (a scelta) dalla polizia. All'odg il ribasso della tassa sui rifiuti, proposta dai consiglieri di tutti i gruppi della commissione bilancio e finanze, resa possibile dalla diminuzione del costo del servizio (da gennaio ad oggi non sono più stati pagati i salari ai dipendenti ex Ato). Ma il presidente confessava di non avere né la proposta di delibera (il caposettore non l'aveva preparata) né il prescritto parere dello stesso caposettore e del collegio dei revisori. Quindi la proposta non poteva essere trattata. È allora perché ha deciso di portarla in consiglio?
Semplice - è stato il suo ragionamento - per far rilevare il colpevole ostruzionismo dell'amministrazione comunale e dei dirigenti del comune, che non hanno consentito che si elaborasse la proposta e si dessero i pareri per impedire che il consiglio comunale si prendesse il merito di avere abbassato la tassa sui rifiuti.
Non a caso – ha aggiunto il presidente - il sindaco aveva inviato una sua richiesta di riduzione della tassa rifiuti munita di tutti i pareri. Come dire: alla richiesta della commissioni niente pareri a quella del sindaco si. E il Presidente per far rilevare questo comportamento discriminatorio nei confronti del consiglio non ha inserito all'odg della seduta la proposta del sindaco pervenuta dopo quella della commissione.
E quindi? Basta, la seduta è tolta, ha concluso il presidente, che non ha consentito a nessuno dei presenti di intervenire. Subito dopo ha fatto notificare la convocazione di una nuova seduta per stasera alle 21,00 con all'odg la revisione delle tariffe TARI e l'aumento delle aliquote IMU, stavolta quella chiesta dal sindaco. C’è da scommettere che quella di stasera sarà una seduta “calda”.
Infantilismi e isterismi di una classe dirigente indegna di una città del prestigio di Corleone. Ma tant'è... L'unica soluzione sarebbe lo scioglimento e tutti a casa. Ma col divieto per tutti di ripresentarsi a s...governare la città. (Dp)

Nessun commento: