giovedì 7 maggio 2015

L'assessore alla sanità Lucia Borsellino: "La sospensione dal servizio di 15 veterinari dell'Asp di Palermo è un atto doveroso"

 “I provvedimenti assunti dall’Asp 6 di Palermo sono un atto doveroso nei confronti dei professionisti dell’Azienda sanitaria palermitana oggetto di inchiesta giudiziaria per gravi fatti lesivi dell’immagine della pubblica amministrazione e in particolare del servizio sanitario”. Cosi’ l’assessore regionale per la Salute, Lucia Borsellino, in riferimento ai provvedimenti adottati dal manager dell’Asp di Palermo che ha sospeso dal servizio quindici veterinari dell’Azienda sanitaria provinciale coinvolti in un’inchiesta della Digos. Tra i sospesi c’e’ anche il direttore del Dipartimento di prevenzione veterinaria, Paolo Giambruno, a cui la polizia di Stato ha sequestrato, proprio oggi, ulteriori beni per un ammontare di 800 mila euro. “Si tratta – aggiunge l’assessore Borsellino – di provvedimenti assunti sulla base di atti ufficiali da me richiesti e che hanno consentito l’adozione dei procedimenti conseguenziali da parte dell’Azienda. Bene ha agito il manager sulla base degli elementi in atto noti perchè per pochi non si macchi la credibilita’ del sistema”. Gli indagati devono rispondere a vario titolo di abuso d’ufficio, concussione, falso ideologico, truffa aggravata e commercio di sostanze alimentari nocive.

Nessun commento: