Barra video

Loading...

martedì 25 novembre 2014

Corleone, tante persone, un’unica storia. Gli studenti del liceo incontrano gli immigrati...

La foto di gruppo degli studenti con i giovani immigrati
Si è svolto nella sede centrale dell’Istituto Don Colletto di Corleone un incontro tra i ragazzi del liceo, attualmente in occupazione, e i ragazzi immigrati, che sono stati ospitati nella struttura dell’Hotel Belvedere. Questi ragazzi, provenienti da diversi Paesi, appartenevano a situazioni sociali diverse, vivevano condizioni economiche diverse, ma sono stati accomunati da una drammatica esperienza: la fuga dall’orrore della guerra che hanno deciso di lasciarsi alle spalle. Una scelta difficile, importante ma, per certi aspetti, quasi obbligata. “Vengo dalla Nigeria. Ho attraversato il Niger, ho deciso di dirigermi sempre più verso nord, sono arrivato in Libia. Lì dovevo scegliere se fermarmi o continuare, stavolta per mare. Ma in Libia c’è la guerra e una situazione troppo difficile, perciò dovevo scegliere se scappare per continuare a vivere, o fermarmi e morire”.
Le parole di questi ragazzi sembravano esprimere una stessa storia e spesso finivano per ripetersi, perché durante quel viaggio per la vita diventi fratello, e non compagno, delle persone che sono con te. “Se sono seduto qui oggi, a parlare con voi, è solo grazie a Dio. L’unica certezza in quel viaggio era la mia fede in Lui. Ho attraversato il deserto e il mare per arrivare qui in Italia, per trovare la pace, avere un futuro sereno; tutto questo sarebbe stato impossibile se non mi fossi affidato a Dio”. La fede è l’elemento che accomuna tutti questi ragazzi, che hanno elargito ringraziamenti e benedizioni all’Italia, a Corleone, alle persone che si prendono cura di loro e perfino a chi li incontra per strada e non li insulta. Quando lasci la tua casa, la tua famiglia, il posto in cui sei nato e cresciuto, dove stai studiando per diventare qualcuno, lasci lì un pezzo di vita, ma con la speranza di trovarne altrove una migliore e piena di pace. Molte di queste persone sono state arrestate, molti hanno raccontato di aver passato settimane o mesi in prigione, senza aver commesso reali crimini, solo perché parlavano con una donna o, più semplicemente, perché stavano scappando. I ragazzi del Don Colletto, organizzatori e conduttori della manifestazione, hanno cercato di focalizzare l’attenzione soprattutto sulla vita che questi ragazzi, di età compresa tra i 18 e i 25 anni, conducevano prima di partire: “Io lavoravo in banca, la mia era una buona famiglia. Li hanno uccisi tutti, hanno assassinato tutta la mia famiglia. Hanno lasciato solo me e perciò ho scelto, ho dovuto scegliere di andarmene, di scappare”. “Il viaggio dura diversi mesi. Prima ci si muove a piedi. Io vengo dalla Guinea. Ho attraversato tutta l’Africa e dall’Algeria ho preso la barca e abbiamo attraversato il mare. Per diversi giorni non abbiamo mangiato, non abbiamo bevuto, costretti a resistere in una barca troppo piena di persone. Moltissimi sono morti”. “Voi vi conoscevate da prima o siete diventati amici qui?” “Io di questi ragazzi non conoscevo nessuno, ma abbiamo fatto le stesse scelte, abbiamo scelto tra la vita e la morte, e adesso loro sono miei fratelli. Loro, insieme alle persone di Corleone che ci danno affetto e sostegno, sono diventati la mia famiglia”. L’incontro è stato fortemente voluto dai ragazzi del liceo, perché vivono a contatto con nuove realtà, che vogliono iniziare a conoscere. Alla fine della discussione c’è stato anche un momento di integrazione sociale: sia i ragazzi del liceo che i ragazzi ospiti della giornata hanno iniziato a ballare insieme e cantare. Mai dimenticare che non è il colore della pelle a distinguere le persone. È stato un incontro che ha portato un forte arricchimento umano a tutti gli studenti del Don Colletto che sono hanno ascoltato le storie di queste persone, che porteranno sempre con sé.
Agnese Salemi

V L - Liceo Classico “Don G. Colletto”

Nessun commento: