martedì 8 maggio 2012

Palermo, Orlando in vantaggio


Orlando va al ballottaggio a Palermo
Il candidato di Idv sarebbe nettamente in testa. Testa a testa tra Costa e Ferrandelli. Trapani e Agrigento verso il ballottaggio
PALERMO. Prime sezioni scrutinate a Palermo. Secondo i primi dati Leoluca Orlando (IdV) è in vantaggio con oltre il 40%, seguito da Ferrandelli intorno al 23%. Distante il candidato del Pdl Costa. CLICCA QUI per avere tutti i dati.

ORLANDO: "PALERMO FINALMENTE LIBERA" - "Io non ho un collare al collo, attendo i risultati definitivi ma già possiamo dire che i palermitani hanno mandato nella discarica di Bellolampo la cattiva politica. Palermo finalmente è libera". Così Leoluca Orlando ai cronisti parlando nel suo comitato elettorale, mentre arrivano i primi dati dai seggi che lo danno in alcuni casi oltre il 50 per cento. Sull'eventuale ballottaggio, Orlando ha detto: "Non farò alleanze con nessuno. La mia storia è chiara, non farò mai accordi con i partiti che hanno governato con Raffaele Lombardo e con l'ex Cammarata".
TRAPANI. A Trapani, quando si conoscono i risultati di 32 sezioni su 70, si profila un ballottaggio tra i candidati a sindaco Peppone Maurici (Grande Sud, Udc, Fli, Mpa, Mps, I Riformisti e Grande Trapani) e Vito Damiano (Lista Fazio e Pdl).  Maurici è al 40%, Damiano al 27. Distaccata di 8 punti percentuali Sabrina Rocca, la candidata di Sel e del Partito Democratico. Stefano Nola (lista civica di centro) è all'8%. Oscilla intorno al 5% il candidato di Idv e Rifondazione, Giuseppe Caradonna. Appena l'1% per gli altri due candidati.
"Siamo contenti e soddisfatti per il risultato conseguito e per come sono andate le nostre liste - è stato il primo commento di Maurici - Con 7 candidati a sindaco non si poteva fare di meglio; il dato più significativo, comunque, è la caduta libera del Pdl e della lista Fazio". Vito Damiano si dice "comunque soddisfatto se si va al ballottaggio". Il candidato della lista Fazio e del Pdl è "sereno" e vive questa competizione "con tranquillità, senza ansia". 
AGRIGENTO. Si profila un ballottaggio, ad Agrigento, fra il sindaco uscente Marco Zambuto, candidato dall'Udc e dal Patto per il territorio, che ad undici sezioni scrutinate su 55 è attestato al 43,11 per cento, e il candidato Salvatore Pennica, candidato dal movimento civico Epolis, dal Pdl, Grande Sud e Cantiere Popolare, che è al 20,04 per cento. Ha, talvolta passando in testa, inseguito Pennica, il candidato Mariella Lo Bello, attualmente ferma al 15,73 schierata da Api, Mpa, Pd, Fli ed Agrigento protagonista. "L'aver superato il 40 per cento è un risultato straordinario - ha commentato Zambuto - Voglio ringraziare la mia città che mi ha premiato per la politica di risanamento economico e progettuale che fino ad ora abbiamo portato avanti. E lo abbiamo fatto da soli, contro molti partiti che mi ha bersagliato di bugie ed accuse". "Al ballottaggio - ha detto, invece, lapidario il candidato Salvatore Pennica - una partita completamente nuova". 
Fonte: GdS

Nessun commento: