venerdì 27 gennaio 2012

Tir e ortofrutta in odor di mafia. Alleanza tra Casalesi e Cosa nostra

Sei arresti: per gli inquirenti i boss volevano il monopolio dei trasporti su gomma sull'asse strategico Sicilia-Campania-Lazio con il controllo dei "padroncini". Al vertice il figlio del camorrista Schiavone e il fratello di Riina. In manette anche un componente del movimento dei Forconi

PALERMO - La squadra mobile di Caserta e il Centro Operativo Dia di Roma hanno eseguito sei ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal gip del Tribunale di Napoli, nei confronti di elementi di spicco del clan dei Casalesi-gruppo Schiavone e della famiglia mafiosa Riina-Messina Denaro. I reati contestati sono associazione mafiosa, illecita concorrenza, intestazione fittizia di beni e traffico di armi. Tra i destinatari delle misure restrittive figurano Nicola Schiavone, figlio di Francesco, soprannominato "Sandokan", capo indiscusso dei Casalesi, e Gaetano Riina, fratello di Salvatore, capo dei capi di Cosa Nostra.
ALLEANZA STRATEGICA. Le indagini hanno evidenziato la strategica alleanza conclusa tra la camorra casertana ed imprenditori siciliani organici alla cosca Riina-Messina Denaro, al fine di conquistare il controllo monopolistico dei trasporti su gomma e della commercializzazione all'ingrosso di prodotti ortofrutticoli sull'asse Sicilia-Campania-Lazio, sulle tratte da e per i mercati dell'isola verso quelli campani e verso lo strategico mercato di Fondi (Latina).

Secondo quanto emerso dalle indagini della squadra mobile di Caserta e del centro operativo Dia di Roma, coordinate dalla Procura Antimafia di Napoli, il clan dei Casalesi, in cambio del monopolio dei trasporti in favore di una ditta appartenente a elementi di verice dell'organizzazione, garantivano a imprenditori del commercio all'ingrosso organici alla mafia, la possibilità di vendere i prodotti ortofrutticoli provenienti dalla Sicilia in regime esclusivo sui mercati campani e del basso Lazio, profondamente condizionati attraverso la forza di intimidazione della camorra. Svelato anche un ingente traffico di armi, acquistate nell'Est Europa dai Casalesi, realizzato utilizzando gli autotreni delle imprese di trasporto controllate e gestite dalle organizzazioni camorristiche.

C'E' ANCHE UNO UOMO DEI FORCONI. Secondo quanto si è appreso uno dei sei destinatari delle ordinanze eseguite stamani nei confronti di elementi del clan dei Casalesi e della famiglia mafiosa Riina-Messina Denaro sarebbe stato segnalato nell'ambito della protesta dei "forconi" in Sicilia. Nei giorni scorsi il presidente di Confindustria Sicilia, Ivan Lo Bello, aveva lanciato l'allarme sull'infiltrazione di elementi legati alla criminalità organizzata nel movimento agricolo dei "Forconi".

Inoltre le sei persone alle quali questa mattina la Squadra Mobile di Caserta ha notificato ordinanze di custodia sono le stesse per le quali, nelle scorse settimane, il Tribunale del Riesame aveva annullato la misura ritenendo che il gip Pasqualina Paola Laviano avesse copiato e incollato la richiesta della Procura. I provvedimenti di questa mattina sono stati emessi dallo stesso gip cui i pm avevano inoltrato nuova richiesta dopo l'annullamento.

ACCESSO PRIVILEGIATO A FONDI. Attraverso i fratelli Sfraga, referenti imprenditoriali delle famiglie mafiose Riina e Messina Denaro, Costantino Pagano (titolare della ditta di trasporti "La Paganese" riconducibile però a Nicola Schiavone, e quindi ai Casalesi) intendeva acquisire il controllo esclusivo dei trasporti da e per la Sicilia occidentale offrendo in cambio un accesso privilegiato sui mercati campani e su quello particolarmente cospicuo di Fondi (Latina), tra i più grandi d'Europa. A rivelarlo è il pentito Gianluca Costa, uomo di fiducia e dipendente di Pagano. Un accordo che prevedeva l'estromissione degli altri vettori campani, compresi quelli contigui al clan Mallardo di Giugliano in Campania, come il gruppo "Panico".

IL CONTROLLO DEI PADRONCINI. L'accordo con la mafia siciliana consentiva di fatto a Pagano di controllare tutti i padroncini e le piccole imprese di trasporti, campane, siciliane e calabresi, che intendevano lavorare sulla stessa tratta. Gli ordinativi dei commercianti convergevano su "La Paganese": in parte venivano espletati con i suoi mezzi ed in parte distribuiti, a propria discrezione, fra i piccoli trasportatori che, però, erano costretti a pagare una provvigione. In questa maniera venivano moltiplicati gli utili mantenendo il controllo capillare di tutte le attività dei mercati sottoposti alla sua egemonia.

L'offerta fu formalizzata nel corso di un incontro in Sicilia al quale presero parte Costatino Pagano, i fratelli Sfraga, Gaetano Riina, fratello di Salvatore "capo dei capi" di Cosa Nostra, e Carmelo Gagliano, titolare di una ditta di trasporti di Marsala (Trapani). I rapporti tra la ditta "La Paganese" - e quindi i Casalesi - e Gaetano Riina sono confermati dalle intercettazioni ambientali effettuate durante le indagini negli uffici della società che evidenziarono, in una circostanza, la presenza della figlia di Gaetano Riina.

TRAFFICO D'ARMI. L'imponente flotta di autoarticolati, costituita da centinaia di automezzi, era anche al servizio di altre attività dei Casalesi, come il traffico di armi: un micidiale arsenale, costituito da mitra AK 47 Kalashnikov, mitragliatori pesanti Breda, lanciarazzi e migliaia di munizioni, fu sequestrato dalla Squadra Mobile di Caserta nel luglio 2006. Un acquisto commissionato da Costantino Pagano per conto del gruppo "Del Vecchio" degli Schiavone. Secondo le indagini, le armi erano state importate dalla Bosnia grazie alla complicità di militari che vi prestavano servizio nel corso delle missioni di pace effettuate dopo il conflitto nell'ex Yugoslavia, utilizzando per il trasporto i loro mezzi di servizio.
 La Sicilia, 27.1.2012

Nessun commento: