venerdì 18 luglio 2014

Palermo, busta con due bossoli al sindaco Orlando

PALERMO. Intimidazione al sindaco di Palermo, Leoluca Orlando. Una busta contenente due bossoli e la copertina di un libro con la foto del primo cittadino è stata recapitata al dirigente di Casa Natura, la sede comunale nel Parco della Favorita. Sull'episodio indagano gli agenti della Digos.

Numerosi gli attestati di  solidarietà al sindaco di Palermo, dopo che due operai hanno  trovato nel parco della Favorita un libro con in copertina la  foto di Leoluca Orlando e dentro due bossoli. L'Anci Sicilia in una nota «si stringe intorno al proprio  presidente». Solidarietà anche dal parlamentare regionale del Pd  Giuseppe Lupo; dal presidente del Consiglio comunale di Palermo  Salvatore Orlando;
dal gruppo consiliare Movimento 139, guidato  da Aurelio Scavone; dal presidente dell'Amg Energia Daniela  Faconti e dai consiglieri Mario Li Castri e Antonio Rera e da  tutto il personale; dal presidente dell'Amap Maria Prestigiacomo  e dagli altri dirigenti dell'azienda; dai presidenti delle otto  circoscrizioni; dal vice sindaco Emilio Arcuri; dal   sovrintendente del teatro Massimo Francesco Giambrone, a nome di  tutto il Teatro; dagli assessori della Giunta di Palermo; dal  comandante della Polizia municipale Vincenzo Messina, dal vice  Luigi Galatioto e da tutto il personale; dal gruppo del Nuovo  Centrodestra all'Ars; dal presidente della Consulta delle  culture di Palermo, Adham Darawsha; da Rifondazione comunista;da  Roberto Helg, pesidente della Camera di commercio di Palermo;  dal direttore generale dell'Asp di Palermo, Antonio Candela; dai  dirigenti e dal personale del comune; da Pippo Russo, del Pd  provinciale; dal presidente dell'Amat, Antonio Gristina, e da   tutta l'Azienda; dal segretario regionale del Pd, fausto Raciti,  anche a nome di tutto il partito; dal deputato regionale di Art.  4 Totò Lentini; dal vicesegretario regionale di Idv Paolo  Caracausi; da Marika Cirone di Marco, parlamentare regionale del  Pd; dal presidente della Rap Sergio Marino; da Sergio D'Antoni,  presidente del Coni Sicilia.  

Nessun commento: