sabato 28 febbraio 2015

Il monachesimo italo-greco in Sicilia nel libro di Stelladoro

Pubblichiamo l’introduzione dell’interessante libro di Maria Stelladoro “S. Silvestro monaco e il monachesimo italo-greco in Sicilia in Calabria nei secc. IX-XIII d.c.” (Editrice CNX, Roma 2014, € 13,00). Stelladoro, docente di lettere classiche, è specialista in paleografia e codicologia greca presso la Scuola Vaticana di Paleografia, Diplomatica e Archivistica. È studiosa di agiografia greco-latina per la quale ha all’attivo numerose pubblicazioni scientifiche. Ha curato la voce “Leone Luca di Corleone, monaco basiliano. Domani, 1° marzo, è la festa di San Leoluca, patrono di Corleone. In questa occasione, pubblichiamo anche la parte del libro dedicata a questo santo così caro alla città di Corleone. Ringraziamo la prof.ssa Stelladoro per averci autorizzato la pubblicazione di questi estratti del suo libro (d.p.).

di MARIA STELLADORO
Il monachesimo italo-greco in Sicilia è stato «il lievito prima di divenire il reliquiario delle tradizioni bizantine». Esso, infatti, ebbe la sua massima fioritura nel Meridione d’Italia tra i secc. IX-X/XI dando vita a quell’agiografia nella quale operarono santi siciliani, che, come ricordava la compianta Enrica Follieri, costituiscono «un capitolo nuovo dell’agiografia italogreca».
Propagarono tale monachesimo alcuni santi monaci esuli dalla Sicilia islamica per vari motivi, fra i quali l’esigenza di sfuggire alla dominazione musulmana e raggiungere terre cristiane per praticarvi con più tranquillità l’ascesi e vivere la propria fede liberamente. Tuttavia non bisogna trascurare altre cause, come ad es. le conseguenze economiche di tale conquista: la conseguente crisi economica, la carestia e gli eventi luttuosi che colpirono la Sicilia islamica di quel periodo; la profonda predilezione, tipica del monachesimo bizantino, per la vita eremitica ed itinerante. Infatti tali monaci erano un poco cenobiti, un poco eremiti, forse più eremiti che cenobiti: l’esodo sarebbe stato motivato proprio dalla ricerca di quella quiete indispensabile per la vita ascetica. Infatti i santi monaci italo-greci dei secoli IX-X/XI, erano dei santi eremiti piuttosto indipendenti, carismatici, poco inclini a sopportare la vita di comunità, non tanto perché impediti dalle continue scorrerie saracene, quanto perché desiderosi di vivere in solitudine, in contemplazione e in ascesi durissima. Non si può fissare una netta demarcazione fra le varie forme di vita del monachesimo orientale dal momento che il monaco di un monastero cenobitico può lasciare il convento e condurre, poco lontano, in una grotta o in una caverna, in prossimità di un monastero, dal quale l’anacoreta dipende, vita ascetica per rientrare in seguito nel cenobio, come Saba o Macario di Collesano.
La storia culturale del monachesimo ellenofono nell’Italia Meridionale attesta pure una presenza assai precoce della normativa studita, come ad es. nel fatto che Fantino e Nilo sottopongono Stefano, discepolo di quest’ultimo, a una delle prescrizioni dell’ uJpotuvpwsi" studita: il monaco Stefano, colpevole di avere rotto una pentola nell’esicasterio, è invitato nel cenobio per restare in piedi nel refettorio con i cocci appesi al collo. Queste agiografie, pur delineando un itinerario monastico cenobitico, non recano, tuttavia, modelli di santità che svalutano l’esperienza eremitica, né sono sfavorevoli alla taumaturgia, tipica dell’esichia, e diffidente invece all’agiografia studita. Tali testimonianze agiografiche non presentano i caratteri topici dell’agiografia di ispirazione studita e in questa prima fase di rinnovamento cenobitico il monachesimo italo-greco, nella sua insopprimibile tensione verso l’esichia, è stato più studita nelle forme esteriori che non nello spirito: ad es. il fatto che l’igumeno fosse solito vivere in esichia (tratto, questo, tipicamente pre-studita) sarebbe sintomatico di un’endemica refrattarietà al massimalismo cenobitico propugnato dall’igumeno di Stoudios.
Le scelte di vita di tali monaci italo-greci oscillano quindi tra eremitismo e cenobitismo: due forme da mettere forse in relazione con le incursioni dei Saraceni, che avrebbero provocato la fuga dei monaci nelle regioni più interne? Anche se colpisce come il minaccioso Leitmotiv delle vite dei santi monaci italo-greci, vissuti tra i secc. IX e X/XI, sia costituito dalle scorrerie saracene, tuttavia questa ricerca di luoghi lontani dall’indiscrezione umana ci sarebbe stata anche se non ci fossero state le incursioni dei Saraceni, in quanto antica e secolare vocazione dei santi monaci, che risaliva addirittura ai Padri del deserto.
E’ pure vero che una persecuzione sistematica vera e propria in Sicilia non ci fu e che, entro certi limiti, tollerati dalla legislazione, negli stati musulmani, in Sicilia fu rispettata la libertà di culto, che permise al cristianesimo di sopravvivere pur lottando. Ciononostante nei secc. IX-X/XI la condizione di sconvolgimento della Sicilia sotto il dominio musulmano era tanta e tale da indurre questi monaci, spronati dalle tribolazioni del momento, ad una profonda meditazione sui sentieri di Dio e ad incitarli ad un più rigido ascetismo nella Calabria, facendone appunto una nuova Tebaide,  dove si accorreva anche dall’Egitto.
Un comune tovpo"  agiografico di alcune Vitae di questi santi monaci italo-greci (secc.IX-X/XI) è costituito dal medesimo schema biografico (origine siciliana, fuga dall’isola, approdo in Calabria, fondazione di un cenobio) e dall’iniziazione alla vita monastica nel monastero basiliano di S. Filippo di Agira. Per alcuni monaci italo-greci, un altro tovpo" agiografico è nella presenza di un cenobiarca e/o asceta più o meno noto, come ad es.: Cristoforo (maestro di Leone Luca di Corleone), Ignazio, Arsenio e Cosma (maestri di Elia di Reggio), (maestro di Cristoforo e Saba di Collesano), Giovanni e Zaccaria (maestri, assieme a Fantino, di Nilo di Rossano al Mercurion), Giovanni, vescovo di Stilo (maestro di Giovanni Teriste o Terista), Anania (maestro di Nicodemo da Kellàrana?), Oreste (maestro di Filareto il Giovane), Cirillo e Biagio (maestri di Bartolomeo di Simeri), Elia (maestro di Fantino il Giovane).
Segue uno schema fisso l’agiografia di alcuni di questi santi monaci (secc. IX-X/XI), quali ad es.: Leone Luca di Corleone, Elia di Enna, Elia lo Speleota (nato fuori dell’Isola: a Reggio Calabria ma che ebbe contatti con la Sicilia), Luca di Armento, Vitale di Castronuovo, Cristoforo di Collesano e i suoi figli Macario e Saba, Nicodemo da Kellàrana.
Parlare di loci communes non nega l’interesse che possono assumere; anzi sono di particolare rilievo, in quanto contribuiscono a definire significativamente l’ideale di santità che l’agiografo intende proporre.
Eppure, queste Vitae sono diverse tra loro per lo spessore culturale, la struttura narratologica e la qualità della scrittura, né è riscontrabile in esse un sostrato comune di mentalità e di referenti culturali. Ad es. la Vita di s. Elia di Enna è ancora influenzata dai precedenti modelli narrativi e segue un’antica tradizione che dalla biografia greca al romanzo di Apollonio di Tiana, alle Vitae agiografiche greche e latine, rappresenta il santo (=l’uomo di Dio) quale instancabile fautore di miracoli e depositario di una saggezza sovrumana.
Quanto alla lingua, alcune di queste Vitae le possediamo, allo stato attuale delle ricerche, solo in lingua latina: come ad es. quella di Leone Luca di Corleone (BHL 4842), di Luca di Armento (BHL 4978) e di Vitale di Castronuovo (BHL 8697); altre, invece, si sono conservate in lingua greca, come ad es. quelle composte da Oreste patriarca di Gerusalemme per il gruppo familiare di Cristoforo da Collesano, della moglie Kalì e dei loro due figli Saba e Macario (BHG 312, BHG 1611), quella di Elia di Enna (BHG e Novum Auctarium 580), quella di Elia lo Speleota (BHG 581).

Nessun commento: