sabato 7 aprile 2012

Nasce l'Officina delle Idee, il cantiere programmatico per la Corleone di domani

CORLEONE, 6 aprile 2012 – Un grande cantiere per la riqualificazione del centro storico, attenzione alle politiche ambientali, alle risorse naturalistiche – con la valorizzazione del bosco di Ficuzza – e alle innovazioni energetiche, il benessere dei cittadini e il rispetto del diritto alla salute, la costruzione di una comunità più solida e consapevole attraverso una rete efficiente di politiche sociali – che valorizzino anche il ruolo dell'associazionismo –, uno sguardo attento alla formazione scolastica e culturale dei giovani: sono questi, in sintesi, i punti focali attorno a cui ruota il programma di Pippo Cipriani, candidato sindaco di Corleone. “Abbiamo chiara qual è la base di partenza per il nostro progetto di riscossa civica – dice Cipriani –. Siamo convinti che Corleone ce la possa fare, perché ha le risorse morali e intellettuali per rinascere. Abbiamo formato un gruppo capace di coniugare l’entusiasmo dei nostri giovani, la sensibilità e l’intelligenza delle nostre donne e dei nostri uomini, insieme a quel pizzico d’esperienza necessari per promuovere il bene comune”.

“Ma tutto questo non basta – prosegue Cipriani –. Pensiamo che il risanamento della città, il suo rilancio e il suo sviluppo possibile debbano passare da una proposta forte e condivisa da quanti vorranno affiancarci in questo percorso. Una vera e propria Officina delle Idee, che metta al centro la partecipazione reale dei cittadini. Per questo abbiamo chiesto, in una lettera aperta distribuita a tutti i cittadini corleonesi, di immaginare la Corleone di domani, di segnalare le proposte e le aspettative, per costruire soluzioni concrete, a partire dalle esigenze dei cittadini. Una rete, insomma – conclude Cipriani –, tra chi quotidianamente abita la città e i suoi quartieri, dal centro alle periferie, che arricchisca il nostro percorso e che possa essere motore di coesione di un progetto interamente fondato sui bisogni dei cittadini”.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Caro direttore, dopo Nicolosi, dopo Iannazzo ( si spera), un secondo Cipriani lo gradiamo, anzi un terzo se si considerano i due mandati precedenti, forse perchè le destre ci hanno stancati, tanto da stancare pure loro che stanno a destra o almeno cosi' dicono... e lo si vede in queste ultime comunali... sono scomparsi i partiti!!!! che poi pero' magicamente appaiono per i famosi rimborsi elettorali!!
Ora se consideriamo Iannazzo, FASCISTA come lui piu' volte si e' definito, e i suoi sostenitori ormai scomparsi credo tanto che stenti a candidarsi perche' lui non viene da un movimento popolare, da una lista civica, ma viene da un partito, che era Alleanza Nazionale che ora non c'e' piu'!Quindi adesso gli manca il partito garantista che lo impone all'elettorato!!!ERA ORA!! lo stesso se facciamo un passo indietro fu Nicolosi ! anche egli "calato" d'alto!!Cipriani no! fu il popolo a volerlo e forse oggi quello stesso popolo lo richiama a guidare questa cittadina che dopo diversi anni rivendica una governance onesta e trasparente! Non dimentichiamo lo scandalo della ciclat o non per ultimo le cascate delle due rocche !!!
Corleonesi non lasciatevi fregare !!! tra qualche giorno spuntera' una lista che haper simbolo un solo un occhio che talia! bene non votatela quell'occhio e' di colui il quale vi ha controllato negli ultimi 5 anni !!! mandiamoli a casa !!!
antonio m.