Barra video

Loading...

mercoledì 20 agosto 2014

Attivato a Bagheria il primo ambulatorio territoriale di “terapia del dolore”

Le prestazioni sono prenotabili attraverso il Cup
Per la prima volta in Sicilia, un’Azienda Sanitaria realizza un Ambulatorio territoriale per la “Terapia del dolore”. La struttura, che si trova nei locali a primo piano del Poliambulatorio di via Mattarella a Bagheria, è stata attivata questa mattina dal Direttore generale dell’Asp di Palermo, Antonino Candela, alla presenza del Direttore sanitario, Giuseppe Noto e del Direttore del Distretto 39, Luigi Lo Giudice. L’Ambulatorio si occupa del “dolore acuto e del dolore cronico”. “C’è la necessità di capillarizzare i servizi realizzando una rete territoriale che vada sempre più incontro alle esigenze dei cittadini – ha spiegato Candela – l’Ambulatorio di Terapia del dolore di Bagheria, che può contare su professionalità di valore, sarà al servizio di un comprensorio di circa 100 mila persone.
Ci siamo posti un duplice obiettivo, e cioè di rispondere alla crescente domanda di assistenza da parte di cittadini affetti da dolore acuto o cronico non oncologico e, altresì, di coniugare le esperienze acquisite in termini di linee guida per la gestione del ‘dolore’ nel territorio”.
L’Ambulatorio di “Terapia del dolore” di Bagheria è aperto tutti i giorni della settimana (ad eccezione di sabato e domenica) dalle 8.30 alle 13.30. Nella struttura, oltre ad infermieri professionali, lavora personale medico specialista in Anestesia, Rianimazione e Terapia del Dolore. Le visite sono prenotabili attraverso il sistema CUP (Centro Unificato di Prenotazione).
“E’ stato pensato per costruire un sistema di rete – ha sottolineato il Direttore del Distretto di Bagheria, Luigi Lo Giudice – l’Ambulatorio di via Mattarella è il centro ‘spoke’ che, per le prestazioni a più alta complessità, fa riferimento al centro ‘hub’ accreditato dell’Azienda Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello”.
L’Ambulatorio valuterà meccanismi e cause che producono il dolore, scegliendo ed applicando le terapie più adeguate. “L’approccio terapeutico – ha concluso Candela - sarà spiegato e condiviso con il paziente che dovrà, comunque, fornire il proprio consenso. L’attivazione dell’Ambulatorio è solo il primo passo di un percorso che porterà a settembre all’apertura anche di uno ‘Sportello del dolore’, struttura che permetterà di mettere a disposizione degli utenti un’offerta più ampia e completa”.
Palermo 20 agosto 2014
NR


Nessun commento: