Barra video

Loading...

mercoledì 12 novembre 2014

Sicilia, memoria e futuro. La Flai lancia un ddl di iniziativa popolare per dare la terra inutilizzata ai giovani

L'intervento di Stefania Crogi
Palermo, 11 nov- Dalla terra possono venire lavoro per le giovani generazioni e una spinta forte allo sviluppo. E’ con questo convincimento che la Flai Cgil Sicilia ha elaborato una proposta di legge di iniziativa popolare per l’affidamento delle terre demaniali e private inutilizzate  o sottoutilizzate a cooperative sociali e a piccoli produttori agricoli. “L’obiettivo –ha detto il segretario generale della Flai regionale, Salvatore Tripi, nel corso di un dibattito- è favorire l’occupazione giovanile e il reinserimento di soggetti svantaggiati, promuovendo un modello produttivo basato sulla qualità della filiera corta”. 
GUARDA LA GALLERIA FOTOGRAFICA
Ma è anche “contenere il degrado ambientale-si legge nelle finalità del ddl -salvaguardare il suolo e gli equilibri idrogeologi, limitare gli incendi, favorire un assetto ottimale del territorio”. Sul testo partirà da oggi la raccolta di firme. Apprezzamento per  l’iniziativa è venuto dall’ assessore regionale all’agricoltura, Nino Caleca, intervenuto all’incontro. “E una proposta che sottoporrò al dibattito politico – ha detto- ma che faccio mia. Il mio obiettivo- ha aggiunto- è portare nelle campagne la generazione digitale. Faremo un piano complessivo- ha sottolineato Caleca- che immagino di chiamare riforma agraria 2.0”. “Siamo fiduciosi – ha sostenuto la segretaria generale nazionale della Flai, Stefania Crogi- che la nuova formazione di governo possa dare ascolto al sindacato che propone qualcosa di concreto per il rilancio del territorio e dell’occupazione”. Con la legge di stabilità dello scorso dicembre la regione siciliana ha costituito l’Albo Banca della terra in Sicilia, “una novità -ha detto Tripi- che rischia di arenarsi”. Un ruolo importante , per il sindacato, ha in questo contesto l’assessorato all’agricoltura, anche per quanto riguarda l’attuazione della spesa del nuovo Psr 2014/2012 che ammonta a due miliardi. Il ddl proposto dalla Flai Sicilia si articola in otto titoli, prevede che si parta dall’inventario dell’esistente  e che ci siano poi bandi degli enti locali per gli affidamenti dei terreni che resterebbero comunque di proprietà pubblica o privata. “ L’idea- ha rilevato Tripi- è di attuare il recupero di beni materiali, ma anche di valori culturali e identità territoriali e della legalità, realizzando percorsi nuovi di agricoltura rurale, sostenibile, sociale, sostenuta dalle comunità locali”. L’iniziativa lanciata oggi in Sicilia- ha affermato Crogi- fa parte della nostra campagna per dare centralità al lavoro con le caratteristiche della legalità e della trasparenza”. Crogi ha ricordato l’impegno a tutto campo del suo sindacato che passa anche attraverso le iniziative per il riutilizzo produttivo dei beni confiscati alla mafia, obiettivo per il quale il sindacato ha lanciato la campagna  di “Io riattivo il lavoro”. La segretaria della Flai ha anche sottolineato quanto il Jobs act penalizzi i lavoratori che il suo sindacato rappresenta con misure, ad esempio, come la liberalizzazione dei voucher, contro le quali Flai,Fai e Uil terranno il 29 novembre, a Roma, una manifestazione unitaria. Il dibattito della Flai Sicilia, è stato organizzato nel giorno del ricordo dei lavoratori e dei sindacalisti uccisi dalla mafia tra il 1893 e il 1966 per avere lottato per la riforma agraria e per i diritti e la dignità dei braccianti. “Si è voluto così sottolineare- ha rilevato il segretario generale della Cgil Sicilia, Michele Pagliaro- il filo che collega le battaglie di ieri per i diritti e il lavoro con quelle di oggi e la necessità di mantenere viva la memoria dell’iniziativa e del sacrificio di chi ha consentito di raggiungere importanti mete ”. Proprio per mantenere viva la memoria, la Flai Cgil nazionale e l’Osservatorio “Placido Rizzotto” hanno annunciato il lancio di un progetto di ricerca storica sui caduti del movimento contadino nella lotta contro la mafia dal 1893 al 1966, che sarà affidato ad un pool di studiosi, tra cui il segretario della Camera del lavoro di Corleone, Dino Paternostro.

11 11 2014

Nessun commento: