Barra video

Loading...

mercoledì 30 aprile 2014

CORLEONE. LA DISCARICA ABUSIVA E GLI ASSESSORI BUGIARDI...

La discarica ... panoramica...
Ieri sera in consiglio comunale, di fronte alle dure critiche mie e dell'intero gruppo del PD sullo stato del parcheggio accanto al cimitero, ridotto ad una maleodorante discarica abusiva, l'assessore Calogero Di Miceli con una faccia tosta incredibile ha detto che tutto era stato ripulito e non c'erano più rifiuti. Ho assunto l'impegno di andare subito al cimitero per smentirlo in diretta. L'ho fatto stamattina ed ecco quello che ho fotografato! Vergogna! Ci vuole coraggio a mentire in maniera così spudorata. Ma ce ne vuole ancora di più a non muovere un dito per impedire che tutte le periferie della nostra città siano ridotte a micro discariche abusive. Fate qualcosa, se ci riuscite! Oppure andare a casa... (d.p.) GUARDA L'ALBUM FOTOGRAFICO...

martedì 29 aprile 2014

Palermo. “Asp in piazza” Castelnuovo: afflusso costante nel villaggio della salute: sono state 4.205 le prestazioni erogate agli utenti

Il Presidente Crocetta col dott. Candela e gli operatori
Un afflusso costante, continuo lungo tutto l'arco della giornata. Un afflusso iniziato già alle 8.30 e che ha indotto gli operatori ad anticipare alle ore 9 l'apertura degli ambulatori di “Asp in Piazza” Castelnuovo.
La risposta dei palermitani all'undicesima tappa della manifestazione itinerante dell'Azienda sanitaria provinciale è stata numerosa ed entusiasta. L'iniziativa organizzata nel centro città di Palermo ha fatto registrare ben 4.205 le prestazioni di cui 2.528 relative allo screening diabetologico e dei fattori di rischio cardiovascolari. “Siamo pienamente soddisfatti della risposta dei palermitani che hanno dimostrato di apprezzare una manifestazione che ha lo scopo di portare la sanità tra la gente – ha sottolineato il Commissario straordinario, Antonino Candela – tutti gli ambulatori hanno lavorato a ritmo continuo garantendo un altissimo numero di prestazioni. La presenza massiccia della gente ci ha indotto ad andare ben oltre le 17, orario di chiusura fissato in precedenza. Sicuramente ripeteremo a breve un'iniziativa che, di giornata in giornata, ci conferma che la gente vuole fare prevenzione ed apprezza di farla a due passi di casa e in luogo centrale come la piazza”.

Il 1° Maggio a Portella per il lavoro e contro la precarietà

Il 1° maggio a Portella: alle 9.30 alla Casa del Popolo di Piana concentramento e partenza del corteo. E poi  comizio a Portella. Parlano il segretario Cgil di Palermo Maurizio Calà e il segretario nazionale della Slc Cgil Massimo Cestaro: al centro il tema del precariato nei call center. Il segretario Cgil di Palermo Calà: “Verità sulla strage di Portella. Accogliamo positivamente l’invito del premier Renzi di togliere il segreto di Stato sugli atti che riguardano le stragi d’Italia ancora impunite” 
Palermo 29 aprile 2014 - «Verità sulla strage di Portella della Ginestra». In occasione della festa del Primo maggio che come ogni anno si terrà a Piana degli Albanesi con un corteo e un comizio sul luogo della strage,  il segretario della Cgil di Palermo Maurizio Calà, in risposta all’invito del premier Matteo Renzi di togliere il segreto di Stato sulle stragi impunite d’Italia,  chiederà di fare luce sull’eccidio del 1 maggio 1947  a Portella.

Verso il 1° Maggio. Il mondo della cultura contro il precariato

Attori, musicisti, ballerini: il mondo della cultura in campo contro il precariato nel settore delle comunicazioni. Domani (ore 17)  iniziativa della Slc Cgil palermo al teatro Dante.   
Palermo 29 aprile 2014 -  La Slc Cgil,  con tutto il comparto della cultura e della conoscenza,   accende i riflettori sul precariato. Domani  alle ore 17,  presso il Cinema Teatro Dante di  Piazza Lolli, si svolgerà un'iniziativa dal titolo “La coscienza dei propri mezzi contro il precariato”. Una mobilitazione che avrà un seguito il Primo Maggio a Portella: la festa del lavoro di Piana, con la presenza dei vertici nazionali della Slc Cgil, sarà infatti dedicata ai precari del settore delle comunicazioni, a partire dalle migliaia di operatori dei call center. Domani a tenere la relazione introduttiva sarà il segretario SLC CGIL di Palermo, Maurizio Rosso. Interverranno Vincenzo Guarrasi, docente di Culture e Società, presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli studi di Palermo;  l'attore e regista Giuseppe Moschella, gli artisti del Brass Group, l'attrice Emanuela Mulè, la compagnia di ballo di Marcello Carini, il musicista Marcello Mandreucci, l'attore e regista Valerio Strati. Vi saranno, inoltre, il segretario generale CGIL Palermo, Maurizio Calà, e il segretario generale SLC CGIL, Massimo Cestaro. Sarà presente anche il  Centro Studi Pio La Torre, col presidente Vito Lo Monaco, che presenteranno la rappresentazione teatrale “Mezzo secolo,  breve storia dell'Italia degli ultimi cinquant'anni”.


Portella della ginestra oggi...

DINO PATERNOSTRO
A Portella, 67 anni fa, è stata consumata la prima strage dell'Italia repubblicana. Le sentenze giudiziarie indicano nel bandito Giuliano l'unico colpevole di quella nefandezza. Non è possibile, non ci crediamo. Insieme al bandito di Montelepre c'erano sicuramente i mafiosi al soldo degli agrari. E non è improbabile che ci fossero anche pezzi di servizi segreti italiani e stranieri. Allora, l'Isola doveva a tutti i costi restare nella sfera di influenza occidentale e bisognava fermare l'avanzata della sinistra (dei comunisti in particolare) a tutti i costi. Per questo la Cgil chiede che si faccia luce su quella terribile strage, andando oltre le verità superficiali e di comodo. Col libro che abbiamo presentato lunedì scorso a Piana degli Albanesi abbiamo voluto sottolineare proprio questo: il valore della memoria e la necessità di avere verità e giustizia!

Operazione “Benny 3”: arrestati prestanome di boss tra Partinico e Borgetto

Gli arrestati dell'operazione "Benny 3"
All’alba di ieri un’imponente operazione antimafia condotta dai carabinieri della compagnia di Partinico (Palermo) ha arrestato alcuni prestanome di boss mafiosi. Sono stati 40 i carabinieri impegnati tra Partinico e Borgetto, supportati dall’alto da un elicottero. Le indagini sono  state coordinate dalla Dda di Palermo e documentano come “uomini vicini a  organizzazioni mafiose – spiegano gli inquirenti – al fine di eludere  le leggi in materia di prevenzione patrimoniali, hanno attribuito fittiziamente a terzi la titolarità di beni aziendali e finanziari  dell’impresa di Borgetto ‘Euro calcestruzzi” di Filippo Scrozzo &c.  snc, sottoposta a sequestro per un valore di 400 mila euro.

La Torre e Salvo, 32 anni dopo: cerimonia con Bindi e Crocetta

Pio La Torre
Mercoledì dalle 9 si terrà davanti la lapide di via Li Muli (piazza Turba) a Palermo la manifestazione per il 32° anniversario dell’uccisione di Pio La Torre e Rosario Di Salvo. Iniziativa promossa e organizzata dal Centro Studi di Palermo e dal Comune di Palermo con l’adesione del Partito Democratico e di Sel. Le foto restaurate della lapide, grazie al Comune di Palermo, saranno scoperte alla presenza dei cittadini, degli studenti e delle più alte rappresentanze istituzionali e politiche.

La strage dei minatori italiani che Rockefeller cancellò con l’arte

L’anniversario. Cento anni fa uno sciopero in Colorado veniva represso nel sangue: milizie private e guardia civile aprirono il fuoco sugli operai e le loro famiglie. Dopo il massacro di Ludlow il miliardario divenne mecenate per rifarsi un'immagine
Difficile bollarli come sovversivi comunisti: Giuseppe Petrucci aveva quattro anni, la sorellina Lucia due, il piccolo Francesco solo quattro mesi. E il loro omicidio, che non poteva esser spacciato per il prezzo necessario a domare i minatori in sciopero, colpì l’America come una scudisciata. E obbligò il potentissimo John D. Rockefeller a tentare di rifarsi una faccia puntando tutto sulla neonata Fondazione Rockfeller. Che avrebbe dato vita al MoMa, il museo di arte moderna.

lunedì 28 aprile 2014

A due settimane dall'anniversario dell'assassinio di Peppino Impastato: il programma



Mancano due settimane al 9 maggio, che rappresenterà il 36° anniversario dell'assassinio di Peppino. Con questa lettera vogliamo invitarvi a partecipare alle iniziative che abbiamo programmato a Cinisi unitariamente con il Forum Sociale Antimafia. Il programma, inizierà il giorno 8 e si concluderà domenica 11 maggio, proponendo anche in questa occasione, momenti di dibattito, di impegno sociale e di cultura. Il giorno 9 maggio al termine del corteo ci sarà la IV edizione del premio Musica e Cultura e anche quest'anno verrà celebrata la III° veglia di preghiera "Sulla legalità e la giustizia sociale" a cura dell'Azione Cattolica di Cinisi e presieduta da S.E. Michele Pennisi Vescovo di Monreale. La veglia avrà luogo l'8 maggio, alle ore 21.00 presso la chiesa Redemptoris Mater di Piano Peri. Casa Memoria sostiene questa iniziativa e la famiglia Impastato sarà presente alla veglia. Fra le novità di quest'anno vi segnaliamo la prima edizione del premio fotografico"Peppino Impastato - Musica e Cultura" che scadrà il 5 maggio e sarà assegnato la sera del 9 maggio. Con la speranza di poterci incontrare numerosi a Cinisi, un caro saluto.
Giovanni Impastato
Ecco nel dettaglio il programma concordato con il Forum Sociale Antimafia.

domenica 27 aprile 2014

Calcio. Battuta 2-1 la "Città di Agrigento": il Corleone è salvo!

Un'azione di gioco sotto la porta del Città di Agrigento
CORLEONE  2
CITTA’ DI AGRIGENTO 1
CORLEONE:  Soltani, Tinnirello, Sciarrino, Cardella, Ferrante, Sparacino, Lipari (46’s.t. Sammaritano), Ringo, Verardo (40’s.t. Cuccia), Passiglia, Ardore (30’s.t. Chiego).
CITTA’ DI AGRIGENTO: Fundarò, Indelicato, Costa, Celani, Ciulla, Tilaro (18’s.t. Agozzino), Bonvissuto, Curella (38’s.t. Sferrazza), Ellouzi, Cannizzaro (8’s.t. Callea), Desiri.
ARBITRO : Signor Ignazio Crescenti di Trapani.
RETI: 21’s.t. Lipari – 23’s.t. Ellouzi – 32’s.t. Passiglia.
NOTE: Ammoniti Ferrante, Verardo (C) Costa, Bonvissuto, Curella, Ellouzi (A); espulsi Costa (A), Vedda (A) e Calì (C) dalla panchina.
GUARDA L'ALBUM FOTOGRAFICO

La squadra è salva, ma che ne sarà del calcio a Corleone?

La gioia dei ragazzi del Corleone dopo la vittoria-salvezza
Finalmente l’incubo è finito. Con una grande prova di carattere il “nuovo” Corleone ha ritrovato lo spirito del girone d’andata e la vittoria. A febbraio, quando veleggiavamo in zona play-off, nessuno pensava che saremmo stati costretti a guardare in faccia l’inferno dei play-out. Invece è successo. Per mille ragioni, ma anche per quel pizzico di sfortuna, che ci ha impedito di conquistare quel punto in più capace di darci la salvezza senza soffrire in questo modo. Però non tutti i mali vengono per nuocere: le difficoltà ci hanno spinto a serrare le fila, a tirare fuori grinta, carattere e orgoglio e a sfoderare una gara maiuscola contro una forte Città di Agrigento.
GUARDA L'ALBUM FOTOGRAFICO

Il nuovo assessore all'energia Salvatore Calleri: "Credo nell'antimafia di Rosario. Il cerchio magico non esiste"

Salvatore Calleri
di Accursio Sabella 
e Chiara Billitteri 
Marino, la mafia, l'eolico e Confindustria. Intervista al nuovo assessore all'Energia Salvatore Calleri: "Non sono un signorsì, ma sono qui per seguire il programma del presidente".
PALERMO - "Sono un assessore-blogger, un politico anomalo prestato alla tecnica". Salvatore Calleri è in maniche di camicia. Cravatta azzurra, look "giovane". Perfettamente in sintonia col "renzismo" dominante. "Dei toscani ho il sarcasmo, l'ironia. Più simile a quella dei catanesi che dei palermitani", spiega il nuovo responsabile in giunta dello scottante settore dell'Energia e dei rifiuti. "C'è molto da fare, mi farò aiutare da una squadra di esperti. Sono per il 'fare', mentre spesso mi tocca ascolta qualche 'supercazzola'".

Democrazia e rappresentanza

Stefano Rodotà

Quale altra parola adoperare se non autoritarismo quando il Parlamento è minacciato di continuo di essere “mandato a casa”?
 di Stefano Rodotà
DA ANNI è aperta una riflessione critica sulla democrazia che giunge fino a certificarne la sostanziale scomparsa. Parole nuove e vecchie s’intrecciano: postdemocrazia e controdemocrazia, iperdemocrazia e ultrademocrazia. Si indagano le ragioni che hanno dato origine a quello che Jacques Rancière ha definito «l’odio per la democrazia» o che, meno radicalmente, Carlo Galli chiama «il disagio» della democrazia.
È il tempo del disincanto? Certo è che oggi ben pochi sarebbero disposti a dire che «i mali della democrazia si curano con più democrazia», che è stata la bussola indicata da T. B. Smith agli americani e che, comunque, rimane un ammonimento a non abbandonarsi alle semplificazioni, a non cedere alla tentazione di liberarsi dei problemi impoverendo la democrazia, riducendola ad un involucro sempre più misero nei contenuti.

Partecipa al concorso fotografico "Cuore Bianco"

Pastori maremmani
Con alcuni amici appassionati della razza pastore maremmano abruzzese abbiamo indetto un concorso fotografico dal nome “cuore bianco”. Ogni settimana si vota la miglior fotografia che sarà stampata su un calendario per il 2015. Lo scopo è quello di raccogliere fondi per i canili ed i rifugi in difficoltà. Diverse testate giornalistiche in tutta Italia si sono già occupate di noi, il concorso sta riscuotendo un grosso successo, nella sola prima settimana di marzo sono arrivate oltre 350 fotografie.  
Floriana Cascio di Corleone
Di seguito elenco tutti i link dove reperire e vedere qualsiasi informazione utile:

Piana degli Albanesi: un interessante libro su Portella delle ginestre


sabato 26 aprile 2014

Porcasi per i due Papi Santi...

La tela dedicata a Giovanni Paolo II e a Papa Giovanni XXIII dal maestro Gaetano Porcasi...

Palermo ricorderà Pio La Torre nel 32° anniversario del suo assassinio

il 30 aprile 2014 dalle ore 9 si terrà davanti la lapide di via Li Muli ( presso Piazza Gen. Turba) di Palermo la manifestazione per il 32° anniversario dell’uccisione di Pio La Torre e Rosario Di Salvo. Saranno presenti delegazioni di studenti italiani che hanno seguito il Progetto Educativo Antimafia del Centro Studi “Pio La Torre” e le massime autorità istituzionali della Regione. Concluderanno la manifestazione Leoluca Orlando - Sindaco di Palermo, Rosario Crocetta – Presidente Regione Sicilia, Rosy Bindi – Presidente Commissione Nazionale Antimafia. Alle ore 17,00 dal Teatro Dante, piazza Lolli, Palermo. Spettacolo teatrale  dal titolo "Mezzo secolo breve - storia dell'Italia degli ultimi cinquant'anni vista, cantata e raccontata", a cura dei ragazzi del Liceo Vittorio Emanuele II di Palermo con la regia di Roberto Lopes, maestro di coro Alba Lizio e infine in collaborazione con la CGIL di Palermo, a cura della SLC CGIL Pa, sarà presentato "La Coscienza contro il precariato".

“Asp in piazza”, a Palermo: visite mediche gratuite

Prevenzione, screening oncologici, visite specialistiche, servizi all’utenza e microchippatura dei cani. Grazie alla collaborazione con il sindaco Leoluca Orlando, ”Asp in Piazza” fara’ tappa martedi’ prossimo a Palermo. Dalle 10 alle 17 ci sara’ la possibilita’ di usufruire gratuitamente di una lunga serie di prestazioni.Saranno 5 i camper e 22 i gazebo che stazioneranno a Piazza Castelnuovo per una giornata all’insegna della prevenzione. In quello che sara’ un vero e proprio “Villaggio della salute” la gente avra’ la possibilita’ di effettuare gratuitamente visite specialistiche ed esami diagnostici, ma anche di chiedere l’esenzione ticket per reddito (agli over 65) o cambiare il medico di famiglia.

Faccia da mostro intervistato da “Servizio Pubblico”: "Non c'entro nulla, mai stato 007"

"Faccia da mostro"
Per anni si sarebbe aggirato come un'ombra nella Palermo delle stragi e degli omicidi eccellenti, ma lui smentisce tutto.
ROMA - I pentiti lo chiamavano "faccia da mostro", per quel volto sfigurato da una fucilata. Per anni si sarebbe aggirato come un'ombra nella Palermo delle stragi e degli omicidi eccellenti: dal fallito attentato dell'Addaura alla strage di via D'Amelio, fino all'omicidio del poliziotto Nino Agostino e di sua moglie incinta. Per la prima volta parla davanti alle telecamere, svelando il suo volto, il presunto sicario a disposizione di mafia e apparati deviati dello Stato: in un'intervista esclusiva di Walter Molino trasmessa a Servizio Pubblico Più di Michele Santoro, in onda stasera alle 21 su La7.

La festa della "Liberazione" appartiene anche ai siciliani!

La manifestazione per il 25 aprile di oggi a Palermo
Non è vero - come qualcuno si attarda a sostenere - che il 25 aprile non appartiene ai siciliani perché non hanno fatto la resistenza. In Sicilia non c'è stata lotta partigiana, ma tanti siciliani (oltre 4.000) hanno partecipato alla resistenza al Nord, dove si trovavano al fronte. Alcuni di essi ebbero anche ruoli importanti di direzione della lotta partigiana, a cominciare da Pompeo Colajanni, il comandante "Barbato", liberatore di Torino. Per continuare con Placido Follari, il comandante "Otello", che combattè in Emilia Romagna, lungo il fiume Pò, dove riuscì a bloccare con i suoi uomini i tedeschi per diverse ore. Il comandante Otello l'ho incontrato proprio stamattina a Palermo, nel corso della manifestazione per ricordare ancora una volta il 25 aprile. Ed io, segretario della Camera del lavoro di Corleone, non posso non ricordare tra i partigiani il corleonese Placido Rizzotto, che fu partigiano in Carnia e poi segretario della Cgil a Corleone, fino al 10 marzo 1948, quando fu sequestrato ed assassinato dalla mafia. GUARDA L'ALBUM FOTOGRAFICO DELLA MANIFESTAZIONE PER IL 25 APRILE DI OGGI A PALERMO

Sicilia, a breve partiranno i primi cantieri di servizio: 4 a Corleone

I comuni dove partiranno i cantieri. A Corleone
ne sono stati finanziati ben quattro!
Partono i primi cantieri di servizio; l’Assessore regionale Giuseppe Bruno comunica che il Dipartimento regionale Lavoro ha già ultimato la relativa istruttoria e sono pronti per l’avvio i primi 57 progetti esecutivi di cantieri di servizio elaborati da  27 comuni dell’Isola (tabella di seguito elencata).
Tali interventi, che sono già finanziabili, partiranno nei prossimi giorni e consentiranno di avviare al lavoro le prime 700 unità di operatori, che percepiranno una media di 700 euro mensili, per attività di collaborazione con   gli operatori specializzati delle Amministrazioni Comunali per la sistemazione del verde pubblico, la vigilanza nelle scuole, la pulizia di strutture pubbliche. Si tratta di una prima tranche di un piano che interesserà tutti i Comuni della Sicilia impegnando circa 20.000 unità con un investimento finanziario di 50 milioni di Euro.

giovedì 24 aprile 2014

Giuliana, è "guerra" in paese per il Crocifisso della pioggia!

Il Crocifisso di Giuliana, scultura lignea
cinquecentesca, su croce 
di diaspro
di ANTONINO G. MARCHESE
Il “caso” del Crocifisso della pioggia: una errata corrige da ri-correggere. Memoriale (tra cronaca e storia) 
«Bisogna sapere che la storia ci appartiene», soleva dire il grande medievista francese Jaques Le Goff, recentemente scomparso, che passò la vita all’ombra delle cattedrali, per indagare l’anima e la mentalità dell’uomo medievale (non solo santi e banchieri), colto nella sua “quotidianità”. Un pensiero sinergico a quello di Giovanni Paolo II, il papa Santo, allorché soleva affermare che «un popolo senza memoria non ha futuro», dopo aver dato una sua personale definizione del termine “cultura” (nel discorso pronunciato all’UNESCO nel 1980): «Cultura è ciò per cui l’uomo, in quanto uomo, diventa più uomo». Sulla stessa lunghezza d’onda di papa Wojtyla si muoveva il pensiero di un nostro grande arcivescovo della Chiesa monrealese, il compianto mons. Cataldo Naro, il quale, intervenendo in data 12 aprile 2003 all’apertura dei lavori del convegno di Campofiorito sulla storiografia municipale, dopo aver trattato della “forza e debolezza dell’identità locale” e della “importanza e delicatezza dell’opera dello storico locale”, così concludeva: «Un’ultima considerazione mi sia permessa, anche in forza della mia veste di vescovo.


Palermo, i Carabinieri denunciano gestori discarica abusiva di sfabbricidi

Un'immagine aerea della discarica abusiva
I Carabinieri della Compagnia Palermo San Lorenzo hanno proceduto al sequestro preventivo di un’area sita nel quartiere “Zen 2” di Palermo, in esecuzione del decreto emesso dal G.I.P. del Tribunale di Palermo, Angela Gerardi, su richiesta della locale Procura della Repubblica. Il provvedimento cautelare scaturisce dalle risultanze di un’attività di indagine svolta dai militari del Nucleo Operativo della Compagnia Palermo San Lorenzo, su segnalazione del 9° Elinucleo Carabinieri Palermo, al termine della quale sono stati deferiti in stato di libertà 2 soggetti ritenuti colpevoli di aver svolto “attività di gestione di rifiuti non autorizzata in concorso”, per aver depositato nel sito, tra il 2012 ed il 2013, ingenti quantitativi di rifiuti speciali non pericolosi, costituiti da rifiuti di demolizione, costruzione e scavo.

mercoledì 23 aprile 2014

Da Battiato a Santino: perde credito l’antimafia politica

Da Giovanni Fiandaca a Umberto Santino, da Lanza Tomasi, Franco Battiato e giornalisti impegnati e diligenti: l’antimafia politica non ha perso solo smalto, ma credito. Tutto in un colpo, nel giro di pochi mesi. Per quale ragione? L’insofferenza verso l’uso e l’abuso dell’antimafia per giustificare decisioni, provvedimenti, atteggiamenti, comportamenti, gesti e parole della politica segnate “artificiosamente” dall’imprinting antimafioso.

L'Asp di Palermo distribuisce strisce di apivar per combattere la moria di api

L'apiario
L’ASP di Palermo, per la prima volta in Sicilia, ha applicato la Legge regionale n. 65/95, che prevede l’acquisto dei prodotti anti-varroa (amitraz) da parte delle Aziende sanitarie provinciali. La varroasi è una malattia parassitaria che decima gli alveari e pone a serio rischio la sopravvivenza della specie. “Occorre ricordare che le api sono fondamentali per i processi di impollinazione e quindi per la sopravvivenza di moltissime piante – ha sottolineato il Direttore del Dipartimento Veterinario dell’Asp di Paermo, Paolo Giambruno - la produzione di miele, pappa reale e cera d’api è attualmente al di sotto del fabbisogno nazionale tanto che importiamo grandi quantità di questi prodotti.

25 APRILE A VERONA: ARENA DI PACE E DISARMO

 Verona, 25 aprile 2014, dalle ore 14. In diretta su RadioArticolo1 (www.radioarticolo1.it). Alle 16.30 Susanna Camusso intervistata da Gad Lerner

Il prossimo 25 aprile si terrà a Verona “Arena di Pace” l’evento che riunirà la gran parte del mondo italiano della pace, del disarmo e della non violenza. Nell’anniversario della Liberazione si riuniranno nell’anfiteatro romano di Verona associazioni laiche e religiose, sindacati, rappresentanti della società civile per convergere insieme in una unica campagna per “il disarmo militare e la difesa civile”. Porteranno il loro contributo all’evento Susanna Camusso (intervistata da Gad Lerner), Padre Alex Zanotelli, Don Luigi Ciotti, Gino Strada. Molti gli artisti che si sono messi a disposizione e animeranno la giornata: Eugenio Finardi, David Riondino, Alessandro Mannarino. Verrà lanciata la campagna “Difesa Civile 2014” che prevede la raccolta di firme per la presentazione di una legge di iniziativa popolare per promuovere l’istituzione di un Dipartimento per la difesa civile non armata e la costituzione di Corpi civili di pace alternativi all’esercito da finanziare con l’opzione fiscale. RadioArticolo1 (www.radioarticolo1.it) trasmetterà l’evento in diretta streaming a partire dalle ore 14.

martedì 22 aprile 2014

Circa la metà dei forestali trasferiti dall'antincendio alla manutenzione: protestano i sindacati

PALERMO. Almeno 3.500 addetti all’antincendio trasferiti alla manutenzione dei boschi per un risparmio immediato di 10 milioni di euro: ecco la prima mossa del governo regionale per ridurre la spesa sull’esercito dei 27 mila forestali. L’iniziativa al vaglio degli uffici ha messo in allarme i sindacati, già sul piede di guerra per il ritardo nell’avvio delle attività che rischia di compromettere la stagione. Il problema è legato alla manovra correttiva ancora ferma in Aula e che prevede tagli per 200 milioni di euro alla spesa. La scure colpirà anche il settore agricolo regionale, a cominciare dai forestali. Nella prima manovra correttiva, spiegano i sindacati, erano disponibili 190 milioni di euro, «per cui servono altri 70 milioni perché il fabbisogno di tutta la platea dei forestali è di 260 milioni di euro».

l’Asp di Palermo “amica dei bambini”: l'importante riconoscimento è dell'Unicef

L'allattamento al seno
IL RICONOSCIMENTO E’ DELL’UNICEF PER “AVERE PROMOSSO L’ALLATTAMENTO AL SENO”. AL VIA UN RAPPORTO DI COLLABORAZIONE A FAVORE DEI BAMBINI DEL TERRITORIO
            L’Asp di Palermo “Amica dei bambini”. Il riconoscimento è dell’Unicef che, per la prima volta nell’Italia Centro-Meridionale, ha assegnato la “nomina” ad un’Azienda territoriale. L’evento è stato celebrato questa mattina nei locali della Direzione generale di via Cusmano – alla presenza del Commissario straordinario, Antonino Candela e del Direttore sanitario, Giuseppe Noto - dal Presidente del Comitato regionale Sicilia dell’Organizzazione umanitaria, Umberto Palma, del Segretario regionale, Filippo Alioto, del Presidente del Comitato provinciale, Giovanna Cernigliaro e della Responsabile regionale del Dipartimento Materno-Infantile, Erminia Dantes.

CAPOFILA IL DISTRETTO DI CORLEONE: PROGETTO “PEER EDUCATION SULLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI”

Il dott. Vizzi e il dott. Candela nei locali del distretto
COINVOLTI MILLE STUDENTI DEGLI ISTITUTI SUPERIORI DELLA PROVINCIA
L’Asp Palermo vara il progetto “Peer education sulle malattie sessualmente trasmissibili”, realizzato insieme all’Associazione Mobilitazione Sociale Onlus e finanziato con i fondi del Piano regionale della Prevenzione 2010–2012. “Si tratta di un’iniziativa studiata per rispondere alla necessità di prevenzione delle malattie infettive a trasmissione sessuale per le quali non vi è disponibilità di vaccino – ha spiegato il Commissario straordinario dell'Azienda sanitaria di Palermo, Antonino Candela - il progetto si svilupperà nel territorio di 6 Distretti Sanitari: Corleone (capofila, ndr), Carini, Petralia Sottana, Misilmeri, Termini Imerese e Partinico”. Scopo dell'iniziativa è di promuovere la salute sessuale degli adolescenti: oggi l’età media del primo rapporto sessuale si attesta attorno ai 14-15 anni ed è, quindi, necessario trovare modalità di informazione innovative ed efficaci per parlare dei rischi connessi a rapporti non protetti.

Una Palermo mai vista, 1910

Questo prezioso filmato d'epoca, intitolato "Nella conca d'oro", ci fa vedere la Palermo di inizio secolo. La conca d’oro è il sito su cui sorge la città di Palermo. Scorrono sullo schermo la fontana pretoria, i grandi teatri, la cattedrale, la funicolare e il chiostro dell’abbazia di Monreale, e infine il porto. La bellezza di Palermo è anche nella vita della sua gente, che ci viene mostrata mentre si incontra e fa acquisti al mercato del pesce oppure al lavoro. Il video è un riversamento della copia in pellicola conservata dal Museo Nazionale del Cinema: 35mm, positivo, triacetato, 111 metri, colore (Desmetcolor), didascalie italiane, muto.


"Camicette bianche", ricordando il rogo di New York del 1911 in cui morirono tante donne

Donne al lavoro nella fabbrica
Il 25 Marzo 1911 bruciava a New York la Triangle Waist Company, una fabbrica di camicette bianche in cui lavoravano in prevalenze donne emigrate e in cui persero la vita 146 persone, di cui 126 donne e ben 38 italiane. Per la prima volta in Italia "Camicette bianche. Oltre l’8 marzo" di Ester Rizzo ricorda questa tragedia dimenticata, raccontando le storie delle sue vittime: donne e migranti. E partendo dalle quelle storie, il Gruppo Toponomastica Femminile con l’autrice Ester Rizzo e l'editore Navarra, ha lanciato un appello nazionale rivolto a tutte le amministrazioni comunali italiane che hanno dato loro i natali affinché ricordino le vite di queste done attraverso l'intitolazione di una piazza, una via, un giardino o altro luogo di pubblico interesse. 

Termini Imerese: cento libri in cento panchine della città

Iniziativa di SiciliAntica in occasione della Giornata Mondiale del Libro
Mercoledì 23 aprile 2014 i cittadini di Termini Imerese troveranno, anche quest’anno, in 100 panchine della città un libro, che potranno leggere e lasciarlo sul posto, affinchè qualcun altro possa sfogliarlo, o portarselo a casa. E’ l’iniziativa di SiciliAntica, in collaborazione con i Gre, in occasione della Giornata Mondiale del Libro. L’idea nasce per ricordare la Giornata indetta dall’Unesco che si celebra nel mondo il 23 aprile di ogni anno, data prescelta in omaggio a tre fra i più grandi autori di tutti i tempi, la cui vita si spense proprio in quel giorno del 1616: William Shakespeare, Miguel de Cervantes e l’Inca Garcilaso de la Vega. La tradizione ha avuto la sua origine in Catalogna dove, il 23 aprile, festa di San Giorgio, viene offerta una rosa per ogni libro venduto.

UNA SPERANZA PER GAZA

Una speranza per Gaza...
Il Coordinamento palermitano di Solidarietà con la Palestina., con l’adesione di CGIL Palermo, del Centro Culturale BIOTOS, dell’Associazione  LIBERA, della Federazione Regionale FIPE e della Federazione L’ARCA, promuovono nella città di Palermo, il Progetto “ UNA SPERANZA PER GAZA”. Tale iniziativa si pone  come obiettivo la costruzione di una Scuola  a  Khan Younis, la seconda città della Striscia di Gaza, violentemente bombardata durante le operazioni israeliane  “Piombo Fuso” e “Cloud Pillar”, responsabili della morte di oltre quattrocento  bambini. Ai fini di raccogliere i Fondi necessari alla realizzazione del Progetto, il Comitato promotore organizza domani Mercoledì 23 Aprile un primo evento artistico-culturale  che prevedono anche la degustazione di piatti tipici della cucina palestinese e  di vini d’eccellenza prodotti in Palestina da un Convento Salesiano diretto da maestranze italiane.

“Meno delitti ma più rischi”. Il rapporto Onu sulle mafie

Settanta  gli omicidi attribuiti alla mafia nel 2012, i crimini sono stati compiuti tutti nelle regioni meridionali, e cioè in Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. Nel 1992 erano stati 340. Il Rapporto delle Nazioni Unite, “Global Study on Homicide 2013″, offre un quadro oggettivamente ottimistico, pur avvertendo che il dato non deve suggerire una sottovalutazione del fenomeno e della sua pericolosità. Il numero degli omicidi attribuiti alla mafia in Italia, ciò appare incontrovertibile, subisce un autentico crollo dell’80% tra il 1992 e il 2012.

L’Italia s’è innamorata di Gangi. Ecco il premio “Borgo più bello”

Panorama di Gangi sulle Madonie
I capolavori di Gangi incantano l’Italia intera. La “corona” al Comune palermitano è stata consegnata in tv, su Raitre, nel corso della prima edizione del contest “Il borgo dei borghi”.Quello del gioiello madonita è stato premiato come il borgo più bello d’Italia, un riconoscimento ottenuto grazie al voto di circa 134mila italiani. Un trionfo a tutto tondo per il paese siciliano che – abitato sin dalla preistoria – vanta fra i suoi gioielli il castello, edificato nel 1300, la Chiesa madre dedicata a San Nicola di Bari e sorta nel XIV secolo, e il settecentesco Palazzo Bongiorno, affrescato dal pittore Gaspare Fumagalli, oggi sede del Consiglio Comunale.

sabato 19 aprile 2014

Mafia, colpo al mandamento di Porta Nuova: arrestati a Palermo otto boss


L'operazione_iago2

PALERMO. A fare scattare l'operazione è stato un telegramma dal testo apparentemente banale. "Caro Gianni la salute del bambino tutto bene. In un unico abbraccio ti siamo vicini". Autore Marcello Di Giacomo. Destinatario il fratello Giovanni, boss ergastolano. I carabinieri, che da mesi intercettavano e tenevano sotto controllo il capomafia di Porta Nuova, storico mandamento palermitano, hanno capito allora che il progetto di morte, nascosto dietro le informazioni sulla salute di un presunto bambino, stava per compiersi. E sono intervenuti.

Addio a Bruno Carbone, aveva diretto "l'Ora" di Palermo

Bruno Carbone

Bruno Carbone (Foto di Mike Palazzotto)  Addio al giornalista Bruno Carbone, morto a Roma ieri notte. Nato a Lipari 77 anni fa, era stato notista politico del quotidiano "L'Ora" di Palermo, che aveva diretto nella seconda metà degli anni Ottanta. Successivamente Carbone aveva lavorato anche alla Rai, curando il settimanale "Mediterraneo", e aveva diretto l'emittente di Lipari "TeleIsole". Il mondo giornalistico siciliano lo ricorda per la brillantezza e la profonda onestà intellettuale che lo distinsero in oltre trent'anni di carriera. Carbone sarà cremato e le sue ceneri saranno custodite a Canneto di Caronia. Carbone era noto anche per essere stato il vicino di scrivania di Mauro De Mauro, il giornalista protagonista di uno dei misteri italiani più celebri, scomparso la sera del 17 settembre 1970.

Le Poste assumono mille portalettere e addetti allo smistamento della posta



La selezione è rivolta anche a chi non ha particolari esperienze. Sono disponibili in tutta Italia 835 posti per postini e 235 per quanti devono smistare buste
di GIUSEPPINA VARSALONA
PALERMO. Cerchi lavoro? Poste Italiane assume nuovo personale anche senza esperienza. In totale sono disponibili circa 1.070 posti in tutta Italia, con un massimo di 835 posti per portalettere e 235 per addetti allo smistamento della posta. I candidati scelti verranno assunti con contratti a tempo determinato di 2, 3 o 6 mesi. In palio ci sono anche stage per neolaureati con possibilità di inserimento in azienda.

Formazione e lavoro, selezione per 50 mila giovani siciliani


Anna Rosa Corsello

Il 2 maggio parte la selezione per giovani tra i 15 e i 29 anni. Dopo i corsi, entro 4 mesi, scatta un’opportunità professionale
di GIACINTO PIPITONE
PALERMO. Il via alle selezioni è già stato fissato per il 2 maggio. Da quella data partirà il piano Youth Guarantee, che prevede la possibilità per i giovani di età compresa fra i 15 e i 29 anni di frequentare corsi di formazione attraverso i quali accedere al mercato del lavoro. L’accordo governo-sindacati è stato firmato ieri. Youth Guarantee è una sigla dietro cui si cela una sorta di Jobs act renziano alla siciliana. I giovani interessati dovranno recarsi ai centri per l’impiego e farsi registrare in appositi albi.

L'associazione "Libera" sull’approvazione del 416ter


L’approvazione al Senato della modifica del 416ter contiene una buona notizia e un errore da correggere: la buona notizia è l’inserimento, dopo un iter tormentato, delle due parole “altra utilità”, che colpiscono al cuore il voto di scambio politico mafioso, finora limitato all’erogazione di denaro. Una riforma sostenuta da oltre 475mila cittadini che hanno firmato la petizione della campagna “Riparte il futuro”, promossa da Libera e Gruppo Abele. Grazie a queste due parole si potrà contrastare in maniera più efficace il “mercato dei voti”, venduti e comprati in cambio di favori, a partire dalle prossime elezioni di maggio, europee e soprattutto amministrative.

RSU FINCANTIERI PALERMO. L'elezione di Piastra a segretario Fiom voluta dagli operai

Palermo 18 aprile 2014 - "La elezioni a segretario generale della Fiom di Palermo di Francesco Piastra è stata fortemente voluta dai componenti del direttivo espressione delle realtà produttive più importanti della provincia di Palermo. Per la prima volta la proposta è venuta dalla base che a maggioranza ha indicato Piastra ai centri regolatori Fiom nazionale e della Cgil Palermo, che hanno preso atto che l'unica proposta possibile e maggioritaria era quella di Piastra". Così dichiara Francesco Foti, coordinatore Rsu Fincantieri Palermo e componente della segreteria uscente della Fiom, in risposta alle critiche di Rino Gallo a proposito dell’elezione di Francesco Piastra di ieri, a segretario Fiom Cgil di Palermo.

Roma, convegno dell'ANPI sulle riforme costituzionali


“Riforme, rappresentanza, coerenza costituzionale nel cambiamento: una questione democratica”. Martedì 29 aprile a Roma, al Teatro Eliseo, dalle ore 16:30, manifestazione pubblica dell’ANPI sul progetto di riforma costituzionale ed elettorale all’esame del Parlamento. Interverranno: CARLO SMURAGLIA, LORENZA CARLASSARE, STEFANO RODOTA’, GIANNI FERRARA. Antifascisti e democratici insieme per lanciare l’allarme contro un progetto che, unendosi ad una legge elettorale come quella che è stata approvata alla Camera ed al proposito di irrobustire i poteri del Presidente del Consiglio e del Governo, si risolverebbe (oltretutto) in una ulteriore e grave riduzione degli spazi di democrazia, che subiscono da tempo una lenta ma progressiva erosione e che, invece, l’ANPI considera intangibili, alla luce dei princìpi e dei valori costituzionali. Troviamoci insieme con la voce delle radici, di quell’antifascismo e di quella Resistenza da cui la democrazia ha preso le mosse e da cui non è possibile prescindere.
Pubblichiamo di seguito il documento-manifesto dell’ANPI del 29 aprile:

CHI BOCCIÒ PRIMO LEVI?

Primo Levi

Riccardo Chiaberge
Una lettera inedita di Natalia Ginzburg sul rifiuto di “Se questo è un uomo” da parte di Einaudi
L’editore Guanda ha appena ripubblicato, in carta e in ebook, la Conversazione con Primo Levi di Ferdinando Camon (sottotitolo: Se c'è Auschwitz, può esserci Dio? ) uscita nel 1987 a soli due mesi di distanza dalla tragica fine (suicidio?) del grande scrittore torinese. Un confronto appassionante sulla condizione umana, la natura e le origini del Male nella Storia, tra un cattolico e un ebreo: due punti di vista differenti e a volte in aperto conflitto. Si dà il caso che io sia stato il primo, l’11 giugno di quell’anno, ad anticipare il libro sulle pagine culturali del Corriere della Sera, e il mio corsivetto scatenò un mezzo uragano.

CI SARÀ LA GUERRA? CHIEDI A TWITTER


NICOLA BOCCOLA
Oscillazione del Dow Jones, incassi dei film al botteghino ma anche previsione di risultati elettorali e di possibili colpi di stato: la nuova frontiera del marketing si chiama Sentiment analysis, la lettura emozionale dei milioni di messaggi, post, tweet che ci scambiamo ogni giorno, finalizzata in una prima fase al rilevamento della reputazione dei marchi e dell’efficacia pubblicitaria, ed ora ad un più generale nowcasting e forecasting di intenzioni e comportamenti individuali. I big data che scaturiscono dall’attività dei milioni di utenti dei social network costituiscono una sorta di dinamico e permanente sondaggio demoscopico che fa gola a corporazioni e governi: gli analisti hanno smesso i panni di annusatori d’aria e preso a esaminare sistematicamente gli attributi - positivo negativo o neutro - che emergono dalle parole chiave immesse nell’agorà virtuale, grazie a una varietà di software disponibili.

martedì 15 aprile 2014

La figlia Catherine: "Mio padre, Camus era contro l'Europa del denaro"

Albert Camus
di Maria Lombardo
Intervista alla figlia dello scrittore, Catherine, sul quale in Francia c'è ancora un aspro dibattito. «La sinistra non l'ha mai amato, lui non si è fatto manipolare dal potere»

Gli scritti di Albert Camus sono stati tradotti in 60 lingue. E' una gloria della Francia ma nessuna celebrazione ufficiale è stata tenuta per il centenario della nascita l'autunno scorso. Solo una miriade di iniziative che probabilmente meglio corrispondono al carattere indipendente dello scrittore. Sono state pubblicate nuove edizioni delle opere e persino app scaricabili come quella di Le Monde "La rivolta e la libertà". Ma sull'autore del celeberrimo "Lo straniero" le polemiche non si sono mai sopite.

Mafia: Istituto Tagliacarne, con gli affari legali fa il 10% del Pil di Palermo e provincia

(AGI) - Palermo, 14 apr. - L'illegalità diffusa soffia sulla crisi, imprigiona le imprese, distorce il mercato. La provincia di Palermo si classifica ancora come un territorio "ad elevata intensità criminale e una crescita medio-alta del fenomeno", tanto che le attività legali riconducibili alla criminalità valgono circa il 10% del Pil provinciale. E' il duro giudizio dell'Osservatorio economico della provincia di Palermo dell'Istituto Tagliacarne e della Camera di commercio. Il territorio, in particolare, evidenzia una "vulnerabilità sociale ed economica che rende la provincia terreno fertile per la criminalità", la quale, nel territorio, si distingue per l'esercizio "di tipo militare" di "un diffuso e capillare controllo delle attività economiche, politiche e amministrative, sviluppando contiguità con le imprese, le forze dell'ordine, la classe dirigente, i professionisti".

Matteo Messina Denaro, il nuovo volto del superboss di Cosa nostra

L'identikit di Matteo Messina Denaro
di ATTILIO BOLZONI e SALVO PALAZZOLOLo cercano dal 1993. Hanno sequestrato beni per 3,5 miliardi ai suoi prestanome E troppe volte è misteriosamente sfuggito alla cattura. Ora però qualcuno ha visto da vicino la primula rossa della mafia disegnando questo identikit che lo rende meno “invisibile”. PALERMO  - Eccolo, il volto del latitante più ricercato d'Italia, ecco l'ultimo identikit del mafioso che tutti cercano ma che nessuno trova. La faccia di Matteo Messina Denaro com'è oggi, a più di vent'anni da lontanissime e sbiadite foto segnaletiche. L'hanno disegnata i finanzieri del Gico, indagini nel cuore della Sicilia e informazioni da fonti riservate. C'è qualcuno che l'ha visto da vicino.

Lassù nel regno di Nino, eremita che scruta Palermo dall’alto

Il "santuario" dell'eremita (Foto: Giulio Giallombardo)
A Palermo c’è una “via santa” che non tutti conoscono. Un sentiero “iniziatico” che s’innalza per oltre quattrocento metri fino a raggiungere la cima del Monte Gallo, tra Mondello e Sferracavallo. È lì che Nino “l’eremita”, noto anche col nome di Israele, ha scelto di consacrare il suo personalissimo “santuario”, ricavato all’interno del Semaforo borbonico, vecchio faro poi utilizzato come osservatorio militare.

lunedì 14 aprile 2014

Palermo, piazzetta Orcel sarà realizzata dagli studenti dell'ITC "V. Emanuele" e dagli operai del Cantiere. Gli alberi e i fiori saranno collocati dai forestali e dagli studenti di Corleone

L'assemblea di stamattina all'ITC "V. Emanuele"
PIAZZETTA ORCEL SARA’ REALIZZATA DAGLI STUDENTI DELL’ITC VITTORIO EMANUELE III E DAGLI OPERAI DEL CANTIERE. IL PROGETTO PRESENTATO OGGI. CALA’: «RICOSTRUIREMO INSIEME UN ANGOLO DI CITTA’ CONIUGANDO MEMORIA E FUTURO».
Palermo 14 aprile 2014 - La piazzetta  dedicata al sindacalista Giovanni Orcel,  ucciso dalla mafia nel 1920, sarà realizzata con un progetto elaborato al computer  dagli studenti dell’istituto tecnico Vittorio Emanuele III e con la collaborazione degli operai del Cantiere Navale. Al centro della piazza, nell’area antistante al cantiere, sorgerà un monumento, disegnato dai ragazzi,  che raffigura  il rostro di una nave che punta verso il Nord. Intorno saranno poste delle panchine, nascerà un’area verde con piante mediterranee, tra cui l’arancio amaro e la ginestra,  e ci sarà un sistema di illuminazione a led sul pavimento.