mercoledì 4 febbraio 2015

Al Presidente della Repubblica Mattarella gli auguri dell'ANPI nazionale e di Palermo


Il Presidente Mattarella alle fosse ardeatine
Signor Presidente, siamo lietissimi che sia stato eletto un Presidente così rappresentativo dei valori fondamentali in cui fermamente crediamo. Le auguriamo sinceramente buon lavoro, nell’interesse della collettività nazionale e  della giustizia sociale. Le assicuriamo che nell’impegno per i diritti, per la Costituzione e per la democrazia, contro la corruzione, contro la criminalità organizzata e contro ogni forma di razzismo, di neofascismo e di violenza, Ella troverà sempre al Suo fianco la nostra Associazione, fedele ai valori della Resistenza e della Costituzione repubblicana. 
Con sinceri rallegramenti e vivissima, rispettosa cordialità,  
Prof. Carlo Smuraglia 
Presidente Associazione Nazionale Partigiani d’Italia

 ***
L’ANPI di Palermo “Comandante Barbato” fa propri gli auguri sinceri di buon lavoro al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella inviati da Carlo Smuraglia Presidente nazionale dell’ANPI.
Apprezziamo la profondità e sincerità delle semplici parole rivolte alle difficoltà e alle speranze dei cittadini della Repubblica. Sobrietà alla quale ci ha disabituato la politica spettacolo di questi anni. Ma anche il significativo profondo momento del suo primo atto, la visita vera e sentita alle fosse Ardeatine.
Abbiamo conosciuto il Presidente Mattarella professore all’Università di Palermo e Presidente dell’Opera Universitaria nel periodo dei movimenti negli atenei per la democrazia e il diritto allo studio. Per noi Sergio Mattarella resta legato a due momenti nodali della storia italiana: quello dell’assassinio di Aldo Moro nella Roma dei servizi segreti e di Gladio e quello dell’assassinio  a Palermo del fratello Pier Santi Presidente della Regione siciliana, legato a Moro, nel pieno del periodo delle stragi. Non abbiamo potuto fare a meno di pensare di fronte all’immagine del Presidente solo e assorto di fronte alle bare delle vittime della barbarie nazifascista che il suo pensiero corresse al fratello vittima della stessa barbarie che in qualche modo vuole cancellare la certezza della democrazia e della libertà.
Buon lavoro Presidente.
 L’ANPI di Palermo - Comandante Barbato 
Ottavio Terranova     Angelo Ficarra

Nessun commento: