mercoledì 29 aprile 2015

Campo (Cgil): “È scandaloso che si scopra solo adesso che in treno è possibile percorrere la distanza Pa-Ct in meno tempo”

Il treno Palermo-Catania
La Regione da sempre ha preferito foraggiare  le autolinee private, che costano 160 milioni l’anno”
Palermo 29 aprile 2015 – “E’ positivo e scandaloso nello stesso tempo che si sia pensato solo ora a una tratta veloce Palermo-Catania sapendo da sempre che i 190 km che separano le due città in treno si possono coprire anche in meno di due ore. E’ scandaloso perché negli ultimi dieci anni lo abbiamo sempre chiesto e i governi che si sono succeduti  hanno preferito foraggiare, sull’autostrada che collega Palermo a Catania,  il trasporto su gomma di un gruppo ristretto di autolinee appartenenti a grandi famiglie siciliane, che ci costano 160 milioni di euro”.  A dichiaralo è il segretario della Cgil di Palermo, Enzo Campo, che aggiunge: “E’ drammatico che sia stato  necessario che un pilone di autostrada si incrinasse appoggiandosi a un secondo pilone per ottenere questo. Colpa, anche,  di una classe dirigente   afona che ha assecondato la decisione delle Ferrovie di non investire  più in Sicilia, perché non era produttivo. Adesso  si accelerino i lavori anche sull’altro asse importante, la Palermo-Messina, dove sono in corso le opere per il raddoppio della tratta tra Fiumetorto e Ogliastrillo e i lavori di raddoppio ferroviario della Cefalù-Castelbuono. Il primo dei due lotti è iniziato nel  2008 e ancora dopo 7 anni è stata realizzata  solo  metà dell’opera. L’altra opere dovrebbe partire a settembre”. 



Nessun commento: