lunedì 19 maggio 2014

Crocetta urla: “Vergognatevi”. Pd spaccato, la faida s’infiamma

Il presidente Rosario Crocetta
Sempre più spaccato il Pd in Sicilia. Nel rush finale della campagna elettorale per le europee di domenica la frattura diventa baratro. Da un lato i cuperliani dall’altro il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta. Ed è proprio il governatore dell’Isola a sferrare l’attacco. Durante una manifestazione elettorale nella sua Gela (Caltanissetta) a sostegno dell’assessore regionale al Turismo, Michela Stancheris, Crocetta, accolto da grandi applausi, apre le ‘danze’ e punta il giurista e candidato democratico, Giovanni Fiandaca.


“Non si può venire qui, come ha fatto il segretario del mio partito – dice dal palco -, ed attaccare il presidente della Regione di questa città. Non si può venire qui per fare votare quel Fiandaca negazionista della trattativa Stato-mafia, che vuole anche l’abolizione del 416 bis. Poi per coprire questa vergogna si mette il nome di Caterina Chinnici (capolista Pd nelle Isole, ndr). Vergognatevi”, ha urlato il governatore. E tutto questo il leader democratico siciliano, Fausto Raciti, “lo viene a fare nella città che ha il merito storico di aver lanciato in Sicilia la più grande lotta alla mafia, che si sia stata fatta da una città. A Gela questo è un insulto”.

Nessun commento: