mercoledì 12 dicembre 2012

M5S, Grillo caccia Favia e Salsi. Lei: «E' peggio dei partiti»

Beppe Grillo
«A Federica Salsi e Giovanni Favia è ritirato l'utilizzo del logo del Movimento 5 stelle. Li prego di astenersi per il futuro a qualificare la loro azione politica con riferimento al M5S o alla mia figura. Gli auguro di continuare la loro brillante attività di consiglieri». Lo annuncia sul suo blog Beppe Grillo. Federica Salsi, consigliera comunale di Bologna, si era scontrata con Grillo per aver partecipato a «Ballarò» mentre Giovanni Favia, consigliere dell'Emilia Romagna, in un fuori onda a «Piazza Pulita» attaccò la gestione del movimento e Gianroberto Casaleggio. Ed è bufera su Twitter. C'è chi parla di «lapidazioni digitali contro i miscredenti» e chi di «modalità dittatoriale» nella gestione del  movimento. Il paragone tra Grillo e Benito Mussolini è il più diffuso,  con il motto attualizzato: «Credere, obbedire, taggare». «Il M5S verso  la ricostituzione del Partito nazionale fascista», scrive un  utente, mentre sul filo dell'ironia c'è chi twitta: «M5S passa da 5 a 3  stelle» e chi parla di «olio di ricino». «Beppe Grillo è il bambino che  porta via il pallone quando vede la partita andare storto», scrive  'skinrok', mentre 'pinapic' cita Voltaire: «Ripeti con noi Beppe Grillo:  'Non condivido ciò che dici ma darei la vita perchè tu possa dirlo'».  
Da L'Unità.it

Nessun commento: