Barra video

Loading...

sabato 28 marzo 2015

Angelo Provenzano, figlio del superboss Bernardo, si racconta ai turisti

Angelo Provenzano
Da alcuni mesi i viaggiatori di passaggio a Palermo incontrano il figlio del capomafia arrestato nel 2006 a Montagna dei cavalli
C'è lo psicologo, l'impiegato in pensione, il professore universitario, l'avvocato e l'ingegnere nucleare. Vengono dagli Stati Uniti. In genere sono over 60 e spesso viaggiano in coppia. Hanno denaro da spendere e di Palermo e della Sicilia vogliono conoscere tutto: luci e ombre. Una curiosità che non si ferma davanti alla contemplazione della cattedrale e delle sue guglie normanne, ai mercati storici o alla puntata in pasticceria per i cannoli. Ma va oltre, puntando al cuore di fenomeni, come quello mafioso, che spesso conoscono solo attraverso i film. Sono amanti del "turismo controverso", così si chiama, e per loro un tour operator di Boston ha pensato a un pacchetto originale: "vitto, alloggio, visite guidate e ... incontro col figlio del boss".
Così, da settembre, da ogni parte degli Usa, a gruppetti di 15 arrivano alla spicciolata a Palermo, una delle tante tappe del loro viaggio nell'Isola, e si trovano faccia a faccia con Angelo Provenzano, 39 anni, figlio maggiore di Bernardo, storico capomafia di Corleone da anni al carcere duro. Quasi intimiditi, si siedono in cerchio. Viene consegnato loro una sorta di opuscolo con le tappe salienti della storia di Cosa nostra. Segue una breve introduzione, un sunto delle cronache più o meno recenti, fatto da uno degli organizzatori. I turisti ascoltano in religioso silenzio. E attendono che arrivi Provenzano. Il figlio del boss parla un'oretta. Per lo più in inglese, raramente tradotto. E racconta la sua vita, gli anni di latitanza col padre, il rientro a Corleone, adolescente, il rapporto con una figura che gli ha condizionato passato e presente e che grava come un macigno anche sul suo futuro.

Al termine dell'intervento gli americani non smettono di fare domande. Che infanzia ha avuto, che padre è stato il suo, come si conciliava la religiosità professata con la vita criminale, cosa si attende dal domani. Angelo Provenzano risponde a tutti. E nelle sue risposte non c'è l'ombra della ritrosia e della cautela che si sentono, forti, nelle rarissime interviste rilasciate ai media. "Confrontarmi con una cultura diversa dalla nostra e scevra da pregiudizi mi pare un'avventura molto stimolante". E il punto è proprio quello, i pregiudizi. Perché l'approccio del turista del Wyoming, dell'Alabama o del Texas, per cui il capomafia ha solo il volto caricaturale del don Vito Corleone impersonato da Marlon Brando, non può essere quello di chi ha vissuto le stragi, ha visto i morti per strada e ha subito la prepotenza mafiosa. E' per questo che, quasi si trattasse di una seduta psicanalitica, spesso un turista si alza in piedi e dice al figlio del boss che no, non è giusto che le colpe dei padri ricadano sui figli. E gli propone una soluzione semplice e molto americana: cambiare identità

 e sparire, lasciandosi tutto alle spalle. Per Provenzano, però, evidentemente le cose non sono così semplici. "Per me - spiega - si tratta di una opportunità lavorativa importante in un settore, quello turistico, nelle cui potenzialità ho sempre creduto". Parole tirate fuori a forza da chi eviterebbe volentieri i riflettori. "Vorrei una vita più normale possibile - dice -  Ma mi rendo conto che non c'è speranza".
La Repubblica_Palermo, 28 marzo 2015

SEN. GIUSEPPE LUMIA: "Questa notizia ha dell'incredibile. E' solo apparentemente innocua. Oltre a raccontarsi ai turisti il figlio di Provenzano potrebbe trovare un po’ di tempo per dire ai magistrati dove si trovano le ricchezze accumulate dal padre e chi le amministra”. Lo dice il senatore del Pd Giuseppe Lumia, componente della Commissione parlamentare antimafia, commentando la notizia secondo la quale il figlio del boss Bernardo Provenzano incontra i turisti per raccontare la sua vita e il suo rapporto col padre.

DINO PATERNOSTRO: "Non so cosa racconta Angelo Provenzano ai turisti. Non credo però che riveli le inaudite ferocie perpetrate da Cosa Nostra e da un boss feroce come suo padre, non a caso soprannominato "Binnu u tratturi". Temo che le sue performance alimentino quegli eroi negativi, che riducono drammaticamente la percezione della pericolosità del fenomeno mafioso in Italia e nel mondo. È molto grave che tour operator americani, in nome della maledetta convinzione che "business is business", sacrifichino etica e buon senso. Perché ai turisti non la fanno raccontare dai familiari delle vittime di mafia la vera storia di Cosa Nostra?"...



Nessun commento: