sabato 27 dicembre 2014

BUONE FESTE ALLE MADRI DEL SUD


Dedico questo fiore libero e puro alle madri del Sud Italia che soffrono, in silenzio, il dramma dei figli emigrati di cui nessuno si cura. Buone Feste, con il più fraterno e riverente rispetto. (a.s.)
Le madri del Sud
Le rispuntò una lacrima. “Eh! Cosa vuoi fare Carmè? Ammalarti di malinconia?
Non sei la sola a essere tormentata da questa mancanza. In paese, nessuno può dirsi veramente immune da questo malanno.
Tu li hai nel Veneto. Ed io? I miei figli dove si trovano, Carmè? In Venezuela!
Da quarant’anni che sono alla stranìa e, in tutto questo tempo, li ho visti tre o quattro volte.
Prego Iddio che me li faccia ab­bracciare per l’ultima volta, prima di morire

Certo che anche vossia…che strazio al cuore! -riprese Carmela -Ma mi domando e dico: perché solo noi, le madri della bassa Italia, non ci possiamo godere i figli e i nipoti?
Dove sta scritto che quelle dell’alta Italia si possono godere i loro, e i nostri, figli, per giunta forniti di lau­rea e diploma?
La nostra gioventù rubata. Si rubata senza pagare da­zio.
Questi che parlano di “Roma ladrona”, lo sanno quanto ci ru­bano a noi del sud per ogni figlio che emigra al nord ?
L’hanno fatto mai il conto di quanto ci costa crescere un figlio? Giustizia e castigo, Signuri! Ossica…”
Espressione tremenda, specie se pronunciata da una madre ferita.
La stessa che vidi scritta, ripetuta in bella forma, sul selciato di Plaza de Mayo, a Buenos Aires. Anche laggiù, nel Sud più profondo, è questo l’urlo delle madri alle quali hanno rubato, e massacrato, i figli!

Nessun commento: