lunedì 28 maggio 2012

Perché un corso giornalismo nella città di Corleone...

L'aula del Cidma con i corsisti
di RINO GIACALONE
Il 2 aprile del 2007 a Trapani in occasione della celebrazione del 22° anniversario dalla strage mafiosa di Pizzolungo, Libera si fece promotrice di un convegno che non era fuori argomento, ma perfettamente pertinente, il titolo recitava così, "l'informazione sulla mafia e le mafie dell'informazione". Cosa era accaduto? Era accaduto che per 22 anni le mafie dell'informazione avevano fatto sparire dalle cronache ogni qual cosa che riguardava quella strage e per la verità la stessa cosa era accaduto anche per altro e accadrà anche per quello che avverrà anni dopo Pizzolungo. Si era realizzato è si è consentito di realizzare per anni, colpevole prima l'informazione, quasi obbedendo a quello sciagurato sindaco che dinanzi ai morti straziati dal tritolo della mafia aveva detto a Enzo Biagi che la mafia a Trapani non c'era, che Cosa nostra non c'era e il sangue dei morti ammazzati era di altra matrice. Perché comincio da qui? Perché se c'è un elenco di malefatte delle quali l'informazione è colpevole certamente in questo elenco ci rientra la sordina che tanti giornalisti hanno messo a una serie di accadimenti avvenuti in Sicilia in un lunghissimo lasso di tempo. LEGGI TUTTO

Nessun commento: