giovedì 17 luglio 2014

Gestione del servizio idrico in tilt: Crocetta promette il ritorno delle reti ai Comuni

Il presidente della Regione Rosario Crocetta
SIT-IN LAVORATORI ATO IDRICO SOTTO PRESIDENZA REGIONE. I SINDACATI: «IN ATTESA DELLA DELIBERA PER LA PROROGA DEL SERVIZIO IDRICO  ALL’AATO FINO AL 30 SETTEMBRE. TUTELE PER  I 203 LAVORATORI» 
Palermo 16 luglio 2014 - Manifestazione in corso dei lavoratori dell’Ato idrico sotto la presidenza della Regione. Una delegazione  composta da sindacalisti  e da in gruppo di sindaci in rappresentanza dei 52 comuni interessati al servizio, si trova negli  uffici della Presidenza della Regione  in attesa di esaminare il testo della delibera con il quale il presidente Rosario Crocetta ha promesso la prosecuzione del servizio idrico in proroga fino al 30 settembre con l’Autorià d’ambito, scongiurando così i licenziamenti dei 203 lavoratori.   “Manterranno alta la guardia per la continuità e funzionalità del servizio e la tutela  di  tutti i  203 lavoratori”, dichiarano Filctem Cgil,  Femca Cisl, Uiltec Uil,  Ugl Chimici e Cisal Federenergia, che ripongono così fiducia sull’intervento della presidenza della Regione.  

Stamattina  l’incontro  tra Aato idrico e Onda Energia, alla presenza di sindacati e sindaci, si è concluso con un nullo di fatto.  L’amministratore delegato di Onda Energia, la società vincitrice della gara che sarebbe dovuta subentrare nell’erogazione del servizio,  ha comunicato alle organizzazioni sindacali  che la difficoltà principale rimane  l’obsolescenza e la vetustà  degli impianti, la cui messa a norma,  secondo la stima della stessa Aato, comporterebbe un investimento di circa 30 milioni di euro. Per questo motivo o lavoratori, in assemblea permanente si sono spostati in sit-in  presso la presidenza della Regione in attesa di incontrare  il presidente  Crocetta. “Il presidente ci  ha comunicato che chiederà al prefetto di requisire   l’azienda, impianti e personale,  per affidarla per altri tre mesi all’Autorità d’ambito, che attualmente sta gestendo il servizio - aggiungono i sindacati -  La promessa  è il varo entro  il 30 settembre  di una norma ad hoc, come è stato per l’Ato idrico di Siracusa,  per restituire gli impianti ai singoli comuni. Ora con i sindaci siamo in attesa di conoscere i termini di questa delibera. Crocetta ha annunciato anche che nominerà un nuovo commissario ad acta per gestire questo processo”. 


Nessun commento: