mercoledì 2 luglio 2014

Sanità in Sicilia, già al lavoro i nuovi direttori generali

Antonio Candela, direttore generale Asp Palermo

di SALVATORE FAZIO

PALERMO. Si sono insediati ieri i nuovi direttori generali dell'Asp e degli ospedali palermitani nominati dalla Regione: Antonino Candela all'Asp, Gervasio Venuti a Villa Sofia-Cervello, Giovanni Migliore al Civico e Renato Li Donni al Policlinico. L'incarico è triennale. Candela, 48 anni, laureato in Economia e Commercio, era già commissario straordinario della stessa azienda. «L'obiettivo è di proseguire lungo la strada della continuità – ha detto Candela –. Sburocratizzazione e snellimento delle procedure saranno i traguardi dell'immediato futuro, ma soprattutto ulteriore potenziamento dell’offerta sanitaria territoriale. Proseguiremo anche nel percorso di avvicinare sempre più la gente al servizio sanitario andando noi incontro ai cittadini e non viceversa. Tra le prime cose da fare, sicuramente ci sono da rivedere e rivisitare sia il modello organizzativo della Salute Mentale, sia dei consultori familiari». Il direttore generale dell’Asp ha nominato direttore sanitario Giuseppe Noto che ricopriva lo stesso ruolo anche nella gestione commissariale. 

A Villa Sofia-Cervello, Gervasio Venuti subentra al commissario straordinario Ignazio Tozzo che ha guidato l'azienda per tre mesi dopo le dimissioni dell'ex commissario Giacomo Sampieri. Venuti, 59 anni, ingegnere elettronico, dal 2007 ad oggi è stato dirigente di unità operative complesse (affari generali, risorse umane, sviluppo organizzativo e coordinamento degli staff) al Policlinico Paolo Giaccone e dal 2004 al 2007 era già stato a Villa Sofia come dirigente responsabile dell'Unità di staff di controllo di gestione, svolgendo fra l'altro l'incarico di responsabile aziendale del sistema informativo sanitario. «Sarò impegnato fin da subito - ha affermato Venuti - per fare emergere e valorizzare le alte professionalità presenti in questa azienda, confrontandomi immediatamente con loro per avviare una programmazione ad ampio raggio che punti ad una sempre maggiore efficienza ed efficacia dell'azienda sul fronte della ricerca,dell'assistenza e della prevenzione. Un percorso che dovrà raggiungere il massimo della condivisione possibile per sviluppare anche all'interno dell'azienda lo spirito di appartenenza e di orgoglio aziendale». 
Nell'aula Ascoli del Policlinico, Renato Li Donni, ha presentato il nuovo piano strategico che prevede maggiore integrazione con l'università. Erano presenti anche il rettore Roberto Lagalla, il presidente della scuola di Medicina e Chirurgia Francesco Vitale. Il nuovo direttore generale dell'azienda ospedaliera Civico, Giovanni Migliore, invece proviene dall'Asp di Messina. Ieri si è svolto il passaggio di consegne con il commissario straordinario, Carmelo Pullara, che ha guidato il Civico dal febbraio del 2011. 
GdS.it


Nessun commento: