giovedì 17 luglio 2014

19 luglio, Borsellino: “Istituzioni stiano lontane da via D’Amelio”

Memoria e impegno, richiesta di verità e giustizia ma anche momento di riflessione e dibattito. Ruota attorno a tutto questo il programma di manifestazioni in programma per i prossimi giorni a Palermo in occasione del XXII anniversario della strage di via D’Amelio. Stamattina nel corso di una conferenza stampa Rita Borsellino, il fratello Salvatore insieme alle associazioni hanno presentato un fitto calendario diappuntamenti che si snoderanno da domani fino a domenica. Una liturgia del ricordo che anche quest’anno attraverserà il capoluogo.

“Queste molteplicità di eventi ed iniziative – ha sottolineato Rita Borsellino – è una cosa che mi piace moltissimo. Ognuno con la sua sensibilità ricorda in maniera diversa. Via D’Amelio – continua – non è luogo di morte ma di vita e impegno. Dire oggi che non e’ cambiato nulla sarebbe sbagliato perche’ dopo 22 anni credo che soprattutto nelle giovani generazioni ci sia maggiore consapevolezza. I momenti di scoraggiamento non sono mancati ma mai per un momento abbiamo pensato di mollare, farlo sarebbe tradire Paolo che non ha mollato pur sapendo di andare incontro alla morte”.
“Da più di vent’anni non c’è verita’ e giustizia e i magistrati che la cercano piuttosto di essere appoggiati vengono ostacolati anche dai piu’ alti gradi delle istituzioni. Noi saremo in via D’Amelioper impedire che persone non degne, avvoltoi, vengano a portare corone. Non faremo altra contestazione che sollevare in alto un’agenda rossa e girare le spalle cosi’ come abbiamo fatto gli altri anni”. Lo ha detto Salvatore Borsellino, presentando a Palermo le manifestazioni per ricordare le vittime della strage del 19 luglio 1992. “Credo non si debba mai generalizzare – ha aggiunto Rita Borsellino -. Le istituzioni, lo diceva Paolo, sono sacre. Purtroppo molto spesso ci sono uomini che le occupano abusivamente, a loro diciamo di stare lontani da via D’Amelio”.
Si inizia domani sera alle 21 a Monreale con la manifestazione “Legami di Memoria”, organizzata dall’Arci Palermo, cui prenderanno parte tra gli altri Rita Borsellino, i magistrati Domenico Gozzo e Vittorio Teresi. Si continua venerdi’ alle 18 con un sit-in del comitato Scorta Civica davanti il Palazzo di Giustizia di Palermo ed un corteo. Alle 20.30, consueto appuntamento con il convegno organizzato da Antimafia2000 nell’atrio della facolta’ di Giurisprudenza dal titolo “Un Paese senza verita’: continuare a cercarla 22 anni dopo la strage di Via D’Amelio” Con interventi di Salvatore Borsellino, Antonino Di Matteo, Giuseppe Lombardo, Francesco Del Bene, Antonio Ingroia, Saverio Lodato, Margherita Asta, Giorgio Bongiovanni e Anna Petrozzi. Alle 21 in via D’Amelio veglia di preghiera e riflessione organizzata dall’Agesci.
Sabato, giorno dell’anniversario, le iniziative riguarderanno principalmente via D’Amelio, luogo della strage. La mattina a partire dalle 9.30, spazio ai laboratori e animazione rivolti ai bambini, organizzati dal laboratorio Zen Insieme; nel pomeriggio alle 15.30 interverranno i familiari delle vittime, alle 16 un flash mob organizzato dal movimento Agende Rosse di Trapani e alle 16.58, momento dell’esplosione, sara’ osservato un minuto di silenzio. Seguiranno gli interventi di Nino di Matteo, Sebastiano Ardita, Giovanni Airo’ Farulla e gli spettacoli “Un Valzer per Paolo Borsellino”, perfomance di musica e teatro realizzato dai bambini dell’Orchestra sinfonica infantile “Falcone e Borsellino” e “L’arte uccide la mafia” pie’ce teatrale di Our Voice (composto e interpretato da bambini e ragazzi dai 4 ai 18 anni). Alle 19 una “biciclettata” per le strade della citta’ e infine alle 21 si terra’ un dibattito con il giornalista Marco Travaglio e l’avvocato Fabio Repici. Domenica mattina si svolgera’ un corteo del comitato Agende Rosse, che si snodera’ lungo la salita di Montepellegrino che conduce al Castello Utveggio.

Da: SiciliaInformazioni.com

Nessun commento: